Fenomeno sudafricano Jerusalema: simbolo di speranza?

È iniziato in Sud Africa e ha finito per spazzare l’intero pianeta. Jerusalema, una canzone composta nel 2019 da Master KG e Nomcebo Zikode, ha fatto ballare tutti grazie ai suoi movimenti allegri e ai suoi testi allegri. Anche il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa ha pubblicamente promosso la canzone approfittando della decisione di riaprire il Paese al turismo a partire da questo autunno.

Sebbene molte persone credano che la canzone e la sua danza siano un faro di speranza in un tempo segnato dalla pandemia COVID-19, qual è la vera storia di Gerusalemme? La canzone potrebbe ispirare milioni di persone?

Una melodia Zulu dal fascino universale

Jerusalema nasce nel 2019 e, in esso, il duo sudafricano chiede a Dio di portarli a Gerusalemme (o, in altre parole, in paradiso). Eseguita in Zulu, doveva essere una canzone stimolante, con un ritmo felice e una grande dose di positività.

Tuttavia, nemmeno gli autori stessi hanno previsto un viaggio come quello che sta facendo. Sebbene il video abbia già raccolto più di un milione di visualizzazioni nella sua prima settimana di vita, il suo successo ha superato tutte le aspettative dopo l’inizio della crisi sanitaria nel marzo 2020.

In Angola, un video di YouTube di un gruppo di amici che ha interrotto un pasto per eseguire la canzone dance è diventato virale, scatenando la follia nell’Africa meridionale. Operatori sanitari, agenti di polizia, avvocati e altri hanno recitato in migliaia di video che ballavano al suono della canzone e il fenomeno si è diffuso in tutto il mondo più velocemente della pandemia stessa.

In estate, il tema aveva già più di 60 milioni di riproduzioni su Spotify, i social network divampavano con la nuova danza alla moda e celebrità come il calciatore Cristiano Ronaldo hanno dimostrato la loro predilezione per la canzone.

Ma perché COVID-19 ha causato una tale follia?

Un respiro per la società

La prima pandemia globale in più di un secolo ha inferto un duro colpo in tutto il mondo. Tutti i paesi hanno annunciato misure per contenere il virus, che vanno dal semplice allontanamento fisico ai confini che hanno impedito alle persone di uscire.

Gerusalemme ha agito come un simbolo di speranza durante questi tempi difficili. In mezzo alla montagna di cattive notizie, vedere la gente ballare è stato un respiro mozzafiato per molte persone. Con l’aumentare della sua popolarità, sono apparsi sempre più video. Inoltre, la presenza di figure autorevoli, come Polizia Stradale, ha contribuito a diffondere il messaggio che la lotta alla malattia era un tema che ha colpito tutti noi: governi, operatori sanitari e semplici cittadini.

La canzone è stata anche oggetto di dibattito in tempi di separazione. Come per un buon film o una serie TV, le persone commentavano il ballo e venivano incoraggiate a praticarlo, che era una buona scusa per incontrarsi virtualmente o, una volta tolte le restrizioni, di persona. In tempi difficili, queste mode aiutano a sollevare il morale e a calmare un po ‘le cose.

Il discorso del presidente Ramaphosa sulla canzone, pronunciato in occasione della Giornata nazionale del patrimonio in Sudafrica, sottolinea l’impatto positivo che sta avendo.

Benefici personali

Jerusalema non porta solo benefici sociali. La Danzaterapia consiglia la danza come mezzo per favorire l’armonia tra corpo e mente per ottenere una piacevole sensazione di benessere. Sebbene molte persone associno la felicità alle promozioni sul lavoro o alla vincita alla lotteria, gli esperti di danza terapia dicono che la vera felicità viene da dentro e che la danza può essere uno strumento molto potente per ottenerla.

Anche gli spettatori possono provare sentimenti positivi semplicemente guardando le persone ballare. I video di operatori sanitari che ballano a Gerusalemme in diversi paesi del mondo sono diventati un simbolo di speranza e resistenza al COVID-19 per molti pazienti.

La danza è una forma di espressione. E quando ci esprimiamo in modo creativo, è normale provare soddisfazione, come se stessimo sollevando un peso dalle nostre spalle. A causa delle restrizioni che il virus ci ha imposto, è importante avere modi per canalizzare le nostre forme di espressione: senza di esse crescerebbe in noi un senso di frustrazione che potrebbe portare alla rabbia e, possibilmente, alla depressione.

Altri balli di moda

Certo, Jerusalema non è stato il primo ballo a diventare di moda né sarà l’ultimo.

La svolta Chubby Checker è uno dei primi esempi nell’era della musica moderna di una danza che ha entusiasmato il mondo con le sue mosse semplici e accattivanti. Negli anni ’90, la Macarena di Los del Río ha travolto tutte le discoteche con un ballo che richiedeva una divertente serie di gesti delle mani. Nell’ultimo decennio, basta guardare Beyoncé Knowles e le sue Single Ladies per vedere come balla il mondo intero sulla stessa canzone.

E, naturalmente, non possiamo dimenticare lo stile Gangnam del 2012, che mostra che un ballo, non importa quanto raro, può sempre provocare scalpore.

Nel caso di Jerusalema, una canzone orecchiabile e un semplice ballo si uniscono per far muovere tutti il ​​loro scheletro. Inoltre, il suo messaggio positivo funge da simbolo di speranza durante una pandemia che ha scosso il mondo.

Il messaggio finale è chiaro: alzati, impara i passaggi e divertiti. Potremmo essere in un momento difficile, ma siamo tutti insieme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: