Cistite: cause, sintomi e trattamento

Come registrato in uno studio pubblicato, la cistite acuta È l’infezione sintomatica più frequente nelle donne e il problema urologico che motiva il maggior numero di consultazioni.

La cistite è più comune di quanto si pensi, è nota come infezione del tratto urinario o infezione del tratto urinario, può essere acuta o cronica ed è causata dall’infiammazione della vescica.

Non c’è necessariamente un’infezione, può esserne esente e tuttavia infiammarsi. Per questo motivo, l’Organizzazione mondiale della sanità raccomanda di essere cauti nell’uso di trattamenti antibiotici in malattie come la cistite. Questa raccomandazione mira a ridurre la resistenza sistemica generata dal loro abuso e automedicazione.

Più di un decennio fa un’analisi del La sensibilità antimicrobica di Escherichia coli si isola da donne con cistite non complicata per un periodo di un anno ha rivelato che le resistenze mostrate da E. coli erano principalmente contro ampicillina (52,1%), cotrimoxazolo (26%) e poi chinoloni (18%), il che dimostra l’importanza di scegliere il trattamento corretto.

In questo articolo parleremo delle principali cause della cistite, quali sono i sintomi più evidenti che mettono in guardia sulla presenza di un’infezione urinaria e alcune raccomandazioni sul trattamento da seguire, senza escludere cure mediche immediate in qualsiasi momento.

Il potere dell’informazione

Grazie all’accesso illimitato alle informazioni, molte persone cercano indiscriminatamente su Google i propri sintomi e poi si auto-medicano. Questo è un rischio.

Tuttavia, se è necessario farlo, è meglio consultare guide affidabili. Devi solo sapere come cercare.

È possibile ricorrere a una guida sanitaria web, che mirare a fornire tutte le informazioni necessarie per scegliere i trattamenti in modo consapevole e sicuro, in modo responsabile e progettato da esperti del settore.

Sono realizzati da medici specialisti che parlano di varie condizioni e malattie, i principali sintomi correlati e, allo stesso tempo, definiscono ciascuno dei termini medici relativi alla condizione.

Quali sono le cause della cistite

Il principale agente eziologico è E. Coli urinario ed è associato a diversi fattori di rischio. Alcuni di loro, evitabili.

Tuttavia, non è sempre prodotto dalle stesse cause o dalle stesse vie. Piuttosto, le cause possono variare da paziente a paziente. L’infezione può penetrare attraverso le vie urinarie, che è più comune, o attraverso il flusso sanguigno.

In questo caso, l’infezione va direttamente ai reni ed è molto più pericolosa per il corpo.

Di solito, le cause differiscono anche tra uomini e donne. Ma è molto più frequente nelle donne, con un rapporto impressionante 20 a 1 (20: 1). Alcune ricerche lo indicano circa il 50% delle donne soffre di qualche episodio di cistite nel corso della vita e oltres, il 5% dei casi sono focolai ripetitivi causati da un’infezione urinaria mal curata.

È anche possibile che l’infezione sia causata da ferite causate nell’uretra dopo aver avuto rapporti sessuali.

Nell’uomo è eccezionale ed è associato a patologie legate al posizionamento del tubo, sindrome ostruttiva uretro-prostatica, calcoli o presenza di tumori. In condizioni regolari, appare dovuto ad aver subito un’infezione non ben curata, che generalmente ne lascia tracce nella zona della prostata.

Quali persone sono più a rischio di cistite

Chiunque può contrarre un’infezione urinaria, tuttavia, nella popolazione anziana queste sono le infezioni batteriche più frequenti. La sua prevalenza aumenta con l’età, poiché l’invecchiamento produce un’alterazione dei meccanismi difensivi contro le infezioni.

Negli anziani, c’è una diminuzione della risposta immunitaria correlata all’età e un’alterazione delle difese naturali Causato da assottigliamento della pelle, acloridria gastrica, diminuzione della clearance mucociliare, atrofia della mucosa vaginale e uretrale, ipertrofia prostatica, disfunzione dello sfintere nonché uso e abuso di farmaci come antibiotici o steroidi che promuovono l’infezione.

Allo stesso modo, è comune nei pazienti con calcoli renali, uomini con prostate più grandi del normale, pazienti con sonde.

Altri fattori di rischio sono quando le difese del sistema immunitario sono basse o ci sono problemi di malformazione nel tratto urinario alla nascita. Anche neonati, neonati o bambini possono soffrire di cistite, essendo più complicati e pericolosi.

I fattori di rischio associati alla cistite non complicata sono molto variabili e sono principalmente legati all’età, alle abitudini comportamentali, alle condizioni fisiologiche e anatomiche delle vie urinarie e ai fattori genetici.

Le persone con diabete sono considerate fattori di rischio elevato.

Anche la frequenza con cui fai sesso ha molto a che fare con questo. In questo senso, il rischio è triplicato se il numero è maggiore di 3 a settimana e moltiplicato per 9 in caso di rapporto giornaliero. Anche l’uso di spermicidi e diaframmi è considerato un fattore di rischio.

Il rischio nelle donne in postmenopausa a causa dell’assenza di estrogeni o di una storia di infezioni del tratto urinario durante l’infanzia è rilevante. Allo stesso modo, quando l’infezione è ricorrente nella madre, o semplicemente in persone con una storia di infezioni del tratto urinario ricorrenti e donne con una condizione del gruppo sanguigno non secernente.

Sintomi della cistite

I sintomi più frequenti e importanti sono: Disuria o minzione difficile, dolorosa e incompleta. Cioè, quando si urina fa male e c’è una sensazione di desiderio come se non si urinasse completamente.

Pollachiuria, che urina sempre ma in piccola quantità. Specialmente di notte. Urgenza urinaria quando si sente il bisogno di urinare più volte durante la giornata senza successo e dolore nella zona appena sopra il pube.

Può anche essere presentato sensazione di bruciore o bruciore, prurito durante la minzione e dolore nella parte inferiore dell’addome. A volte può ferire la parte bassa della schiena.

In alcuni pazienti vanno da piccole macchie di sangue a sangue nelle urine (ematuria). La febbre è rara, sebbene nei bambini siano possibili alcuni stati febbrili.

L’urina è torbida e talvolta con un forte odore, c’è arrossamento e prurito nella zona vaginale, stati di irritabilità nella persona e inappetenza.

Come trattare la cistite

Circa il 50% di questa condizione guarisce spontaneamente senza trattamento. Tuttavia, è opportuno cercare una soluzione per trattare la cistite, poiché è possibile che progredisca fino alla pielonefrite. Questa è un’infezione urinaria alta che colpisce i reni.

In ogni caso, è consigliabile attendere il risultato del test delle urine o della coltura prima di iniziare qualsiasi trattamento microbico poiché è necessario definire in prima istanza se la cistite è ripetitiva o nuova.

Gli antimicrobici di assorbimento gastrointestinale incompleto dovrebbero essere evitati. Questi, rimanendo più a lungo nel tratto digerente, influenzano la flora intestinale. Allo stesso modo, gli antibiotici con livelli sierici e tissutali elevati e prolungati dovrebbero essere evitati perché modificano anche la flora vaginale e intestinale.

Dopo una prima infezione urinaria, due settimane dopo la fine del trattamento e un periodo di circa sei mesi, possono comparire nuove infezioni.

Sarebbe un’infezione ricorrente se è causata dallo stesso microrganismo o una reinfezione se causata da organismi diversi, a seconda dei casi viene prescritto un nuovo trattamento.

Quando la struttura e la funzione della vescica della persona sono alterate, è già considerata una cistite complicata in questo caso, è necessario eseguire un’urinocoltura e altri esami (cistouretrografia, ecografia renale o vescicale e / o urografia con piastra post-minzionale ) per conoscere la causa dell’infezione e scegliere il trattamento appropriato.

Prevenzione della cistite

Esistono diverse misure per prevenire la cistite o la comparsa di recidive. È raccomandato bere abbastanza acqua, circa 1 ½ a 3 litri al giorno, poiché un meccanismo di difesa è la minzione.

Urina quando sorge il desiderio e non trattenere l’impulso di urinare. Questa cattiva abitudine genera vesciche trattenute, che non si contraggono facilmente e lasciano residui di urina che nel tempo promuoveranno infezioni del tratto urinario.

Aumentare le misure igieniche. Trasportare la carta igienica dalla parte anteriore a quella posteriore, dopo aver evacuato, soprattutto le donne, per non contaminare il perineo con rifiuti fecali. Idealmente, usa acqua e sapone dopo che la carta è pulita.

Preferibilmente, dovresti urinare prima di avere rapporti sessuali in modo che la vescica sia vuota ed evitare traumi ad essa, è possibile evacuare la vescica in un secondo momento per eliminare i batteri dall’uretra. Evitare l’uso di diaframmi e spermicidi e frequenti lavande vaginali.

Indossare biancheria intima in materiale organico, non mantenere la biancheria intima umida o bagnata. Ad esempio, quando si va in piscina o in spiaggia ed si evita di stare seduti a lungo in una zona molto fredda o umida, queste sono precauzioni da prendere.

Dosi subterapeutiche di antimicrobici durante la notte o dopo un rapporto sessuale, immunizzazione del paziente e terapia sostitutiva con estrogeni nelle donne in postmenopausa e un’alimentazione adeguata ed equilibrata sono misure di successo.

L’estratto di mirtillo rosso (Vaccinium macrocarpon) è altamente raccomandato. Viene utilizzato come coadiuvante nel trattamento della cistite, è ricco di vitamina C e polifenoli antiossidanti, ha un’azione batterica a livello digestivo dalla bocca allo stomaco e un’elevata protezione contro le infezioni urinarie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: