Gustav Klimt: il maestro del modernismo

Vienna, XIX secolo. La capitale dell’Impero Austro-Ungarico ha visto nascere uno dei più grandi geni della pittura. Un uomo che avrebbe segnato un prima e un dopo nello stile artistico e che avrebbe rivoluzionato il modo di vedere l’arte. Un artista a tutti gli effetti che ha mantenuto alto il suo genere e che allo stesso tempo avrebbe rotto gli schemi creando ammirazione e polemica in un momento in cui l’Austria stava emergendo come una grande potenza nello sviluppo culturale, ma con una spiccata posizione moralista. Stiamo parlando di Gustav Klimt. Uno dei pittori più importanti d’Austria che con il suo stile si impose nei tabù dell’epoca nel campo della pittura.

Da qui vi racconteremo tutto quello che c’è da sapere sull’artista considerato il più importante d’Austria e uno dei più famosi e ricordati a livello mondiale.

Nei primi anni

Gustav Klimt è nato a 14 luglio 1862 a Baumgarten, un sobborgo della città di Vienna. Apparteneva a una grande famiglia di emigranti di classe relativamente bassa. Era il secondo figlio dei sette che aveva il matrimonio.

Il suo talento artistico non sarebbe venuto per caso poiché Gustav era il figlio di Ernst klimt, un rinomato incisore d’oro e sua madre Anna che, pur non esercitandolo, aveva un grande talento per il canto.

La fama del giovane artista emerse rapidamente, così come la sua durata di vita poiché sarebbe morto nella mezza età (56 anni). Ma ciò non ha impedito che nella sua breve esistenza potesse compiere passi importanti nel mondo delle arti. Il suo stile di corte simbolista ha lasciato il posto alla tendenza modernista in un momento in cui la pittura ha cercato di rompere gli schemi creati dai geni dell’arte del passato.

La Compagnia degli Artisti

A soli 14 anni, Gustav è riuscito a ottenere una borsa di studio per studiare Arte e Decorazione presso l’Università di Arti e Mestieri della città di Vienna. Anche suo fratello Ernst, due anni dopo, sarebbe entrato in detta istituzione. Insieme a un amico comune Franz Matsch, formerebbero un cerchio chiamato il “Compagnia degli artisti” che hanno ottenuto in così giovane età il premio nel decoro di vari edifici pubblici della città per il loro ornamento e decorazione.

I primi lavori eseguiti da Gustav Klimt all’interno della Compagnia furono di natura accademica, per via della formazione ricevuta negli anni di studio e furono premiati. Tant’è che nel 1888 Gustav ricevette il Ordine di merito mano nella mano con lo stesso imperatore Francesco Giuseppe I d’Austria per il lavoro svolto su molti degli edifici sulla Ringstraße. Più tardi e mentre ha definito il suo stile, ha creato ritratti e dipinti carichi di molto simbolismo. Il suo stile è incorniciato all’interno del modernismo (Jugendstil) poiché questo tipo di arte è conosciuto nel mondo di lingua tedesca.

Klimt è sempre stato un uomo dedito al suo lavoro. Criticato per il suo stile nei media artistici e nell’opinione pubblica poiché la sua fonte di ispirazione era centrata sulla silhouette femminile; in particolare la sua lira era basata sulla sensualità che ispirava i rapporti di coppia. Questo fatto ha scandalizzato gli accademici del momento.

Per questa ragione, è stato il primo artista a essere processato per essere considerato immorale secondo le usanze del tempo e del luogo in cui esisteva. Amato e criticato allo stesso tempo.

La secessione viennese

Gustav Klimt durante la sua vita è stato presidente e membro del Secessione viennese – Un’organizzazione parallela creata da artisti d’avanguardia che è andata contro i parametri della scuola accademica austriaca -. Molte sono state le conquiste, tra cui l’aggiudicazione di molte decorazioni edilizie in appalti pubblici. C’erano molti dipinti firmati da Klimt mentre si trovava all’interno della Secessione.

L’artista fu scandalizzato e processato per i suoi audaci dipinti murali elaborati commissionati per l’Università di Vienna. In esso, è stato incaricato di decorare la stanza con immagini relative a Medicina, Saggezza e Giurisprudenza. Le opere surrealiste presentate da Klimt non convinsero i critici dell’epoca e furono poste dal veto delle autorità, essendo dichiarate immorali, pornografiche e per scherno delle autorità. Da quel momento l’artista decide di non dedicarsi a lavori di questo tipo e si dedica invece a lavorare per commissioni private.

Nella privacy

Nella privacy, Klimt era un uomo di vita semplice. Indossava tunica e sandali quando lavorava nel suo laboratorio. Era molto comune vedere molte modelle camminare nel suo studio in abiti semi-nudi in posa per l’artista nelle posizioni più versatili che potessimo immaginare. Molti di loro erano romanticamente legati all’artista che si dice fosse un grande amante intimo. Erano tutte avventure fugaci tranne che per Emilie floge, il suo compagno di lunga data. Sebbene non sia mai riuscito a sposarla, è stata l’unica che ha sopportato le gioie e le infedeltà dell’artista per tutta la vita. Nonostante si dice che Gustav Klimt non abbia mai avuto figli, dopo la sua morte apparvero 14 persone che affermavano di essere i figli dell’artista e chiedevano in qualche modo di essere riconosciuti nei diritti ereditari.

Gustav Klimt era un uomo di umili radici. Attraverso il suo lavoro, è riuscito a stabilire una posizione economica e uno status sociale in un’atmosfera culturale elitaria. È stato anche in grado, grazie a questo, di sopportare l’onere finanziario della famiglia una volta che la morte di suo padre e suo fratello è stata tragicamente trasceso – qualcosa che avrebbe influenzato il lavoro dell’artista e che lo ha costretto a ritirarsi per un periodo dai laboratori d’arte. È arrivato il momento di viaggiare e liberare la mente per cercare di nuovo l’ispirazione.

I tuoi viaggi

Nel 1903 Gustav si recò in Italia. Mentre nelle città di Venezia, Firenze e Ravenna ha potuto contemplare la bellezza e la maestosità delle vetrate bizantine decorate in oro e argento, di cui è rimasto colpito e molto ispirato. Era il momento ideale per incorporare la tecnica della foglia d’oro nei suoi dipinti.

Ci sono anche una serie di dipinti ispirati ai suoi viaggi al Lago Attersee in compagnia della famiglia di Emilie Floge (la sua compagna di una vita). La visita al luogo ha aperto la sua ispirazione e ha creato dipinti come “Palazzo Kammer sulle rive del Lago Atter” Y “Casa dei ranger a Weibenbach, sulle rive del lago Atter”.

Inoltre, da questi viaggi è emersa una collezione di dipinti di paesaggi che utilizzano la tecnica del puntinismo in molti di essi. Qualcosa di tale significato da poter essere catturato solo dall’artista e che si presenta davanti ai nostri occhi con totale armonia di volumi e colori.

L’epoca d’oro

Questo periodo è incorniciato dal incorporazione della tecnica della foglia d’oro ai dipinti da lui realizzati e all’elaborazione dei ritratti. Oltre al successo commerciale possiamo dire che fu un periodo di maturità artistica.

Molte famiglie dell’alta borghesia di origine ebraica erano determinate a investire nell’arte per Vienna all’inizio del XX secolo. Ad alcuni piace Famiglia Bloch Bauer da cui Gustav Klimt dipinse due ritratti di valore come quello di Adele Bloch Bauer, hanno creato legami molto stretti con l’artista.

Il bacio Y il ritratto di Adele Bloch Bauer sono le opere più rappresentative di questo periodo.

L’artista per cui le donne volevano spogliarsi

Durante la sua vita, Gustav Klimt ha cercato la sua massima ispirazione nella silhouette femminile e nelle relazioni. La prima opera conosciuta di questo periodo e che è stata premiata a livello mondiale è El Beso. Il lavoro si ispira al rapporto sentimentale che Klimt aveva con Emilie Floge. Il desiderio e la sensualità che il dipinto trasmette, lo incornicia all’interno di una delle opere più importanti realizzate dall’artista. È stato anche il dipinto più riprodotto nel tempo da altri pittori.

La personalità di Gustav Klimt lo ha portato a guadagnare la fiducia di molte famiglie della classe superiore, in particolare molte donne illustri della comunità viennese. Alcuni di loro avevano relazioni sessuali extraconiugali con l’artista che consideravano un grande amante. Sono molti i ritratti realizzati in questo periodo. Da qui nascono i file ritratti di Adele Bloch Bauer I – II e Judith, in cui l’artista ha estratto la personalità erotica delle sue donne ed è stata così rappresentata nei suoi dipinti. Altre volte l’ingenuità o la pace interiore sono state catturate ma tutte legate alla silhouette femminile e soprattutto ai piaceri nudi e sessuali.

Opere di Gustav Klimt

Gustav Klimt ha lasciato una ricca eredità non solo di dipinti ma di molti schizzi, disegni, tessuti e pezzi di ceramica decorati nel suo stile particolare. La maggior parte delle collezioni dell’artista sono esposte nei musei del Palazzo del Belvedere a Vienna, dove si trova la più grande collezione dell’artista. Altre opere sono raccolte nel museo Leopold anche in quella città e riunisce la più grande collezione di opere d’arte moderna austriaca. Ci sono molti Gustav Klimt funziona conosciuti in tutto il mondo e molti altri sono rimasti incompiuti. Le opere eccezionali di Gustav Klimt sono:

  • Pallade Atena 1898
  • Dipinti per il soffitto dell’Università di Vienna (Medicina, Saggezza e Giurisprudenza) 1900-1907
  • Acqua in movimento 1898
  • Nuda verita 1899
  • Judith I 1901
  • Bosco di betulle 1901
  • Fregio di Beethoven 1902
  • Ritratto di Emilie Floge 1902
  • Serpenti d’acqua I e II 1904-1907
  • Le tre età delle donne 1905
  • Ritratto di Margaret Stonborough-Wittgenstein 1905
  • Danae 1907
  • Ritratto di Adele Bloch-Bauer I 1907 Considerato uno dei suoi capolavori.
  • Palazzo Kammer sulle rive del Lago Atter I 1908
  • El Beso 1908 Il suo capolavoro.
  • L’albero della vita 1909
  • Giuditta II 1909
  • Palazzo Kammer sulle rive del Lago Atter III 1912
  • Ritratto di Mäda Primavesi 1912
  • Ritratto di Adele Bloch-Bauer II 1912
  • Morte e vita 1916
  • Case a Unterach sulle rive del lago 1916
  • Amici 1917

Gustav è morto a 6 febbraio 1918 ad Alsergrund, Vienna all’età di 56 anni. L’artista ha dipinto fino alla fine dei suoi giorni, lasciando alcune opere incompiute come:

  • La sposa 1918
  • Adamo ed Eva 1918
  • Ritratto di Johanna Staude 1918

Gustav Klimt oggi

Le opere di Gustav Klimt sono state considerate vere gemme della pittura mondiale. Sono una delle opere più apprezzate nelle aste di tutto il mondo. La scatola Adele Bloch Bauer I È stato venduto nel 2006 all’erede della casa Estee Lauder per 135 milioni di dollari. Era l’importo più alto mai pagato per un dipinto all’asta. Altri dipinti della sua collezione di paesaggi sono stati venduti per oltre 300 milioni di dollari. Qualcosa che finora non è stato raggiunto da nessun artista. Oggi, a più di 100 anni dalla sua scomparsa, l’eredità di Gustav Klimt vive più che mai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: