Argento colloidale: caratteristiche, pericoli e applicazioni

Nel processo di disinfezione di frutta e verdura, il Argento colloidale, un colloide composto contenente argento, cloro e un rivestimento proteico. La sua produzione è registrata da più di 100 anni, essendo facilmente accessibile.

Molte aziende commercializzano questo prodotto con il nome di “argento colloidale”, ma in realtà dovrebbe essere conosciuto come “argento proteico”, poiché è ottenuto dall’omonima polvere.

Caratteristiche

Nella sua forma chimica originale, l’argento colloidale è a forma di gas con un colore verde-giallastro. Integra, nella sua composizione, cloro, che lo rende un alogeno. Poiché il cloro è un tipo di gas facilmente combinabile, può essere miscelato con quasi tutti gli elementi chimici.

Inoltre, contiene nanoparticelle di argento, che non sono sostenibili in un unico corpo, quindi nel processo è necessario aggiungere un additivo proteico, come la gelatina.

La preparazione dell’argento colloidale compone 1 litro di acqua solvente a 10ºC con 3,10 litri di cloro, aumentando la temperatura a 30ºC, fino ad ottenere 1,77 litri come risultato finale.

Applicazioni dell’argento colloidale

Questo composto chimico ha varie applicazioni, come ad esempio:

Disinfettante

L’argento colloidale è ampiamente utilizzato come antisettico, battericida e nella produzione di antibiotici, essendo questo il suo utilizzo più diffuso. Poiché l’elemento include le proprietà del cloro, viene utilizzato anche l’argento colloidale fare prodotti per la pulizia.

Prodotti di consumo di massa

Viene anche utilizzato nella produzione di solventi, materie plastiche, insetticidi, vernici, carta, coloranti e tessuti.

Chimica inorganica

L’argento proteico funge da sostituto dei prodotti chimici organici come l’idrogeno. Ecco perché può essere applicabile durante la produzione di tetracloruro di carbonio, nella base chimica per gomme sintetiche, così come nella produzione di clorati. È un elemento che funziona come agente ossidante.

Pericoli dell’argento colloidale

L’effetto collaterale più comune dell’argento colloidale nelle persone è l’argiria, che fa diventare la pelle grigia o bluastra. Questa malattia colpisce direttamente la pelle e può essere generalizzata o localizzata. Nei casi più estremi si sviluppa l’argirosi, che colpisce l’occhio in modo permanente.

Di gelatina come composto

A causa dell’integrazione di molecole di gelatina, comunemente note come gelatina, si genera un’elevata contaminazione di batteri, che rende l’argento colloidale un elemento pericoloso da gestire dagli esseri umani.

Di cloro come composto

Il cloro gassoso, d’altra parte, è riconoscibile dal suo colore giallo-verdastro e da quanto sia pesante nell’aria. Per l’umano questo elemento chimico è altamente velenoso e irritante per le mucose, al punto da bruciare la pelle.

L’esposizione regolare al cloro gassoso non è fatale e l’effetto collaterale più comune è l’accumulo di liquidi nei polmoni, una condizione che richiede un’attenzione clinica immediata.

Alcune considerazioni sull’argento proteico

Nonostante le sue caratteristiche pericolose, L’argento colloidale è efficace nel combattere le malattie infettive, e se somministrato in una dose adeguata come trattamento antibiotico, uccide rapidamente i germi senza produrre effetti secondari nell’organismo.

La ricerca indica che dalla metà del 20 ° secolo, l’argento colloidale è stato applicato dai medici per combattere funghi e batteri. Con i progressi della tecnologia, questa sostanza chimica continua ad essere benefica per la salute, a volte integrandosi nella formulazione di unguenti da prescrizione per ustioni e ferite profonde.

Inoltre, l’argento colloidale ha proprietà di rigenerazione dei tessuti, consentendo una rapida guarigione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: