Fusione nucleare: l’energia del futuro sempre più vicina

Il fusione nucleare È un processo che si sviluppa dall’unione di più nuclei di atomi di carica simile, che forma un nucleo di peso maggiore. Quando ciò accade, una quantità molto grande di energia viene rilasciata o assorbita, convertendo la materia in plasma.

In altre parole, la fusione nucleare consiste, fondamentalmente, nell’unione di almeno due nuclei leggeri per formare un nucleo più pesante, per liberare energia. A seconda del carburante utilizzato, la fusione emetterà più o meno energia, ma tutti concordano sul fatto che la reazione più semplice da ottenere è l’idrogeno.

Nella fusione nucleare dell’idrogeno, due protoni si avvicinano abbastanza da consentire alla loro interazione nucleare di superare la repulsione elettrica reciproca e l’energia viene rilasciata. In natura la fusione nucleare avviene anche nelle stelle. Compreso il Sole, che al suo centro raggiunge temperature vicine ai 15 milioni di Kelvin.

Il Sole produce anche la sua energia dalla fusione nucleare dell’idrogeno, e quelle reazioni di fusione sono chiamate termonucleari, a causa della quantità di calore che generano.

Fusione nucleare dell’idrogeno

L’idrogeno è l’elemento chimico predominante nell’universo e costituisce circa il 75% della materia visibile. L’idrogeno si compone facilmente con la maggior parte degli elementi ed è presente nell’acqua.

E come i nuclei leggeri sono necessari per le reazioni di fusione nucleare, vengono utilizzati due degli isotopi di questo elemento: deuterio e trizio. In particolare, il deuterio è un isotopo stabile dell’idrogeno, costituito da un protone e un neutrone. La sua presenza nell’acqua è di un atomo ogni 6.500 atomi di idrogeno, quindi ci sono 34 grammi di deuterio per metro cubo di acqua nell’acqua di mare.

Ha un alto contenuto energetico, quindi con il deuterio contenuto in un litro di acqua di mare si ottiene l’equivalente energetico di 250 litri di olio.

La buona notizia è che questi alti livelli di energia vengono raggiunti senza l’inquinamento prodotto dal petrolio. Che indubbiamente ce lo dice la fusione nucleare sarà l’energia del futuro, perché è un’energia pulita e inesauribile, poiché proviene dall’acqua.

Vantaggi della fusione nucleare

Le potenzialità della fusione nucleare ne fanno una risorsa energetica utilizzabile su larga scala, e la sua vantaggi rispetto ad altre fonti di energia siamo:

Carburante abbondante

  • Poiché il combustibile di cui il reattore ha bisogno per la fusione nucleare è l’idrogeno, e questo viene estratto dall’acqua, abbiamo una fonte illimitata di combustibile.
  • Poiché gli oceani sono distribuiti uniformemente in tutta la geografia mondiale, c’è abbastanza acqua per coprire il consumo di energia del pianeta per molti, molti anni.
  • Poiché il pianeta è composto per il 96,5% da acqua salata (gli oceani), ottenere l’idrogeno è facile ed economico.
  • Questa abbondanza di idrogeno lo rende un combustibile abbondante ed economico.

Sistema sicuro

  • Se un impianto di fusione nucleare smette di funzionare, il reattore si spegne immediatamente, senza alcun pericolo di fusione non nucleare.
  • È un sistema essenzialmente sicuro, perché la sua reazione non è una reazione a catena e il reattore ha solo carburante per 10 secondi.
  • Non è possibile perdere il controllo del reattore e, se lo fa, è sufficiente interrompere l’alimentazione del carburante, il che lo rende un sistema totalmente sicuro.

Energia pulita

  • I gas prodotti dalla fusione nucleare non generano un effetto serra, il che la rende energia pulita.
  • La radioattività prodotta dai neutroni emessi nelle reazioni di fusione è ridotta al minimo scegliendo accuratamente materiali a bassa attivazione.
  • Non è necessario immagazzinare gli elementi del reattore per più di cinquant’anni, perché è davvero energia pulita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: