Colibrì: curiosità e rarità su questo uccello

Il colibrì, noti anche come colibrì, sono piccoli uccelli abbastanza caratteristici, tipici dell’America centrale, sebbene siano riusciti a diffondersi in tutto il continente americano.

Sono uccelli molto piccoli e le loro dimensioni possono essere comprese tra 5 e 20 centimetri. Non sono neanche molto pesanti, i più grandi raggiungono appena i 24 grammi, il che dà loro il titolo di l’uccello più piccolo del mondo. Tuttavia, possono battere le ali tra 80 e 200 volte al secondo.

La loro dieta si basa sul nettare dei fiori. Tuttavia, possono anche mangiare piccoli insetti che trovano, come altri uccelli.

Curiosità e rarità sui colibrì

Colibrì sono piuttosto peculiari rispetto ad altri uccelli, il che li rende molto attraenti per molte persone. Pertanto, qui vi mostriamo un elenco delle sue principali curiosità e rarità.

Possono essere molto aggressivi

Solo perché sono gli uccelli più piccoli del mondo non significa che siano codardi. Molte volte sono in grado di affrontare uccelli molto più grandi di loro, soprattutto quando si prendono cura dei loro nidi, non permettono a nessun uccello di avvicinarsi alle loro uova o ai loro piccoli.

Nessuno vola come loro

Sono gli unici uccelli che possono volare all’indietro o stare in un unico punto nell’aria grazie al loro modo unico per muovere le ali. Questo dà loro anche la possibilità di cambiare bruscamente la loro traiettoria di volo, senza dover fare manovre speciali. Cosa che nessun altro uccello può fare al mondo.

Fisiologia accelerata

Una delle regole della natura è che più piccola è la creatura, più velocemente funziona il suo organismo. I colibrì hanno portato questa regola a un nuovo livello: il loro cuore può battere fino a 1.200 volte in un minuto. E nello stesso lasso di tempo, puoi fare più di 500 respiri. Qualcosa di veramente sorprendente.

Sono i vertebrati più golosi del mondo

Un singolo colibrì può consumare il nettare di fino a 3.000 fiori in un solo giorno. Se si tiene conto del proprio peso e si confronta con quello che mangiano gli altri animali, questi sono i vertebrati che mangiano di più. Se un essere umano volesse essere al livello di un colibrì, dovrebbe mangiare 130 kg di cibo in un solo giorno.

Una mente prodigiosa

Nonostante siano così piccoli, hanno menti eccezionali. Hanno la capacità di tenere il tempo con precisione, oltre a ricordare esattamente quali fiori hanno nutrito e quando saranno in grado di estrarre nuovamente il nettare da loro.

Il più piccolo dei grandi e il più grande dei piccoli

Il colibrì zunzuncito è il più piccolo colibrì di tutti, può crescere solo fino a 5 centimetri e pesare solo 2 grammi. D’altra parte, il gigas di Patagona o colibrì gigante è il più grande di tutti, cresce fino a 20 centimetri e raggiunge i 24 grammi di peso. È anche il colibrì più lento.

Non posso camminare

Le zampe del colibrì sono inutili a terra, costringendoli a trascorrere la maggior parte della giornata appollaiati da qualche parte per risparmiare energia.

Sono madri molto attente

La femmina del colibrì visita il suo bambino più volte al giorno per nutrirlo, circa 140 volte.

Un becco lungo quanto il suo corpo

Il colibrì dal becco a spada ha come caratteristica principale che il suo becco è lungo quasi quanto il suo corpo.

Sono nati con un becco corto

Alla nascita hanno un becco più corto e largo che facilita la ricezione del cibo dalle madri. Ma man mano che il becco cresce, si allunga fino a ottenere la sua forma caratteristica.

I colibrì sono uccelli unici e molto particolari che non finiranno mai di stupirci per la loro unicità e bellezza.

Potresti anche essere interessato a leggere: Bonobo, la scimmia più promiscua (e simile a un uomo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: