Caratteristiche e funzione del prologo

Il prologo è un testo che precede un’opera letteraria. È un resoconto breve e conciso della storia che viene raccontata e può essere collocato all’inizio o alla fine del libro. Nel caso in cui sia alla fine, si chiama epilogo. Capire la funzione del prologo è essenziale quando si scrive o si legge.

Inoltre, possono fare riferimento a commenti personali o esprimere situazioni speciali che l’autore vuole sottolineare. Se il lavoro è stato modificato più volte, potrebbe esserci più di un prologo.

La persona incaricata di scrivere la prefazione si chiama prefazione e generalmente non è l’autore del libro, ma è qualcuno che lo conosce molto bene e con la capacità di fornire al lettore informazioni utili sul contenuto dell’opera.

L’origine del prologo

La parola prologo deriva dal greco Pro, che significa “prima” o “a favore di”, e logos che significa “parola” o “discorso”. E, ha la sua origine nel teatro greco, dove all’inizio di una commedia, uno degli attori ha dato un preambolo al pubblico, riferendosi agli eventi che si verificherebbero.

Tipi di prologo

A seconda del loro contenuto e della loro intenzione, i prologhi possono essere:

  • Prefazione personale: Di carattere intimo e confessionale.
  • Letterario: Che fa parte dell’opera letteraria.
  • Prefazione analitica: Contiene informazioni di natura tecnica, accademica o specialistica.

Inoltre, potrebbe esserci il prologo autoriale, che è quello realizzato dall’autore dell’opera.

Quali sono le caratteristiche di un prologo?

Affinché un segmento possa svolgere la funzione di prologo, deve rispettare le seguenti linee guida:

  • È scritto da qualcuno che conosce già il contenuto dell’opera letteraria o dall’autore di detta opera.
  • Descrivi le ragioni che hanno portato alla creazione dell’opera e cosa il lettore dovrebbe considerare per la lettura.
  • A volte esprime un quadro teorico del lavoro.
  • È necessario seguire una sequenza logica per garantire la comprensione.
  • Contiene i ringraziamenti a coloro che hanno partecipato alla creazione dell’opera.

Qual è la funzione del prologo?

La funzione del prologo, principalmente, è quella di presentare un’opera e rendere il lettore interessato al testo. Inoltre, deve soddisfare i seguenti parametri:

  • Offri informazioni pertinenti sul testo presentato.
  • Attira l’interesse del lettore.
  • Evidenzia lo scopo del lavoro.
  • Fornisci informazioni sulle fonti che sono servite come base per l’autore.
  • Nel caso in cui l’opera sia stata modificata in più occasioni, il lettore deve essere avvertito delle alterazioni a cui l’opera è stata sottoposta nel tempo.
  • Ringraziamo chi ha partecipato alla realizzazione dell’opera.
  • Difendi le virtù del testo.
  • Informare sulle origini del lavoro.

Come è strutturato un prologo?

I prologhi non sono obbligati a seguire una struttura rigida, tuttavia, essendo considerato di natura saggistica, in generale, è formato dalla struttura comune per questo tipo di testo.

introduzione

In cui vengono fornite informazioni preliminari al lettore, quali: informazioni sull’autore e l’origine e l’importanza dell’opera.

Sviluppo

È la parte centrale del testo, in cui il prologo rende noto il suo apprezzamento per l’opera, riferendosi generalmente a citazioni letterali o commenti di terzi.

Conclusione

È la parte in cui il prologo conclude la sua presentazione, apportando idee, commenti o immagini con le quali incoraggia il lettore a iniziare a leggere il lavoro.

Quali sono gli elementi di un prologo?

Gli elementi più comuni nei prologhi sono:

Citazioni letterali

Sono segmenti tratti dall’opera, che servono al prologo per evidenziare un commento.

Riferimenti di terze parti

Sono i commenti fatti da altri autori, critici o specialisti sull’argomento trattato nell’opera letteraria.

Cronologie

Le premesse possono contenere cronologie sulla carriera dell’autore, la storia editoriale dell’opera o la composizione del testo.

Approfondimenti personali

È l’opinione emessa dal prologo, dove critica gli elementi dell’opera che secondo il suo apprezzamento sono rilevanti o controversi.

Quali sono i passaggi da seguire per scrivere una prefazione?

I passaggi principali da tenere in considerazione quando si scrive una prefazione sono:

  • Leggi l’opera letteraria che vuoi anteporre.
  • Prendere appunti sui punti chiave o sui punti di interesse e, nel caso di una raccolta di testi, identificare i punti comuni che hanno.
  • Fai qualche ricerca sul tema dello spettacolo.
  • Indaga sulla carriera dell’autore e sul contesto su cui si è basato per scrivere il lavoro.
  • Strutturare il prologo, iniziando con un’introduzione in cui si fa riferimento all’autore e al soggetto dell’opera, quindi vengono evidenziati i punti importanti del testo e, infine, viene fatto un invito al lettore a godersi il lavoro.

Che tipo di opere dovrebbero usare un prologo?

Qualsiasi tipo di testo che richiede una presentazione, come: romanzi, libri di tutti i generi, tesi, storie, copioni cinematografici, antologie, studi scientifici, libri accademici, tra gli altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: