La quercia da sughero: l’albero di sughero

Il quercia da sughero, o Quercus suber con il suo nome scientifico, appartiene alla famiglia delle Fagacea. Il sughero viene estratto dalla corteccia della quercia da sughero, un materiale utilizzato per molti scopi.

Caratteristiche

Questa specie di alberi è considerata longeva, di solito vive tra i 200 ei 400 anni, ma se le condizioni sono ottimali, può vivere fino a 500 anni e smette di crescere quando raggiunge circa 200 anni.

Può crescere fino a 20 metri di altezza, ma di solito raggiunge solo i 10 metri. La forma del suo tronco può variare a seconda dell’ambiente in cui cresce. Se cresce in una foresta, crescerà alto e magro; ma quando cresce isolato da altre piante, sarà corto e dal fusto spesso. A prima vista è simile a una quercia o leccio, ma la sua caratteristica corteccia lo rende facile da identificare.

Le foglie della quercia da sughero sono relativamente piccole, lunghe circa 3 centimetri, hanno un colore verde scuro e sono molto lucide nella parte superiore e bianche nella parte inferiore. Quando il tronco è privo della sua peculiare corteccia, si può osservare che è di un colore tra il rosso e il rosa.

Come si riproduce la quercia da sughero?

Come altre piante, la quercia da sughero si riproduce attraverso la fioritura e la successiva produzione di semi. Questa è una pianta monoica, il che significa che produce fiori femminili e maschili separatamente, ma presenti sullo stesso albero. I fiori maschili hanno una struttura perianzio che ha da 4 a 6 petali verdi o rosa. Questi possono essere trovati appesi sotto le foglie e i rami più piccoli. D’altra parte, i fiori femminili sono isolati in piccoli gruppi di peduncoli da 2 a 5 fiori.

I frutti della quercia da sughero sono un frutto secco noto come ghianda. Queste sono costituite da un ovoide allungato, che all’estremità ha una specie di “cappello” chiamato cupola. Possono misurare da 1,5 a 3 cm di lunghezza. Questo albero impiega 20-25 anni per fiorire per la prima volta.

Dove trovarlo?

La quercia da sughero è un albero che non cresce in nessun habitat. Richiede trovarsi in un ambiente non troppo secco, caldo e con suoli permeabili. Richiede molta luce solare, ma per i suoi primi anni ha bisogno di un po ‘di ombra e riparo.

È un elemento caratteristico della foresta mediterranea, essendo molto comune nella penisola iberica. Può crescere nella regione settentrionale dell’Africa e nella regione meridionale dell’Europa. In Spagna è comune vederlo come un albero ornamentale in parchi e giardini. Infatti, La Spagna è il paese con il maggior numero di querce da sughero al mondo, con 725mila ettari piantati.

Usi della quercia da sughero

Questo albero è uno dei più importanti in termini economici, per i paesi appartenenti alla regione mediterranea come la Spagna e il Portogallo. La sua corteccia è molto apprezzata perché da questo si possono realizzare prodotti come tappi di bottiglie, pavimenti, suole di scarpe, boe e barattoli, tra gli altri; essere esportato in tutte le parti del mondo con un importante valore commerciale.

Ma non solo puoi sfruttare la corteccia della quercia da sughero per la produzione di sughero, quasi l’intero albero è commerciabile. I semi possono essere usati come cibo per i maiali e il loro legno, sebbene non si possano rimuovere pezzi molto grandi, è comunque utile per la sua durezza e viene utilizzato nelle botti, nella produzione di carbone e per la fabbricazione di alcuni attrezzi.

Chiedi informazioni su altre specie di piante:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: