I 10 comandamenti della Chiesa cattolica: cosa sono e cosa significano?

I 10 comandamenti della Chiesa cattolica sono considerati una norma religiosa, che sono presenti nella Bibbia. Si riferiscono ai comandamenti che Dio diede al suo popolo affinché acquisisse la libertà interiore ed fosse libero di vivere come figlio di Dio e come fratelli.

Come espressione e sintesi della sua volontà, Dio diede al popolo, tramite Mosè il Decalogo, i dieci comandamenti. Questa legge indica due direzioni fondamentali: amare Dio di cuore e cercare giustizia nei rapporti con gli altri.

La legge che Dio ha dato al suo popolo non è una legge capricciosa o tirannica, intesa a mettere alla prova la fedeltà dei suoi sudditi, ma una legge giusta che indica la via che conduce alla buona e vera felicità.

Successivamente, specificheremo cosa sono questi comandamenti e cosa significano all’interno della religione cattolica.

Quali sono i 10 comandamenti della Chiesa cattolica?

Se consulti Esodo 19, puoi verificare che, dopo tre mesi dalla sua partenza dall’Egitto, Dio diede i dieci comandamenti a Mosè mentre era sul monte Sinai, dove rimase per quaranta giorni. Tempo in cui riceveva due tavole in cui venivano indicati i 10 comandamenti della Chiesa cattolica, leggi fondamentali che dovevano essere adempiute dal popolo ebraico.

I 10 comandamenti della Chiesa cattolica sono i seguenti:

  1. Ama Dio sopra ogni cosa.
  2. Non prendere il nome di Dio invano.
  3. Santifica le vacanze.
  4. Onora tuo padre e tua madre.
  5. Non uccidere.
  6. Non commettere atti impuri.
  7. Non rubare.
  8. Non dare false testimonianze o dire bugie.
  9. Non indulgere in pensieri o desideri impuri.
  10. Non desiderare i beni degli altri.

Cosa significano i 10 comandamenti?

Primo comandamento: amare Dio sopra ogni cosa

Attraverso questo primo comandamento, Dio intende che:

  • C’è un solo Dio.
  • Non credere o seguire falsi dei o idoli creati dai potenti (denaro, potere, piacere).
  • Quel Dio è il grande Signore della vita, il Dio liberatore e il Dio della felicità.

Secondo comandamento: non prendere il nome di Dio invano

Il secondo, dei 10 comandamenti della Chiesa cattolica, significa:

  • Non usare il nome di Dio per giustificare ingiustizie e abusi a nessun livello.
  • Dio fa conoscere il suo nome in modo che lo rispettiamo e tutto ciò che significa.
  • È vietato profanare il nome di Dio, giurare nel suo nome e poi dare falsa testimonianza in tribunale.
  • Non dissacrare il nome di Dio, usalo in pratiche di magia, divinazione, stregoneria e in qualsiasi altro tipo di riti superstiziosi.

Terzo comandamento: santificare le vacanze

Significa quanto segue:

  • Ogni essere umano è immagine di Dio ed è ragionevole riposarsi una volta alla settimana.
  • Dio vuole umanizzare il riposo; Vuole che sia: un momento di sana famiglia e amicizia, un tempo per coltivare lo spirito e un tempo di liberazione psicologica.
  • La festa che ogni comunità cristiana celebra in onore di Cristo risorto.
  • La Chiesa cattolica celebra la domenica come giorno di riposo, quindi questo giorno è importante per l’equilibrio della persona e della fede.

Quarto comandamento: onora tuo padre e tua madre

Il quarto, dei 10 comandamenti della Chiesa cattolica, significa quanto segue:

  • Che ci è stato comandato di onorare, cioè di rispettare e tenere in considerazione i genitori.
  • L’obbligo di prendersi cura dei genitori e degli anziani, che perdono le forze per lavorare, che non sono più produttivi e rischiano di essere abbandonati.
  • Si riferisce al comportamento dei bambini, nei confronti dei loro genitori.

Quinto comandamento: non uccidere

Questo comandamento significa:

  • Il valore della persona è soprattutto.
  • Rispetta la vita di tutti.
  • Abbiamo tutti diritto alla vita e la vita di ogni persona deve essere rispettata.
  • Nessuno può prendere la giustizia nelle proprie mani.

Sesto comandamento: non commettere atti impuri

Questo comando fa riferimento a quanto segue:

  • Sia uomini che donne, nessuno dei due può essere infedele, tradire l’altro.
  • Questo indica e parla dell’uguaglianza tra uomini e donne.
  • Gesù è chiaro e schietto, ma anche reale, e il cuore del buon pastore è misericordioso verso la donna colta in flagrante adulterio: “Va ‘e d’ora in poi non peccare più” (Gv 8, 2-11).

Settimo comandamento: non rubare

Il suo significato è:

  • Il comandamento “Non rubare” è rivolto a tutte le persone, perché Dio non vuole un sistema che faciliti il ​​furto o lo renda legittimo.
  • Nessuno può rubare la libertà a un altro uomo o renderlo suo schiavo.
  • Vieta il rapimento, il rapimento, la presa di ostaggi e il traffico di esseri umani.

Ottavo comandamento: non dire false testimonianze o bugie

Si riferisce a:

  • Il fallimento del potere che giustifica tutto il male, o lo facilita, o lo copre.
  • Quando il Dio vivente e vero non è nel cuore e al centro della vita pubblica e privata degli uomini, altri dei si installano su quel trono e con loro giace convivono in modo normale.
  • La verità manca di calunnia e calunnia.
  • Gli uomini fatti a immagine e somiglianza di Dio sono chiamati a dire sempre la verità.

Nono comandamento: non indulgere in pensieri e desideri impuri

Significa:

  • I desideri e i desideri non sono forze cieche, né fuggitivi, ma ordinati, dominati e canalizzati.
  • L’infedeltà nella coppia rompe e distrugge il significato di questo comandamento: l’uomo e la donna devono essere consapevoli di ciò che fanno, di ciò che desiderano e nutrono liberamente.

Decimo comandamento: non desiderare i beni degli altri

Fare riferimento a:

  • Attacca e combatti l’accumulo e l’avidità della ricchezza.
  • Questo comando condanna il sistema che genera dominio e privilegio.
  • Il culto del denaro è incompatibile con l’adorazione del Dio vero e vivente.
  • L’avidità, l’avidità e la ricerca egoistica della ricchezza portano necessariamente all’ingiustizia.
  • La parola di Gesù, nel suo Vangelo, è molto chiara: “È impossibile amare e servire il denaro, e allo stesso tempo amare e servire Dio. Il denaro, trasformato in un idolo, monopolizza l’adorazione del cuore ”. (Mt. 6.24)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: