Idee per riformare una cucina

La cucina è una delle stanze della casa dove passiamo più tempo. Ma è anche quella che soffre di più l’umidità e le alte temperature. Un lifting di tanto in tanto è quasi obbligatorio. Se solo pensare alla costruzione ti dà i brividi, il primo passo è trovare aziende di ristrutturazione. Ci libereremo di molti mal di testa.

È importante pianificare ogni dettaglio prima di intraprendere qualsiasi ristrutturazione. Sapere cosa vogliamo cambiare, quali materiali useremo, quale budget abbiamo e lo stile decorativo che vogliamo dargli è essenziale. Visualizza l’aspetto della tua cucina e lasciati consigliare dai professionisti.

Pratico e funzionale

La cucina deve essere soprattutto pratica e funzionale. In base alle nostre esigenze, sceglieremo di cambiare pavimenti, pareti, soffitto o il mobile stesso.

Suoli

Ci sono opzioni per tutti i gusti e per tutte le tasche. I più richiesti sono i seguenti:

Legna. I pavimenti in legno aggiungono un tocco moderno e all’avanguardia alla cucina. Sono ideali per cucine integrate nel soggiorno.

Ceramica. Il gres porcellanato è il più utilizzato. Sono facili da pulire e molto resistenti

Laminati. Si installano facilmente e non è necessario rimuovere la vecchia pavimentazione.

Cemento. Può anche essere posizionato sul pavimento che abbiamo, ma deve essere fatto da un professionista. È un pavimento molto pulito.

Tegole idrauliche. Il suo più grande vantaggio è la resistenza, ma essendo un materiale poroso deve essere impermeabilizzato di volta in volta.

Vinile. È un prodotto sintetico, economico e facile da pulire. L’unico inconveniente è che nel tempo può rialzarsi.

Pareti

Sono finite le piastrelle. Osa con altre tecniche moderne come la pittura della lavagna, i vinili o persino la tappezzeria della cucina con carta resistente all’umidità. Puoi piastrellare a metà e dipingere il resto. La zona cottura è molto sporca. Ecco perché è un’alternativa che ti diamo pannello o coprire quella zona con silestone o vetro temperato. Questo renderà più facile la pulizia!

Piano di lavoro

È forse una delle parti più costose della cucina. Ma nel mercato ci sono un’infinità di materiali e qualità differenti: marmo, silestone, laminati, …. cerca quello che più si adatta alle tue tasche.

Mobilia

Una volta terminato il lavoro, è il momento di arredare la nostra cucina. Avere molte alternative. Dal mantenere vecchi mobili perché mantenuti in buone condizioni al cambiarli completamente. Se scegli la prima opzione, puoi darle un tocco diverso dipingendo le ante e i cassetti o posizionando il vinile. Se sostituisci anche le maniglie, i tuoi mobili avranno un aspetto diverso.

Lo stesso accade con elettrodomestici. Cambiarli o lasciarli è nelle tue mani. Una buona alternativa è metterli in padella in modo che si integrino in cucina. Quindi il frigorifero, la lavastoviglie, la lavatrice o il forno saranno nascosti

Un tocco di luce

In cucina è importante sia l’illuminazione generale della stanza che quella delle zone di lavoro. Quindi puoi usare plafoniere, tubi fluorescenti o LED e gli ultimi pannelli LED. Loro possono posto sotto i mobili con strisce o anche all’interno di cassetti e pensili che si illuminano all’apertura.

Prezzi fissi

Se il lavoro è di grandi dimensioni, dovrai affrontare una serie di spese minime come elettricità, muratura o idraulico. Non dimenticare nel tuo budget calcolare le spese fisse di demolizione di piastrelle, montaggio di mobili e container di macerie, nonché trasporto alla discarica corrispondente e relative tariffe.

Non ci sono più scuse! Rivolgiti a professionisti e chiedi preventivi. Sicuramente troverai quello che stai cercando. Metti in mostra la tua cucina!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: