Gengive che sanguinano? Scopri cos’è la gengivite

A volte si pensa che le cure dentistiche di routine siano eseguite correttamente e che un leggero sanguinamento sia normale. Tuttavia, questo è solo un sintomo di gengivite. Per questo motivo, è importante sapere di cosa tratta questa malattia, come viene trattata e come viene prevenuta.

Lavarsi i denti e lavarsi la bocca è un’abitudine che si impara sin dalla comparsa dei primi denti. Questo viene fatto per mantenere quei preziosi denti in buone condizioni che ti permettono di masticare il cibo, comunicare correttamente e anche avere un sorriso che abbagli gli altri.

Tuttavia, essendo un’attività di tale routine, è normale che inizi ad essere svolta in modo automatizzato, senza prestare sufficiente attenzione ai dettagli.

Questa negligenza causa principalmente la manifestazione di sintomi di malattie che possono manifestarsi, come ad esempio la gengivite, essendo questo uno dei problemi dentali più frequenti nelle persone, motivo per cui ne parleremo un po ‘oggi, le sue cause, i trattamenti e modi di prevenzione.

Cos’è la gengivite?

È una malattia orale causata dai resti di cibo che rimangono intrappolati tra i denti e che favoriscono la proliferazione di batteri che causano l’infiammazione delle gengive e il loro sanguinamento.

Il più delle volte, per ignoranza, le persone presumono che l’emorragia sia normale a causa di un movimento improvviso con lo spazzolino o il filo interdentale.

Tuttavia, una gengiva sanguinante non è normale. Questo è il primo sintomo che rivela l’esistenza di gengivite, una malattia che, se non trattata, può provocare parodontite, con la perdita dei denti.

Nella maggior parte dei casi, la gengivite è causata dall’accumulo di batteri nel biofilm dentale a causa della trascuratezza dell’igiene orale e del passare del tempo.

In questo senso, quando i batteri vengono raggruppati in detto biofilm, provocano l’infiammazione delle gengive per reazione, e quindi il loro sanguinamento, sia durante la normale spazzolatura che spontaneamente.

Trattamento della gengivite

Per trattare la gengivite, È necessario consultare un dentista, poiché è necessario rimuovere la placca batterica e il tartaro, che richiede l’uso di attrezzature specializzate e, naturalmente, le nozioni dello specialista.

Una volta effettuata la pulizia dentale, che può essere in una o più sedute, nel modo più chiaro sarai incaricato di educare i tuoi pazienti sui corretti idiomi dell’igiene dentale, rispetto allo spazzolamento, al filo interdentale e anche al collutorio.

Allo stesso modo, sottolineerà l’importanza delle visite di controllo dal dentista, essendo questo il modo migliore per prevenire qualsiasi tipo di malattia orale e dentale.

Misure di prevenzione della gengivite

Nonostante sia uno dei problemi dentali più comuni, è anche uno dei più facili da evitare. Questo è perché tutto partirà da buone abitudini di igiene dentale. Pertanto, il modo migliore per prevenire la comparsa di gengiviti è seguire le seguenti linee guida:

  • I denti devono essere spazzolati nel modo giusto, dedicando tempo a ciascuno, da tutte le parti.
  • Inoltre, la spazzolatura deve essere completata con il filo interdentale, per prevenire il deposito di placca e residui di cibo tra le scanalature delle gengive e dei denti.
  • Anche il cibo gioca un ruolo fondamentale, perché una buona alimentazione e in equilibrio, darà forza ai denti e alla mascella.
  • Va bene Evitare l’uso del tabacco.

Infine, va sottolineata l’importanza di visitare periodicamente il dentista, in modo che possa effettuare una pulizia profonda dei denti e formulare le raccomandazioni necessarie a seconda dei casi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: