Clemente Orozco: uno dei grandi dell’arte murale

Nella storia del Messico è impossibile elencare quali sono i personaggi più rappresentativi della nazione, non perché siano pochi o non importanti, ma per l’eredità condivisa da altre generazioni. In questo caso, vi racconteremo la vita e l’opera di José Clemente Orozco, uno dei grandi muralisti che ha avuto il paese azteco..

I primi segni che hanno reso noto questo illustre personaggio messicano sono le sue mappe topografiche che ha realizzato quando aveva 14 anni. Dapprima studia agricoltura per seguire l’esempio generazionale della sua famiglia, ma in seguito scopre che il mondo artistico gli aprirà le porte al successo, a rappresentare i grandi edifici della nazione.

Biografia

Orozco è nato il 23 novembre 1883 nella città di Zapotlán el Grande, che attualmente porta il nome di Ciudad Guzmán. In tenera età ha imparato cosa vuol dire spostarsi da un posto all’altro. Avendo due anni, la famiglia di sei membri (con quattro figli in totale) ha vissuto per alcuni anni a Guadalajara, ma in seguito si è stabilita a Città del Messico.

Il destino ha voluto che questo artista catturasse grandi dipinti e murales per tutta la sua vita, ma l’inizio di questo talento era noto grazie alla tipografia gestita da José Guadalupe Posada, che abitava a pochi isolati dalla sua residenza. Orozco è rimasto colpito dal lavoro che ha svolto il suo mentore una volta tornato da scuola e attraverso di lui ha iniziato alcuni dipinti a colori, con l’approvazione di Posada.

Da questo episodio, Orozco divenne sempre più interessato alla pittura, fino a quando non chiese ai suoi genitori di iscriverlo all’Accademia di Belle Arti di San Carlos di notte, in modo che le lezioni non influissero sulle sue attività accademiche. Da adolescente, Orozco è stato inviato alla Scuola Nazionale di Agricoltura per imparare tutto sul settore agricolo messicano.

Sebbene la sua famiglia volesse che intraprendesse una carriera professionale in agricoltura, si sono resi conto del grande talento di Orozco per il disegno, quindi hanno deciso di sfruttare questo talento al massimo. Tuttavia, essere un agronomo non era nei piani di questo artista in via di sviluppo, fino a quando non ha lottato per molti anni con una dicotomia tra il piacere dei suoi genitori o il seguire l’orizzonte artistico che, alla fine, ha dato i suoi frutti.

L’anno 1909 è molto importante nella sua vita personale, perché prende una decisione che non potrà tornare indietro: essere un pittore, un artista consacrato. Dal 1911 assume il ruolo di fumettista in alcune pubblicazioni per intrattenere un pubblico che ha amato il fumetto sin dal suo inizio. Successivamente ha concentrato il suo potenziale sulla pittura di alcuni acquerelli nei quartieri nascosti del Messico, per decorare strade e muri.

Tra i suoi dipinti più rappresentativi negli spazi pubblici, troviamo litografie che testimoniano gli antenati, in particolare il gruppo etnico messicano. Vedendo come la sua vita stava cambiando in meglio, sposò Margarita Valladares fino a quando non ebbe tre figli. Qualche tempo dopo consacrò la sua attività pittorica in una mostra personale presso la prestigiosa libreria Biblos, situata nella parte centrale del Paese.

Nel 1922 iniziò un’amicizia trascendentale con Diego Rivera che, come lui, amava la pittura murale sin dal primo contatto con questa manifestazione pittorica. Entrambi hanno deciso di recuperare quest’arte che sembrava persa nel tempo e nello spazio. Con tutti gli obiettivi prefissati, comandavano il sindacato dei pittori che aveva il pieno appoggio dello Stato.

Il movimento muralista messicano è uno dei più commemorativi che probabilmente conoscerai una volta che visiti il ​​paese. L ‘”arte della strada” è didattica, popolare, per recuperare quell’atmosfera nazionalistica, rievocando le esperienze stabilite dai nostri avi durante il periodo della conquista. Tuttavia, Orozco non si è concentrato sull’uomo nel suo ruolo politico, ma sui valori universali e sullo spirito del mondo.

La vita indigena o precolombiana era sempre presente nelle opere di José Clemente Orozco. Proprio la condizione umana è centrata sull’essere umano che ama la terra, i raccolti, il loro patrimonio, la famiglia, che va in guerra in difesa della propria nazione, la difesa della propria religione, tra gli altri.

A volte presentava battute d’arresto con le sue opere, cioè nel 1926 progettò la produzione del murale di San Ildefonso, ma non ci riuscì a causa di un’altra commissione per ricreare ‘Omnisciencia’ nella Casa de los Azulejos. Nel 1927 emigrò nuovamente dal Messico agli Stati Uniti per cambiare notevolmente il suo stile, per rappresentare la disumanizzazione, la fraternità, i benefici della scienza e della schiavitù.

Successivamente, Orozco ha ricevuto il permesso di presentare le sue produzioni al Museum of Modern Art di New York. La fama di questo artista ha permesso al suo nome di essere riconosciuto in tutto il mondo, con un trionfante ritorno in Messico. Nel 1934 catapultò la sua carriera all’apice dipingendo il murale nel Palacio de Bellas Artes. Nel 1941 un’altra sua prestigiosa opera risiede presso la Corte Suprema di Giustizia.

Ricchezze nazionali”Fa parte dei suoi grandi dipinti murali, con tre pannelli, il cui tema è indipendente l’uno dall’altro. Giustizia, satira e critica danno un trattamento umoristico a questa rappresentazione che non tardò troppo ad attirare gli sguardi degli spettatori, specializzati nel fornire le critiche pertinenti per qualificare l’opera completa di José Clemente Orozco.

Nel 1946 ricevette uno dei più alti riconoscimenti che ogni altro artista desidera, il National Fine Arts Award, grazie all’eccellente lavoro svolto con i murales sulle scale del Palazzo del Governo e dell’Ospedale Cabañas. Non c’è dubbio che questi furono gli anni migliori per il pittore, che vide consacrata tutta la sua carriera.

I suoi ultimi anni da artista attivo si sono concentrati sull’uscita dalla sua zona di comfort per provare nuove strategie, esplorando territori sconosciuti con i suoi murales. Con “L’allegoria nazionale” ha provato anche un altro materiale come il cemento con trattamento del metallo, per dare maggiore resistenza alle sue opere.

Non è considerato uno dei muralisti che hanno usato i colori più vividi in ciascuna delle sue opere. Per Orozco, il trattamento del grigio con il nero era sufficiente per fornire un’eleganza sufficiente a ogni spazio che adornò. Tuttavia, il colore rosso è in grado di rappresentare tutte le scene opache, con la collocazione di un personaggio centrale che governa le azioni del murale.

Dal 1941 al 1944 Orozco preferì lavorare alle decorazioni delle grandi istituzioni ecclesiastiche del suo paese, come nel caso della Chiesa di Jesús Nazareno, agli ornamenti situati nelle volte. In questo modo, il grande pittore ha lavorato così fino ai suoi ultimi giorni, senza grandi murales da fare, ma parecchie chiese da decorare.

Morì il 7 settembre 1949, lasciando un ultimo murale incompiuto. Grazie alla fama costruita negli anni, il presidente dell’epoca, Miguel Alemán, ordinò che la sua sepoltura fosse effettuata nel Pantheon degli Uomini Illustri, luogo dove giacciono indelebili i resti di tutte le celebrità di spicco che hanno lasciato un segno nell’Azteca nazione.

Ricordiamo tutti José Clemente Orozco come quell’uomo impeccabile che ha esalato l’ultimo respiro per recuperare l’arte pittorica messicana. A lui dobbiamo grandi illustrazioni nelle strade, negli ospedali, nelle scuole e nei luoghi sacri. Ha stabilito una tendenza che non avremmo mai più perso di vista.

Gioca

Tra le grandi opere che possiamo trovare nella carriera di José Clemente Orozco citiamo quella realizzata dalla Corte Suprema di Giustizia della Nazione nel 1941. Quest’anno non solo si è distinto nella distribuzione di ottimi murales, ma anche in rappresentazioni che alludono a un pubblico politico che ha sostenuto la gestione dello Stato.

The Trench di José Clemente Orozco (1926)

Ciascuna commissione ha presentato una critica alla presidenza, con un tono così satirico che è piaciuto a molti, perché è un modo indiretto per l’artista di chiarire tutti gli errori e le ingiustizie che venivano commesse all’interno della sua amministrazione. Orozco conosceva molto bene la politica messicana, sostenendo addirittura che la parola “giustizia” e la sua pratica fossero in conflitto, facendo l’opposto di ciò che il termine significa dal suo punto di vista.

La vera legge, secondo le stesse parole di Clemente, batte demagoghi, populisti o incantatori di serpenti capaci di conquistare un popolo con false promesse. Gli ideali di libertà sono l’opposto di quello che dicono. Per questo motivo, ha ritratto tre pannelli molto specifici, che contengono un messaggio diretto, conciso, con toni burleschi che destano sospetti nella storia del Messico.

Il resto del suo lavoro completo non è molto diverso da quello dei suoi colleghi Diego Rivera e David Alfaro Siqueiros, grandi muralisti dell’epoca con i quali condivideva un certo grado di affinità. “I tre grandi”, come furono battezzati nella storia, anticipavano il movimento neo-iconico che apparve per la prima volta nel 1960, quando Orozco aveva 11 anni.

Sebbene sia vero che Orozco dipinse alla Corte Suprema di Giustizia per criticare la politica messicana del suo tempo, altre opere sono di natura apolitica, essendo un differenziale da menzionare rispetto ai suoi colleghi Rivera e Alfaro Siqueiros.

Orozco ha sempre preferito al sentimento nazionale (sebbene abbia dipinto alcuni momenti indigeni) il valore universale dell’uomo, di tutte le cose che lo circondano. Per questo osserviamo la figura umana al centro di tutti i suoi murales, perché è il capitano del proprio destino; Ha il controllo di assolutamente tutto nel suo ambiente, una figura davvero imponente.

Poche linee, colori tenui, tenui ma con grande stile è la sintesi di un percorso artistico impeccabile, di un uomo in anticipo sui tempi, che ha difeso i suoi ideali sulla voglia dei genitori di fare l’agronomo. Grazie alla sua autonomia, oggi è ricordato come un uomo illustre che riposa in un cimitero che occupa le spoglie dei grandi.

Stile

Orozco preferiva molti colori a quelli più scuri come il nero o il grigio, per fornire un realismo con tocchi espressionisti legati a un’antica tradizione messicana. Ha sempre sostenuto le cause sociali attraverso le sue opere, cioè per essere altruista, molte volte ha dipinto, disegnato o decorato spazi aperti o chiusi per sostenere le giuste cause, con un incredibile realismo che pochi colleghi successivi hanno raggiunto nella sua carriera.

Amicizia con Rivera e Alfaro Siqueiros

José Clemente Orozco non è mai stato solo nella sua fama di pittore riconosciuto e di eccellente muralista, perché crediti condivisi con Diego Rivera, nato in Messico l’8 dicembre 1886, con data micidiale il 24 novembre 1857. Ribelle e spensierato riguardo al suo lavoro, ritrae situazioni puramente politiche nelle strade e negli edifici. Ha dialogato con le idee comuniste per tutta la vita.

Il Centro storico di Città del Messico ha più murales, di cui la stragrande maggioranza è prodotta da lui. Allo stesso modo, la Scuola Nazionale di Agricoltura di Chapingo è decorata con alcuni murales e dipinti di sua produzione. Più volte ha mescolato la sua vita professionale a quella sentimentale, quando ha dipinto Cristina Kahlo nel Palazzo Nazionale (sorella di Frida) con i suoi amici.

Infine, troviamo David Alfaro Siqueiros, con una carriera militare e comunista di alto livello. Ha condiviso grandi momenti con José Clemente Orozco, soprattutto quel gusto per i murales aperti. Nella sua incipiente carriera iniziò con disegni litografici di natura politica che trascendevano i confini degli Stati Uniti.

Insieme ad un gruppo di studenti si è recato a New York per allestire una mostra dal titolo “Arte grafica messicana”. Oltre a ciò, ha completato il suo murale “América Tropical” con l’indicazione completa della natura offerta in questo continente. Poco dopo, ha fatto un viaggio per produrre un altro murale, facendo parallelamente il lavoro di editorialista in uno dei suoi giornali.

Riuscì a realizzare un murale nello stile di un autoritratto dal titolo “El Coronelazo”. Questo pseudonimo fu ricevuto al ritorno della guerra civile spagnola, grazie ad una brillante carriera come tenente e colonnello. I gesti dell’uomo sono eloquenti, con espressioni caratteristiche della sua personalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: