Che cos’è un diagramma di flusso e come viene fatto?

UN Diagramma di flusso, o diagramma di flusso è la rappresentazione grafica, schematizzata e semplificata, di un processo concettuale più complesso, che contiene una serie di eventi sequenziali, o passaggi concatenati che si sviluppano dall’inizio di un concetto, dalla sua spiegazione e dalla sua conclusione.

È uno strumento pratico nella pianificazione del lavoro delineata, nonché un modo sintetizzato e ordinato di trasmettere un flusso di informazioni importanti in modo che raggiunga il pubblico a cui queste informazioni sono dirette in modo efficiente e facilmente comprensibile.

Cos’è un diagramma di flusso o un diagramma di flusso?

Il diagramma di flusso è fondamentalmente costituito da una sequenza di passaggi logici che organizzano le informazioni per raggiungere la conclusione positiva di un’attività proposta.

Il suo utilizzo è comune nell’istruzione, nella scienza, nel marketing, nonché nella pianificazione industriale e nelle società di servizi in generale, poiché attraverso di essa il focus principale della materia viene veicolato in modo conciso ed efficace., Dirigendo l’attenzione del destinatario pubblico agli aspetti chiave della questione, evidenziandoli su altri dettagli minori.

Essendo uno strumento di sintesi, facilita la comprensione e l’ordine delle diverse fasi del processo sintetizzato, nonché il funzionamento particolare di ciascuna di queste parti separatamente e, alla fine, la loro integrazione nel suo insieme.

Tipi di diagrammi di flusso

La prima classificazione, e la più semplice, mostra il modo in cui viene visualizzato il diagramma rappresentato nello spazio:

  1. Orizzontale: la cui lettura avviene in sequenza da sinistra a destra.
  2. Verticale: dove vengono mostrati i processi disposti dall’alto verso il basso.
  3. Panorama: È ciò che ti consente di vedere l’intero flusso del processo in un’unica vista, l’intero processo in una volta.
  4. Architettonico: dove sono riportati i dettagli dell’organizzazione di un piano di lavoro per itinerari.

La seconda classificazione si basa sul controllo esercitato dal diagramma sul flusso delle informazioni e sul suo progressivo livello di complessità:

  1. Diagramma del canale del flusso di dati
  2. Diagramma di controllo del flusso di documenti
  3. Diagramma di flusso dei controlli interni dei programmi del sistema integrale
  4. Diagramma di flusso tra i componenti dell’intero sistema

Inoltre, il libro “Quality and Process Improvement” (Fryman, 2001), espone un’altra classificazione dei diagrammi di flusso, il cui orientamento è specificamente diretto all’organizzazione nel mondo degli affari:

  1. Diagramma di flusso logico
  2. Diagramma di flusso decisionale
  3. Diagramma di flusso della linea del prodotto
  4. Diagramma di flusso del processo
  5. Diagramma di flusso del sistema

Sai cos’è un grafico di confronto? Leggilo qui!

Come si crea un diagramma di flusso?

Per la realizzazione efficiente di un diagramma di flusso, è necessario seguire una serie di precedenti linee guida tecniche per assicurarne la fluidità e la comprensione. Queste linee guida sono:

  1. I simboli inclusi come parte del diagramma di flusso devono essere collegati tra loro in tutti i casi.
  2. Nessuna linea può raggiungere il simbolo di partenza; devono partire da lui.
  3. Le linee non possono essere separate dal simbolo di fine; devono venire da lui.
  4. Il simbolo di decisione può essere raggiunto da più linee indipendenti, ma a loro volta possono derivarne solo due, quelle corrispondenti alle possibilità di decisione, cioè “si” o “no”.
  5. Qualsiasi altro simbolo del diagramma di flusso può raggiungere, e a sua volta da esso, diverse linee di connessione del flusso.

Passaggi ordinati che devono essere seguiti per creare un diagramma di flusso funzionale ed efficiente:

  1. Definizione semplice e chiara degli obiettivi e dei rispettivi scopi che si prevede di raggiungere.
  2. Determinazione dei punti di inizio e fine del diagramma di flusso, che consentono di raggiungere il raggiungimento degli obiettivi proposti.
  3. Determinazione dell’ordine dei compiti da svolgere. È necessario organizzare in modo cronologico i compiti che devono essere sviluppati durante lo sviluppo di ciascuno dei processi, e se sono organizzati in modo strettamente lineare o correlati tra loro.
  4. Sviluppare l’organizzazione e l’interrelazione di processi, decisioni, punti di controllo, attività, flusso di dati e determinare chiaramente le frequenze ai punti di ingresso e di uscita. Lo sviluppo e la specificazione di un ordine chiaro nel diagramma, consente alle informazioni di fluire senza nodi e che possono essere verificate globalmente e anche da segmenti particolari.
  5. Creazione del diagramma di flusso stesso, utilizzando gli appositi simboli, come sopra indicato.
  6. Audit o valutazione per confermare che il diagramma di flusso funzioni in base agli scopi per cui è stato creato.

Vantaggi dell’utilizzo di un diagramma di flusso

  1. Consente una rappresentazione globale e schematica della somma di ciascuna delle fasi o attività che fanno parte del processo.
  2. Manifesta visivamente e sinteticamente ogni fase o attività di detto processo.
  3. Stabilisce un ordine di linee guida sulla cascata di attività sequenziali che vengono sviluppate dall’inizio alla fine del percorso.
  4. Aiuta a migliorare in modo discreto il riconoscimento di ciascuna delle attività che fanno parte del processo e il livello di relazione di alcune attività con altre.
  5. Riduce al minimo la comparsa di loop di informazioni ripetitivi, migliorando il flusso generale di informazioni nel trasferimento dei messaggi.
  6. Migliora l’efficienza nell’uso dei materiali disponibili.
  7. Ottimizza le operazioni di trasferimento orizzontale delle informazioni tra reparti paralleli.
  8. Ottimizza l’ottenimento di indicatori di selezione per il miglioramento del processo.
  9. Semplificando e sintetizzando i dettagli del flusso di processo, aumenta il ragionamento analitico dei lavoratori utilizzando il diagramma di flusso.
  10. Aiuta a rilevare punti deboli ed eventuali errori nel processo da esso manifestato, aiutando a isolare e proporre idee chiare e concrete per la loro risoluzione in un focus ben determinato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: