Il rapporto diretto tra un buon materasso, riposo e salute

Trascorre un terzo della nostra vita dormendo. Il tema del sonno e del riposo non è un problema minore. Raccomandano gli operatori sanitari dormire tra sette e otto ore al giorno, anche se la realtà è che ci sono persone che dormono meno ore ma riposano bene.

D’altronde c’è anche chi dorme di più, ma non riposa comodamente. Perché sta succedendo? Al di là delle differenze individuali, uno dei fattori che più influenza il resto del nostro corpo è avere un supporto adeguato.

Come influisce sul non avere un buon materasso? Quali danni provoca alla salute?

Gli effetti negativi di un sonno povero sono cumulativi e le conseguenze peggiorano nel tempo. Per evitare problemi di salute, la chiave è acquisire un buon materasso e prendere buone abitudini di riposo.

Un materasso che non ha un adeguato livello di fermezza può causare mal di schiena e problemi alla colonna vertebrale.. Poiché ogni persona è diversa, non tutte si sentono a proprio agio sdraiate sullo stesso materasso. In ogni caso, la fermezza è importante, purché sia ​​sufficiente che la colonna vertebrale rimanga in perfette condizioni e i muscoli circostanti si irrigidiscano.

Svegliarsi con il mal di schiena può provocare un riposo scomodo e una sensazione di stanchezza che dura tutto il giorno. La scelta di un buon materasso avviene perché Dipende dal peso, dalla costituzione fisica e dal modo di dormire.

Un secondo problema associato a materassi di scarsa qualità è l’insonnia. I modelli di sonno sono alterati ed è comune girarsi e rigirarsi nel letto. Quando una persona non dorme sul materasso giusto, scoprirà rapidamente che non si sente a suo agio, inizierà a girarsi e rigirarsi, il suo sonno verrà interrotto e inizierà a soffrire. problemi di insonnia.

Tutto ciò ha la stessa conseguenza, riposare male la notte, sentirsi più stanchi durante il giorno e accumulare stanchezza. La chiave di tutto è ottenere un materasso rigido e adatto alla fisionomia di ogni corpo.

Oltre a problemi alla schiena, insonnia e stanchezza generale, anche un cattivo riposo ha delle conseguenze dolore all’anca, dolore al braccio, problemi circolatori e dolore alla sciatica tra gli altri. Se quelli che dormono su un materasso in cattive condizioni sono bambini o giovani, i problemi aumentano, poiché è in gioco il loro corretto sviluppo.

Come scegliere un buon materasso?

Data questa realtà, sembra chiaro che l’acquisto di un buon materasso sia un modo per investire sulla salute. A priori, al momento dell’acquisto, più che un investimento, può sembrare più una spesa, ma se teniamo conto che la durata di un materasso è compresa tra 8 e 10 anni, l’aspetto del prezzo non dovrebbe essere il più rilevante.

Per scegliere il materasso giusto bisogna prestare attenzione ad aspetti come l’incarnato fisico, se si dorme da solo o con un partner, come verrà utilizzato il materasso, prestare attenzione al tipo di materasso, in quanto ci sono Speciale per sportivi, anziani, bambini, se avete qualunque tipo di allergia… E ovviamente prendi in considerazione le condizioni di ogni materasso: materiale e prezzo.

Suggerimenti per mantenere la cura del materasso

La vita utile del materasso è stimata in 10 anni, ma per raggiungere questo tempo è necessario mantenerlo in perfette condizioni, e la soluzione è attraverso semplici pratiche quotidiane come ventilare regolarmente il materasso per cinque-dieci minuti al giorno prima di iniziare a fare il letto scuotendo i vestiti. La stanza deve anche essere ventilata per 15-20 minuti.

Un secondo consiglio è quello di utilizzare una fodera o un coprimaterasso per evitare sudore, polvere ed eventuali liquidi che potrebbero cadere. Le coperture devono essere lavate periodicamente. Periodicamente, devi capovolgere il materasso e capovolgerlo, sebbene questo sia già indicato dai produttori.

Un’ultima pratica interessante è quella di passare l’aspirapolvere sul materasso per rimuovere lanugine, polvere o capelli che potrebbero essere caduti. L’elemento di riposo per eccellenza in una casa non deve bagnarsi o usare prodotti liquidi per la pulizia, quindi per rimuoverli è necessario aspirare la superficie almeno una volta al mese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: