Cos’è la biotecnologia ea cosa serve?

La biotecnologia è la scienza che studia e analizza le tecniche che vengono applicate nel lavoro con organismi viventi, sistemi biologici, qualunque sia la loro forma di riproduzione o di vita. Finché questi organismi sono costituiti da cellule che, a loro volta, hanno molecole di DNA, l’acido desossiribonucleico, che contiene le informazioni genetiche di ogni cellula di ogni individuo.

La biotecnologia è qualsiasi applicazione tecnologica dedicata a cellule e organismi come persone, animali e piante o qualsiasi loro derivato, al fine di creare, modificare, migliorare, ottimizzare, ecc., Prodotti o processi per usi specifici.

Come si può vedere, è una scienza che coinvolge un gran numero di discipline, poiché coinvolge chimici, biologi, agronomi, farmacisti, veterinari, medici, ingegneri, fisici, tecnologi, informatici e persino avvocati, che analizzano le implicazioni legali e etica sia delle tecniche che dell’approccio allo studio.

Un po ‘di storia della biotecnologia

Storicamente, la biotecnologia è stata presente nelle opere che hanno fatto gli egizi e gli arabi, molto tempo prima di Cristo, nei processi di fermentazione e conservazione e nella creazione di prodotti come la birra, il vino e il pane che distribuivano nelle celebrazioni e nei rituali; ma senza la consapevolezza che quello che stavano facendo era biotecnologia.

Chi introdusse il termine per la prima volta fu probabilmente nel 1917 Károly Ereki, un ingegnere agrario nato in Ungheria, e che successivamente (1919) lo utilizzò nel suo libro “Biotecnologie nella produzione di carne e latticini di una grande fattoria”.

Da allora, la biotecnologia ha avuto diverse fasi, cioè si è evoluta in accordo con gli interessi della scienza, e le sue tecniche sono state rafforzate e migliorate a causa della necessità che l’uomo ha dovuto modificare le molecole.

Fasi della biotecnologia

Avendo diversi secoli di esistenza, si possono indicare le seguenti fasi della biotecnologia:

Prima generazione

Conosciuta anche come tradizionale, è quella che veniva eseguita anche prima di Cristo, come abbiamo accennato in precedenza, ed era praticata da egiziani e arabi, che applicavano varie tecniche di manipolazione per la creazione di prodotti e la loro conservazione.

Seconda generazione

Grazie al contributo di molti scienziati, ci sono state informazioni sull’eredità, che sono servite a sapere qual è il processo di trasmissione delle caratteristiche dai genitori ai figli e cosa si apprende nella biologia delle scuole superiori.

Da questa conoscenza, la manipolazione dei prodotti, in particolare delle colture, ha cominciato a moltiplicare la loro produzione, per migliorarne le caratteristiche, essendo questo uno dei grandi contributi della biotecnologia.

Terza generazione

In questa fase, la biotecnologia viene utilizzata per manipolare il DNA nei laboratori, per ricombinarlo e inserire diversi geni in esso per migliorare le specie, sviluppare tecniche di fertilizzazione, creare prodotti transgenici e creare cloni.

A cosa serve la biotecnologia?

Così come esiste una grande varietà di discipline in cui si pratica e si sviluppa la biotecnologia, sono molteplici le aree che hanno beneficiato di questo campo scientifico, tra cui l’agricoltura, la medicina in tutte le sue specialità, l’ambiente, l’industria alimentare, la farmacia, ecc. Veterinaria. , tra gli altri.

Il campo di applicazione della biotecnologia è così ampio che la letteratura specializzata l’ha classificata per tipologia, assegnando un colore a ciascun campo.

Blu o blu navy

Questa biotecnologia viene applicata in ambienti acquatici e marini, è in costante sviluppo ei miglioramenti sono diretti all’alimentazione, all’acquacoltura, ai prodotti cosmetici e all’assistenza sanitaria.

Verde

Questo è uno dei più antichi e sviluppati; È stato applicato in processi agricoli come la creazione di piante geneticamente modificate, chiamate anche piante transgeniche, che hanno cambiamenti che si traducono nel renderle più resistenti ai cambiamenti di temperatura, ai parassiti e agli ambienti estremi, che migliora la produttività delle colture.

Rosso

Questa biotecnologia, che ha utilizzato l’ingegneria genetica per sviluppi medici, lavora per produrre vaccini, farmaci, soprattutto antibiotici, utilizzando organismi i cui geni vengono manipolati per fornire trattamenti adeguati ed efficaci, è anche nota come terapia genica.

Grigio

Questa biotecnologia è stata sviluppata per preservare le specie, specialmente quelle che sono in pericolo di estinzione; il suo obiettivo è mantenere la biodiversità, eliminare gli agenti che inquinano la natura, come i metalli pesanti. È legato al biorisanamento, dove la biotecnologia applicata a piante e microrganismi viene utilizzata per lavorare per eliminare le sostanze dannose per l’ambiente.

Bianca

La biotecnologia identificata con questo colore è associata al miglioramento dei processi e agli usi amichevoli delle sostanze utilizzate nell’industria; L’idea è di lavorare con prodotti biodegradabili, in modo che i processi di produzione comportino un minor consumo di energia e che i rifiuti o le responsabilità ambientali stiano diventando sempre meno e più facili da scomparire dall’ambiente.

La ricerca scientifica e gli sviluppi biotecnologici in questo tipo di applicazioni hanno portato allo sviluppo di imballaggi biodegradabili, come i sacchetti “di plastica” realizzati con gusci di manioca che non danneggiano l’ambiente una volta scartati.

Arancia

In questo campo, cerca di diffondere la biotecnologia attraverso la diffusione scientifica, che incoraggia l’incursione in questo settore, al fine di avere più specialisti dedicati allo sviluppo biotecnologico, alla creazione di nuovi materiali e alla progettazione di processi meno dannosi per il pianeta.

Marrone

In questo campo ci sono sviluppi biotecnologici che migliorano i prodotti veterinari, come vaccini, farmaci e mangimi per animali; c’è anche il lavoro applicato ai terreni desertici.

D’oro

Si riferisce all’uso e allo sviluppo della bioinformatica, come l’uso di strumenti, nanotecnologie, ecc.

Nero

Le opere di biotecnologia che sono raggruppate nella banda nera sono relative alla gestione di organismi e processi destinati ad essere utilizzati come armi biologiche, è anche noto come bioterrorismo, e la ricerca che diversi paesi mantengono cerca di prevenire questo tipo di attacco.

Rosa

Comprende gli aspetti legali relativi a brevetti, proprietà intellettuale, protezione dei dati dei pazienti, bioetica, il diritto dei pazienti di conoscere i nuovi trattamenti generati ei loro possibili effetti collaterali, ecc.

Giallo

Questo tipo di biotecnologia trova applicazioni nell’industria alimentare, con l’utilizzo di biomolecole e organismi viventi, come, ad esempio, l’uso di enzimi per la lavorazione degli alimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: