Cos’è un’aurora boreale?

L’aurora boreale è uno dei fenomeni più spettacolari che la natura ci offre. Questo spettacolo provocato dalla collisione delle particelle solari con la magnetosfera è oggetto di osservazione da parte di grandi esperti.

È così che nel tempo i fan hanno catturato incredibili scatti fotografici e video. Dalle sue forme, ai vari colori, alla durata e persino alla presenza di aurore su altri pianeti.

Per i professionisti del settore, infatti, la primavera e l’autunno sono le stagioni più adatte per l’osservazione.

Vuoi maggiori dettagli? Non perdere le prossime novità!

Aurora boreale: come si forma

Un’aurora boreale nasce come conseguenza dell’impatto delle particelle del Sole con il campo magnetico terrestre. Cioè, il vento solare dirige queste particelle verso i poli, generando uno shock nell’atmosfera. In tal modo, il risultato è che questa radiazione cosmica è posizionata nella parte posteriore del nostro pianeta. Come? Grazie alle linee invisibili dei pali che funzionano come magneti.

In questo senso, le particelle si muovono attraverso il campo magnetico fino al punto di essere intrappolate. Infine, ossigeno e idrogeno sono le molecole con cui entrano in collisione, producendo l’emissione di luce.

Pertanto, l’aurora che apprezziamo è un insieme di un’infinità di atomi eccitati che hanno guadagnato un elettrone. Pertanto, emettono lampi di luce nel cielo notturno polare creando le aurore.

Alcune caratteristiche dell’aurora boreale

Le aurore boreali hanno caratteristiche diverse che le rendono uniche. La maestosità e la bellezza di questo fenomeno è stata ammirata per secoli. Per questo motivo importanti astronomi si sono dedicati al suo studio.

Modulo

L’inizio di un’aurora boreale nei nostri occhi può essere visualizzato come un arco isolato notevolmente allungato. Corre da est a ovest all’inizio della notte. Quindi, a mezzanotte, potresti ottenere formazioni di ricci e onde grazie alla maggiore lucentezza. Inoltre, viene evidenziata la presenza di strutture verticali, che nello spettro visivo sono simili a sottili raggi di luce.

Colori

Per cominciare, è fondamentale sapere che le aurore hanno due colorazioni primarie: verde / giallo e rosso / viola; entrambi i prodotti dell’ossigeno. Tuttavia, l’azoto fa anche parte della formazione della luce rosso / viola presente nelle zone esterne più curve delle aurore. L’azoto e l’ossigeno sono i due elementi che compongono l’atmosfera terrestre. Pertanto, sono responsabili dei colori delle aurore in base alle diverse altezze.

I colori delle aurore dipenderanno da due fattori. La specie molecolare o atomica che le particelle solari eccitano è una di queste. Successivamente, il livello di energia che queste molecole o atomi riescono a raggiungere.

In poche parole, l’energia delle particelle che colpiscono la magnetosfera alimenta gli atomi e i loro elettroni fanno un salto di qualità. Il livello di energia registrato è più alto, ma successivamente, quando torna al suo stato normale, rilasciano l’energia in fotoni. Quindi, grazie alla lunghezza d’onda dei fotoni, possiamo osservare diversi colori.

Luoghi dove sono più apprezzati

Ci sono zone del pianeta dove la presenza dell’aurora boreale è molto costante. Norvegia, Alaska, Svezia, Scozia, Canada, Finlandia e Russia sono paesi altamente visitati per la loro aurora boreale.

Nel tempo sono stati costruiti alberghi e persino igloo vetrati che permettono di apprezzare perfettamente le aurore. Anche se ovviamente c’è sempre la possibilità di fare un’escursione all’aperto.

Per assistere a questo fenomeno è necessario che ti trovi nel circolo polare artico e vai un po ‘più a nord. E il bello è che le aurore in quella zona possono essere registrate in un massimo di 200 numeri e possono essere osservate almeno due ore prima e dopo la mezzanotte.

Un altro tipo di aurora

Le aurore sono chiamate aurore polari e l’astronomo francese Pierre Gassendi è stato colui che le ha chiamate in questo modo. Poiché il nostro pianeta Terra ha due emisferi, ognuno ha le aurore. Le più conosciute sono l’aurora boreale, che si trovano a nord. Al contrario, a sud ci sono i aurore meridionali.

Questi ultimi sono chiamati anche “Luci del Sud” e possono apparire come punti luminosi e archi allungati. È un fenomeno strutturale che non aumenta la temperatura del cielo notturno.

Forse non sono così conosciuti, poiché nell’emisfero meridionale la quantità di spazio vitale è inferiore. Per questo la popolazione è limitata e la sua osservazione è complicata. Anche con un tale svantaggio, qui puoi scoprire alcuni posti in cui sono apprezzati. Sono: Australia, Nuova Zelanda, Antartide, Isole Falkland, Georgia del Sud.

Le aurore sono anche su altri pianeti!

Giove e Saturno sono due dei pianeti in cui è stata registrata la presenza di aurore. Un fatto che deriva dall’esistenza del campo magnetico di ogni pianeta, essendo più forte di quello della Terra.

Il telescopio Hubble ha reso facile osservare le aurore nel sistema solare. Inoltre, la sonda Mars Express ha catturato le aurore su Marte, provenienti da campi locali associati alla sua crosta. In questo caso, ne consegue che grazie a loro si generano aurore su questo pianeta.

Curiosità sulle aurore

Ci sono molti fatti curiosi legati alle aurore. Abbiamo fatto un elenco di alcuni. Conosci ognuno di loro!

  • Non vi è alcuna garanzia che possiate prevedere quando verranno visti. Ed è che sebbene gli esperti indichino stagioni e date specifiche, queste possono variare.
  • Nei tempi antichi, in Occidente e in Cina, la gente pensava che le aurore fossero serpenti e draghi nel cielo.
  • Gli aborigeni della Groenlandia credevano che le aurore fossero le anime dei bambini morti alla nascita.
  • Per i popoli eschimesi, le luci del cielo appartenevano agli spiriti e segnavano la strada per nuove anime.
  • Oggi, le culture giapponese e cinese sostengono ancora che i bambini concepiti all’alba saranno fortunati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: