Benefici di non mangiare fritto

Il grassi e lipidi Sono nutrienti importanti nel corpo in quanto servono a creare tessuto nervoso, ormoni e membrane cellulari. Allo stesso modo, sono anche usati dal nostro corpo come “benzina” per andare avanti giorno per giorno. Tuttavia, mangiare fritto fa male alla nostra salute.

È importante tenere presente che il grasso che assumiamo e non bruciamo come combustibile non è funzionale per il nostro corpo, quindi viene immagazzinato sotto forma di cellule adipose, facendoci accumulare più grasso.

Cibi fritti e salute

Il tecnica di frittura Si fa immergendo completamente un alimento nell’olio da solo o con una completa impanatura (solitamente con farina e uovo).

Pertanto, il prodotto finale è un alimento con più calorie di quelle originarie, soprattutto se la frittura non è stata eseguita correttamente. Per questo motivo, i cibi fritti sono cibi che contengono a grande quantità di calorie ed energia.

Cosa c’è di più, i valori nutrizionali del cibo variano a seconda di diversi aspetti: se è stato impanato o meno, la qualità dell’olio, la natura del prodotto, la temperatura e il tempo di frittura.

Dobbiamo chiarirlo i cibi fritti non devono essere cibi malsani, poiché tradizionalmente, il nostro Paese è ricco di gastronomia che utilizza la tecnica della frittura e che fa parte della dieta mediterranea.

Mangiare cibi fritti con moderazione può essere una sana abitudine che fa parte di una dieta equilibrata. Il problema sorge quando vengono consumati troppo spesso, soprattutto nei fast food, poiché l’olio utilizzato non è di buona qualità e il cibo è condito con molto sale.

Come rendere più sani i cibi fritti

Uno dei modi migliori per preparare patatine fritte sane sta usando una friggitrice ad aria calda. Questo elettrodomestico frigge il cibo ad alta temperatura con flussi di aria calda che circolano ad alta velocità.

Con questo tipo di frittura si ottengono cibi fritti con un uso minimo di olio, che è il componente che fornisce più calorie.

Se vuoi seguire il file metodo tradizionaleÈ importante tenere presente che cibi come grossi pezzi di pesce o pollo devono essere fritti a una temperatura compresa tra 120 e 140 ° C.

I prodotti surgelati e precotti, invece, devono essere cotti a circa 150º in modo che non si brucino e la loro parte esterna sia ben cotta.

Per quanto riguarda i prodotti che richiedono una frittura più rapida, come il pesce fritto, è importante impostare la temperatura a 180º.

Se dubiti che sia meglio lasciare il fritto, la risposta è no. Evitando di mangiare fritto, stai dicendo addio a un gran numero di cibi che di solito vengono cucinati con questa tecnica, come le patatine fritte, che contengono una buona quantità di grassi e amido. È inoltre essenziale tenere presente che i grassi non sono il nemico del nostro corpo, sono assolutamente necessari per noi per funzionare in modo efficiente nella nostra vita quotidiana. Finché si combina una dieta sana con un po ‘di esercizio, mangiare fritto non è del tutto vietato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: