Benefici per la salute del caffè confermati da studi scientifici

Negli ultimi anni sono stati effettuati molti studi scientifici per dimostrare che il caffè può essere un ottimo alleato per la salute. Successivamente esamineremo alcuni dei principali effetti benefici del caffè o della caffeina per l’organismo.

Sullo sport

La caffeina è una sostanza stimolante, motivo per cui molti atleti la assumono prima dell’allenamento aumentare le tue prestazioni. Possono farlo in forma di supplemento o in un caffè.

Gli studi hanno confermato questo effetto, eppure ci sono ancora atleti che pensano che l’assunzione di caffeina sotto forma di caffè non avrebbe gli stessi effetti dell’integrazione. Tuttavia, uno studio ha analizzato una serie di persone che hanno fatto esercizi in bicicletta e che avevano un consumo medio di 5 mg di caffeina per chilo e ha concluso che la caffeina sia bevuta che in forma di integratore potrebbe aumentare fino al 5% le prestazioni.

In salute generale

Alcuni anni fa, la caffeina era considerata uno dei fattori di rischio cardiovascolare. Tuttavia, oggi c’è un gran numero di studi che lo negano, sottolineando che il caffè lo è buono per il cuore, nella misura in cui diminuisce il rischio di malattie cardiovascolari.

Sono stati anche dimostrati molti altri benefici per il cervello e anche che il caffè è un fattore protettivo contro il cancro. Per essere più precisi, il caffè è stato indicato da studi scientifici come un fattore protezione dal cancro del colon, della pelle e dell’utero, e questo ha vari benefici per il cervello, evitando ictus e altri incidenti cerebrali.

Altri studi hanno portato alla conclusione che il consumo di caffè riduce il rischio di diabete di tipo 2 lungo termine.

Nella prevenzione dell’Alzheimer e del Parkinson

Sono stati condotti anche studi che collegano il caffè a determinati benefici neurologici. Uno di loro ha suggerito che bere caffè potrebbe aiuta a migliorare la memoria fino a un giorno dopo il consumo. D’altra parte, il caffè ha dimostrato di essere un fattore protettivo anche in altre aree come il cervello, come abbiamo già sottolineato.

Pertanto, si è concluso che il caffè ha la capacità di proteggere dalla demenza e dalla neurodegenerazione in generale, perché il suo consumo della possibilità di interrompere la via dell’adenosina, che è una sostanza chimica che è stata collegata nel cervello con danni neuronali e distruzione.

Altri lavori relativi all’argomento hanno evidenziato che gli individui anziani, con sintomi di lieve deterioramento cognitivo e che bevevano da 2 a 3 tazze di caffè al giorno avevano meno probabilità di sviluppare l’Alzheimer, o almeno diminuivano la velocità con cui sarebbe progredito nel tempo .

Sono stati condotti anche studi che hanno collegato il caffè a minor rischio di Parkinson; e se soffriva già della malattia, sembrava che con il caffè i suoi sintomi migliorassero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: