7 curiosità (che non conoscevi) sulla prigione di Alcatraz

Alcatraz È un’isola in cui è stato costruito un carcere di massima sicurezza per contenere i prigionieri che spesso creavano problemi in altri Prigioni federali degli Stati Uniti. Situato nel cuore della baia di San Francisco, l’isola è circondata da misteri che sono sicuramente sconosciuti alla maggior parte delle persone.

È un centro turistico molto importante per San Francisco da quando è diventato un parco nazionale nel 1972. Ma era già noto molto prima che fosse una prigione e una zona turistica, utilizzata dagli indiani Ohlone Y Miwok e colonizzato dagli spagnoli che vennero nella zona.

In questo modo, molte altre curiosità ruotano attorno a quest’isola che di solito scompare nella nebbia profonda che di solito circonda San Francisco. I biglietti per visitare Alcatraz sono disponibili tutto l’anno ed è un ottimo viaggio per turisti e appassionati di storia.

Oggi te lo diremo 7 fatti curiosi che potresti non sapere sulla prigione di Alcatraz.

  1. È una delle prigioni più conosciute negli Stati Uniti e fino al 1963 è stata un rifugio per i criminali più spietati della storia americana, tra cui Al Capone, Robert Franklin Stroud, George Kelly, Bumpy Johnson, Mickey Cohen, Arthur R. Barker, James Bulger e Alvin Karpis, uno di quelli che hanno trascorso più tempo in quella prigione.
  2. Non c’erano solo prigionieri sull’isola, ma anche civili. Questo è un fatto sorprendente, anche se davvero prevedibile. Riguardava il personale, le guardie e il sindaco con le loro famiglie e i bambini. Dev’essere stata un’avventura agghiacciante in cui vivere “La roccia”, come viene anche soprannominata l’isola.
  3. Nonostante il fatto che i criminali più pericolosi del paese fossero detenuti lì, c’erano molte richieste da detenuti di altre carceri che volevano essere trasferiti ad Alcatraz. Questo perché la dieta era migliore ei problemi molto meno visti il ​​livello di sicurezza del carcere.
  4. Uno dei prigionieri, Robert Franklin Stroud, si è guadagnato il soprannome di “Birdman of Alcatraz” o “Il signore degli uccelli di Alcatraz”, grazie al quale ha dedicato il suo tempo libero al birdwatching. È stato persino scritto un libro in suo onore.
  5. Il suo nome è semplicemente dovuto al fatto che, al momento della sua scoperta da parte di Juan Manuel Ayala nel 1775, l’isola era dominata da un’enorme colonia di sule.
  6. Un gruppo di indiani d’America ha occupato l’isola dopo la chiusura della prigione, come forma di rivendicazione dei propri diritti. Secondo un manifesto, avevano il diritto di stabilirsi in qualsiasi territorio dove fosse vissuto l’uomo bianco, e hanno preso parte ad Alcatraz, oltre a dipingere un curioso cartello di benvenuto: “Pace e Libertà. Benvenuto. Patria della terra indiana libera “.
  7. Anglis e Frank Morris, due dei suoi detenuti, sono riusciti a fuggire dopo una rivolta nel 1962, ma nessuno li ha più sentiti e si presume siano morti, anche se una fotografia suggerisce che siano fuggiti in Brasile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: