Cos’è un legame ionico? Caratteristiche, proprietà ed esempi

La coniugazione di elementi non metallici e metalli è l’inizio di un legame ionico. Con gigantesche strutture a forma di cubo, è diventato uno studio interessante per gli studenti. Soprattutto quando si tratta di utilizzo nella vita quotidiana e in industrie che sfruttano sostanze ioniche.

Il legame ionico e la sua struttura

Un legame ionico è formato dal trasferimento di particelle tra una coppia di atomi. In questo caso, gli elementi dei gruppi metallici e non metallici sono una fonte essenziale in questa interazione. Un processo in cui i metalli tendono a perdere elettroni stabilendo una carica positiva, ecco perché sono conosciuti come cationi. Ora, i non metalli sono l’opposto, guadagnano e mantengono una rete negativa, producendo anioni.

L’interazione è causata da numerose quantità di ioni, una limitazione con una sola coppia di cariche è impossibile. Inoltre, la forza elettrostatica con ioni di diverse cariche, guida la formazione di un composto solido o liquido. La struttura viene catturata in un modello tridimensionale con una varietà di ioni che creano un composto di grandi dimensioni. La visualizzazione della ionizzazione richiede tracciati corretti, concentrandosi sulla forma della cellula unitaria.

Classi di celle unitarie

La cella unitaria è solo una parte del composto, l’idea è di prendere un’area ripetuta e mostrare ogni interazione. Anche le altre celle attorno ad esso, vertici e bordi, vengono utilizzate nel percorso degli ioni. Con le forme cubiche, le celle sono divise in tre tipi:

  • Semplice: È una figura cubica, che contiene 8 particelle che si trovano in ogni vertice.
  • Centrato sul corpo: con 8 particelle distribuite nei vertici si differenzia da quella semplice tenendone una in più nel nucleo. Questo è diverso dagli altri 8, quindi è identificato come centrato sul corpo.
  • Incentrato sui volti: lo stesso numero di particelle nei vertici stabilito negli altri cubi. Tuttavia, su ogni faccia c’è una particella, che forma una rete con un totale di 14 punti simili.

Aspetti che risaltano in un legame ionico

La valutazione di un legame ionico richiede uno studio delle caratteristiche che risaltano maggiormente nella sua composizione. Da lì, il concetto è ben noto e alcune preoccupazioni vengono chiarite. Il seguente elenco spiega questi principi fondamentali:

  • Cariche Per formulare un composto stabile con guadagni e perdite di carica, vengono utilizzati termini specifici come: catione e anione.
  • Gli atomi reagiscono nella situazione di ionizzazione e passano attraverso le particelle corrispondenti. I due elementi procedono ad interagire con loro, che si posizionano nella direzione di orbita tra i due atomi.
  • Questo legame è debole con l’applicazione di forze esterne, optare per una repulsione di solito rompe la sua composizione.
  • Facendo uso di un macroscopico, si può evidenziare un materiale formato da strutture cristalline.
  • È necessaria una notevole energia che dia origine alle particelle cationiche, anche un’elettricità che promuove gli anioni.
  • Mostra una forte stabilità quando gli ioni sono di piccole dimensioni, l’attrazione è favorevole.
  • Un collegamento di questo tipo non avverrebbe mai, coinvolgendo particelle di livello neutro.

Proprietà (punto di fusione e di ebollizione)

Il legame ionico si disperde nello spazio fino al raggiungimento degli ioni distribuiti, evitando uno specifico percorso. Così, I composti acquisiscono un’elevata resistenza da legami consolidati e altre proprietà. L’elettronegatività, ad esempio, è una delle cause principali del legame, utilizzando elementi (metalli e non metalli), questa particolarità è variabile. Avere una differenza notevole è un’imposizione per ottenere lo scambio di elettroni.

  • Approfittando del composto -NaCl- come esempio, evidenzia il livello corrispondente ai punti di fusione in questi legami. Con una temperatura intorno agli 801 ° C, il sale si scioglie, per ionizzazione. In questo senso si evidenzia la potenza di una proprietà riferita al punto di fusione di questi composti.
  • Non appena la fase di fusione è completata, il NaCl acquisisce uno stato liquido, muovendosi con molta più libertà. Diversi ioni si trovano nella parte superiore, in questo caso particolare, Na + insieme a Cl–, creano una tensione. L’elettronegatività che vi si instaura è forte, al punto da ostacolare il passaggio degli ioni allo stato gassoso. Pertanto, la temperatura si trova a 1465 ° C, l’intenzione è di raggiungere una pressione come l’atmosfera.

Spiegazione della composizione NaCl

Mentre è vero un legame ionico è formulato con anioni e cationi, cercando di neutralizzare i due atomi. L’obiettivo è fissato con l’intenzione di trasferire elettroni e protoni, creando due nuclei con la stessa elettricità. Prendendo un elemento metallico dalla tavola periodica, puoi interpretare i cambiamenti che si verificano. Un esempio è Na (Sodio), secondo i suoi 3 strati, distribuisce gli elettroni come segue:

  • 1 ° strato: 2 elettroni
  • 2 ° strato: 8 elettroni
  • 3 ° Cap: 1 elettrone

Come conseguenza dei pochi elettroni nel suo ultimo guscio, il Na è un elemento facile da perdere. L’opposto accade con Cl (cloro), che guadagna elettroni avendo un ultimo strato completo. La sua struttura è così composta:

  • 1 ° Cap: 2 elettroni
  • 2 ° Cap: 8 elettroni
  • 3 ° Cap: 7 elettroni

Con il trasferimento di un elettrone da Na a un elemento come Cl, la composizione è stabile. Uno ione Na + caricato positivamente e un Clacation caricato negativamente si fondono per formare il legame. La regola in cui due atomi con cariche diverse provocano un’attrazione.

Vantaggi nei settori industriali

Le industrie utilizzano sostanze ioniche su base ricorrente, come nel caso dello ioduro di potassio e dell’ossido di ferro. Il primo si concentra sulla prevenzione dell’ipotiroidismo della malattia, causato nell’uomo da una quantità insufficiente di iodio nel sistema. Il secondo viene utilizzato nei materiali ceramici per ottenere un pigmento di tipo ossido ferroso o ossido ferrico. Inoltre, aggiunge colore al cemento, utilizzato nella costruzione di strutture come; edifici, case, ponti, ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: