Cosa sapere sugli stinchi

È uno dei fastidi più comuni che soffrono i corridori -se sono professionisti o no- che devi sapere come rilevare e non ignorare. La periostite tibiale può essere prevenuta indossando scarpe comode, ma ai primi sintomi devi andare dal medico.

Chi ama uscire per una corsa per mantenersi in forma deve conoscere il male che lo ossessiona di più, la periostite tibiale, la lesione ossea che di solito attacca i corridori -ma allo stesso modo in cui è comune, è facile prendersene cura- .

Durante la corsa, sfregamenti, vibrazioni e attriti si verificano nella tibia, ma più precisamente nel periostio, la membrana che ricopre tutte le ossa, -anche se in questo caso si tratta di quella che ricopre la tibia-. La membrana ha il compito di irrigare, nutrire e dare sensibilità all’osso, in modo che sia strettamente attaccato ad esso.

Tutti i corridori sono suscettibili a crampi alle gambe, bruciore o altri fastidi e questi possono essere una conseguenza di steccobende. I disagi sono più frequenti in quei corridori che hanno iniziato di recente a fare questo tipo di esercizio, in coloro che hanno un calo per qualsiasi motivo nella frequenza e nell’intensità dei loro trattamenti, quando si abbassa il ritmo di una gara o dopo una ginnastica ritmica inadeguata. Va detto che il calisthenics è un tipo di allenamento, un’intera disciplina sportiva che con il movimento naturale del corpo si ottiene la massa muscolare.

La periostite tibiale può essere prevenuta indossando calzature adeguate

Poiché non è un dolore acuto, la periostite tibiale può essere messa da parte, tuttavia si tratta di una condizione che richiede supporto medico. Uno degli aspetti fondamentali per prevenire i tutori tibiali sono le scarpe da corsa.

Devono essere utilizzate solo scarpe adatte alla corsa che abbiano un sistema di ammortizzazione o imbottitura in grado di distribuire il peso del corpo il più uniformemente possibile sulla superficie del piede.

Ci sono superfici più dure di altre, l’asfalto è il più dannoso per chi soffre di stinco. Il cemento è altrettanto duro ma molto più malleabile e il più adatto a chi ne soffre è la terra. Tieni presente che l’impatto di un passo a terra può essere effettuato con una velocità di 30 chilometri all’ora o più.

Quando il normale movimento del piede viene eseguito in modo eccessivo, si può parlare di iperpronazione, tenendo conto che il normale movimento del piede si chiama pronazione e questa è una delle cause della periostite tibiale.

Come identificare i diversi tipi di steccobende

Tra i tipi di periostite tibiale è necessario differenziare quelli che si verificano nell’area interna e nell’area esterna della tibia, che spesso si manifesta come gonfiore sulla zona interessata, anche se a volte non lo è.

Altre volte si presenta come una bruciatura o una puntura. Se si verifica in entrambe le gambe contemporaneamente, l’effetto può essere fatale, poiché difficilmente sarà possibile svolgere normalmente le attività quotidiane.

La periostite tibiale non va mai confusa con l’osteopenia, così viene chiamato lo stress subito dall’osso, poiché quest’ultimo può innescare una frattura e la prima no, da qui l’importanza di andare dal medico quando si avvertono i primi sintomi.

Il sintomo più comune è sentire un pizzicotto all’inizio dell’allenamento che diventerà sempre più acuto. Spremendo l’area dello stinco senza forza eccessiva al centro della tibia così come i muscoli della zona, possiamo verificare se c’è una periostite tibiale se dopo il tocco c’è dolore nell’area.

In questo caso è fondamentale parlare con il medico o l’allenatore, che può dare esercizi per tenere a bada questo fastidio, il problema più comune tra i corridori dilettanti e professionisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: