Due gruppi nutrizionali fondamentali nella dieta dei calciatori

Il calcioÈ uno degli sport di riferimento nel nostro Paese, è una storia d’amore centenaria difficile da spiegare con argomenti puramente razionali. In tutti i comuni troviamo scuole di primo livello o società sportive che cercano di formare il Sergio Ramos o Andrés Iniesta della futura generazione.

È molto facile trovare informazioni relative al calcio: siti web monografici con notizie di attualità, programmi televisivi, dibattiti, bookmaker e le loro previsioni … l’elenco è infinito. Normalmente analizzano questioni molto più superficiali che non entrano nell’analisi della vita quotidiana dei calciatori in termini di al tuo stile di vita o alle tue abitudini quotidiane. Se guardiamo alla loro dieta, ad esempio, possiamo estrapolare alcuni elementi dalla nostra vita quotidiana che possono aiutarci a sentirci meglio e anche a migliorare le nostre prestazioni in altre discipline sportive.

La dieta dei giocatori si basa fondamentalmente su un giusto mix tra carboidrati e cibi proteici. Non significa che una dieta debba essere elaborata analizzando solo queste due variabili, ma in relazione alla pratica sportiva e nello specifico al calcio, queste sarebbero le due elementi piramidali.

Il carboidrati Forniscono una grande quantità di energia al nostro corpo. È uno dei nutrienti più energetici che esistono e sono presenti in una grande quantità di alimenti; il sistema digestivo converte questi idrati in glucosio. Una buona parte di essi viene immagazzinata, ad esempio, nei muscoli, in attesa di essere bruciata come carburante se pratichiamo sport. In relazione ai carboidrati esistono due classi ben differenziate: il semplice e il complesso.

I carboidrati complessi hanno un valore nutritivo molto più elevato rispetto ai carboidrati semplici e le vitamine associate richiedono più tempo per essere assimilate, quindi avremo più energia in un periodo di tempo molto più lungo. Tutto si basa sulla sua struttura molecolare. Alcuni degli alimenti che hanno carboidrati complessi sono per esempio pasta, riso o alcuni legumi, come nel caso delle lenticchie, un prodotto dai molti vantaggi. Consumare carboidrati Prima delle partite, aiuterà a migliorare le prestazioni sportive ea sopportare molto meglio i 90 minuti, allungando l’aspetto della stanchezza fisica e avendo una buona prestazione nei momenti finali degli scontri.

Il secondo elemento nutritivo a cui abbiamo fatto riferimento sono i proteina. Questo elemento nutritivo aiuta a recuperare il tessuto muscolare e lo fa crescere. Hanno un impatto diretto sulla pratica sportiva. Si consiglia di mangiare cibi proteici dopo la pratica sportiva. Allo stesso modo in cui accade con i carboidrati, esiste anche una divisione che li raggruppa, ma questa volta fa riferimento alla loro origine naturale. Abbiamo trovato il file proteine ​​vegetali, che sarebbe presente nelle verdure, nella frutta secca o in alcuni tipi di legumi; e anche il proteine ​​animali, che come suggerisce il nome provengono da altri esseri viventi. Carne di pesce, o alcuni dei derivati ​​del latte esistenti … c’è molta varietà tra cui scegliere. Questi alimenti possono essere consumati dopo le partite e aiutano a recuperare le forze dopo un duello impegnativo. carboidrati e proteine, e la preparazione per la prossima battaglia sarà molto più ottimale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: