CBD come regolatore dell’appetito: funziona?

Sembra che ogni giorno ci sia una nuova tendenza quando si tratta di perdere peso. E nessuna luce appare all’orizzonte. Uno studio del 2016 suggerisce che ora ci sono più persone in sovrappeso che persone sotto il peso raccomandato. È ufficiale: l’obesità è un’epidemia.

La marijuana è una pianta con una storia molto interessante, che puoi trovare qui, ma oggi è considerata in molti luoghi come un altro integratore.

Sebbene il CBD abbia molti usi, in questo articolo ci concentreremo sull’uso del CBD come regolatore dell’appetito.

Fitness e CBD

La comunità del fitness, ovvero coloro che dedicano molto tempo e fatica a fare esercizio e a stare a dieta per mantenere una buona figura, sono spesso tra i primi a sperimentare le sostanze. Dopotutto, è una comunità molto attiva, sempre alla ricerca di risultati migliori.

La marijuana e, per estensione, il CBD, sono sempre stati visti come uno stimolatore dell’appetito. Sebbene non comprendiamo appieno come questa sostanza stimoli l’appetito, è ancora utilizzata da persone che soffrono di nausea o da coloro che sono in trattamento con la chemioterapia. Funziona molto bene per le persone che hanno perso l’appetito o hanno difficoltà a mangiare.

Per questo motivo, la marijuana era bandita da chiunque cercasse di perdere peso: se la marijuana ti fa venir voglia di mangiare, non sarebbe meglio evitarla comunque? Sì e no.

Si scopre che il CBD non solo stimola l’appetito, ma l’attività neuronale. E indovina quale parte del tuo corpo ha trilioni di neuroni, a parte il tuo cervello: lo stomaco.

È difficile esserne completamente sicuri, ma la teoria più popolare è che stimolando l’attività neurale, ci sentiamo di più con il nostro stomaco. Ciò si traduce in una percezione stimolata, che ci fa capire molto prima quando siamo pieni. Quindi, finché non morirai di fame a dieta, sarai molto più consapevole di quando dovresti smettere di mangiare.

Esercizio e CBD

Abbiamo già stabilito che il CBD aiuta a regolare l’appetito, ma questo da solo non sarebbe sufficiente per perdere peso. O, almeno, non avere una figura di fitness.

Uno studio condotto negli Stati Uniti si proponeva di vedere quale tipo di effetto avrebbe il CBD durante l’esercizio. Hanno scelto un gruppo di atleti professionisti e hanno fatto loro svolgere un regime simile per ciascuno. Alcuni di loro avrebbero assunto il CBD prima di fare esercizio, altri il placebo.

Lo studio ha prodotto risultati incredibili: gli atleti che hanno assunto CBD hanno ottenuto risultati migliori, al contrario di quanto si aspettavano gli scienziati.

Perché sta succedendo?

Il motivo principale sono le proprietà vasodilatatorie del CBD. Vasodilatatore significa che espande i vasi sanguigni, specialmente nei muscoli. Quando i vasi sanguigni si espandono, la quantità di sangue che raggiunge i muscoli è molto maggiore. Questo fa durare i tuoi muscoli più a lungo, più a lungo.

Un segreto di Pulcinella nel mondo del calcio (ad esempio, accade in altri sport) è che i giocatori si comportano meglio quando sono sotto gli effetti degli antidolorifici. In molti casi, gli analgesici non sono visti come droghe stimolanti, quindi non sono considerati illegali.

Gli antidolorifici fanno sì che i giocatori non provino molto del dolore che accompagna l’esercizio estremo: non sentendo questi dolori, le prestazioni migliorano. Vediamola in un altro modo: se dovessi correre i cento metri 10 volte, intorno alla quarta volta i tuoi piedi e le tue gambe ti farebbero già male in modo tale che non potresti nemmeno correre bene. Se elimini il dolore, l’unico ostacolo che hai è la tua capacità di riprendersi dalla fatica.

Ma non devi essere un fitness o un atleta per godere dei benefici del CBD. Acquista un prodotto a base di cannabis o CBD online e provalo prima della tua prossima sessione in palestra. Noterai la differenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: