Cos’è un planisfero celeste e come viene utilizzato

Un planisfero celeste è fondamentalmente una mappa semplificata della volta celeste, in cui puoi osservare le stelle. Quindi una latitudine specifica entra in gioco quando si utilizza un planisfero.

Secoli fa, i marinai usavano le stelle per navigare. Si capisce quindi che attraverso la loro posizione, prendendo principalmente come riferimento le costellazioni, è possibile localizzarsi.

In base alla nostra posizione e al periodo dell’anno possiamo regolare un planisfero per il riconoscimento delle stelle.

Vuoi saperne di più su questo argomento? Spieghiamo in cosa consiste un planisfero e la sua applicazione!

Cos’è un planisfero celeste

Il planisfero celeste è costituito da due dischi regolati da un perno comune. Questa carta stella si unisce al centro con una copertura opaca circolare sovrapposta. A sua volta, questo tetto ha una finestra ellittica che ti permetterà di apprezzare una parte del cielo in un momento specifico.

Dopo un anno, gli esperti indicano che l’aspetto del cielo sarà lo stesso in una specifica ora di osservazione. Ovviamente guidandoci dallo studio delle stelle, grazie al planisfero. Un risultato che si ottiene perché il suo coperchio sovrapposto ruota sul perno comune.

È anche importante sapere che la finestra di un planisfero celeste è progettata per uno scopo particolare. Che il cielo si apprezza in un dato intervallo di latitudine. Allo stesso modo, i quattro punti cardinali si trovano lungo il bordo della finestra.

Per visualizzare i mesi dell’anno, guardiamo al fatto che si trovano sul bordo della mappa stellare. Mentre le ore del giorno sono sul bordo della copertina sovrapposta.

In questo modo, il disco e il deck vengono adeguati alla data e all’ora di osservazione correnti rispetto alla mappa stellare.

Caratteristiche e metodi di proiezione

Finora lo abbiamo capito il planisfero celeste fornisce una proiezione della sfera celeste, per mezzo di una superficie piana. Oltre a questo, è fondamentale sapere che il disco superiore ha un orizzonte per mostrare la parte visibile del cielo. Questo è progettato per una latitudine specifica. Tuttavia, è possibile scambiare più dischi superiori per la copertura di diverse latitudini. Ma tutto dipenderà dal design del planisfero.

D’altra parte, ci sono planisferi molto precisi che rappresentano l’ascensione retta, così come la declinazione. Queste coordinate celesti ci daranno un’idea della posizione di comete, pianeti e asteroidi. Esistono persino planisferi celesti che offrono le coordinate di declinazione stampate sulla linea che unisce nord e sud all’orizzonte.

Ora, per la proiezione della sfera, si registrano due metodi, che sono:

  • Proiezione polare equidistante azimutale: il nostro cielo è disegnato concentrandosi su un polo celeste. Allo stesso tempo, si osservano cerchi di uguale declinazione equidistanti dai poli e l’uno dall’altro.
  • Proiezione stereografica: le costellazioni sul bordo sono ingrandite, rispetto a quelle del polo celeste. Ciò significa che le distanze tra i cerchi di declinazione vengono allungate.

Fatti storici

La parola Planisfero deriva dall’originale latino «Planisferium», il cui significato è «Piano celeste». Così, la prima volta che questo termine fu usato fu nell’anno 1624, da Jacob Bartsch, su una mappa stellare. Il che significa che il planisfero celeste risale a molto tempo fa.

Nonostante ciò, all’inizio dell’XI secolo, un astronomo persiano si impegnò a descrivere questo strumento.

In un altro ordine di idee, prima del planisfero, l’astrolabio era lo strumento utilizzato per determinare la posizione delle stelle. Ciò poiché per mezzo di esso può essere utilizzata la proiezione stereografica della sfera celeste.

È una circonferenza graduata con un asse che ha un ago puntato verso una stella che stiamo osservando. Mostra due scale sul bordo: una graduata in gradi e l’altra con ore e minuti. Infine, per ottenere la misura, utilizza un anello che lo sospende verticalmente.

E come posso usare un planisfero celeste?

È fondamentale che la data e l’ora del planisfero coincidano con quella desiderata da coloro che osserveranno la sfera celeste. Inoltre, dobbiamo verificare che il nostro planisfero sia conforme alla latitudine di dove ci troviamo.

Un dettaglio molto importante che non puoi dimenticare è che l’ora locale non è la stessa dell’ora legale usata da un planisfero. Ciò significa che, a seconda dell’area, viene sottratto un numero di ore. Per esempio, in Spagna le 23 ore con riferimento al planisfero sarebbero 21, poiché devono essere sottratte due ore.

Successivamente, è necessario allinearsi con il polo celeste nord indicato dalla Stella Polare. E se non è possibile localizzare questa stella, c’è sempre la possibilità di essere guidati dall’Orsa Maggiore. Successivamente, la distanza tra le ultime due stelle che compongono l’auto di quella costellazione viene estesa di cinque volte.

La posizione est e ovest deve essere corretta. E pronto! E non resta che guardare la finestra ellittica dove apprezzerai il cielo nel momento preciso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: