La scienza dietro gli emoji

La comunicazione digitale, i social network e le applicazioni di messaggistica istantanea sono diventati popolari una nuova forma di espressione: gli emoji. Il suo utilizzo è molto diffuso, ma non sempre siamo consapevoli del significato dietro queste immagini che ci aiutano ad esprimere un sentimento o un’idea.

Emoji è un file parola giapponese: e significa disegno e moji significa carattere. La parola è usata per designare un’immagine o un pittogramma. Gli emoji sono l’evoluzione delle emoticon, rappresentazioni di un’espressione facciale che si formano utilizzando i caratteri sulla tastiera.

Chi ha inventato gli emoji?

Il creatore degli emoji era Shigetaka Kurita giapponese, che ha inventato i primi 176 emoji, di dimensioni 12 x 12 pixel. Fatto nel 1999 per conto della società giapponese NTT Docomo, e per crearli si è ispirato ai manga e ai fumetti in generale. Kurita non ha mai addebitato un copyright per la sua creazione e difende l’idea che gli emoji potrebbero essere considerati un linguaggio universale.

Attualmente, il lavoro di Kurita non è più legato al design degli emoji, si limita a usarli come tutti gli altri. Come precursore dell’emoji dovrebbe essere menzionato Smiley, il cerchio giallo sorridente che è diventato un’icona digitale. È stato creato in 3D da Nicolas Loufrani nel 1997 e non ci è voluto molto per passare agli schermi dei telefoni cellulari.

Loufrani è anche favorevole alla creazione di un linguaggio digitale universale dalle icone di Smiley. Nel 1999 ha creato 471 smiley che rappresentano emozioni, nazioni, bandiere e sport, e due anni dopo ha pubblicato un dizionario con 393 smiley. Il dizionario è stato ampliato a 887 emoticon nel 2003.

Il Unicode organizzazione senza scopo di lucro, guidato da Mark Davis, è responsabile di approva gli emoji utilizzato nella comunicazione digitale globale.

Unicode è stata fondata per standardizzare la comunicazione digitale nel mondo. Gli emoji sono standardizzati in un formato determinato da Unicode. È lo stesso utilizzato per codificare i caratteri che facilitano la trasmissione e la lettura di testi in lingue come il cinese o il giapponese.

Chiunque può proporre a Unicode l’inclusione di una nuova emoji, purché non venga suggerita un’emoji di brand o di persone vive o morte. La proposta deve essere giustificata dalla probabilità di domanda e potenziale utilizzo dell’immagine.

Che cosa è emoji

Gli emoji hanno la funzione di completare o dare maggiore precisione alle nostre comunicazioni virtuali. Con il suo utilizzo è inteso imitare gli elementi non verbali che caratterizzano le conversazioni faccia a faccia. Tuttavia, il significato degli emoji non è lo stesso in tutti i paesi o per tutte le persone.

Se sia il design che il significato degli emoji fossero unificati e accettati su tutte le piattaforme e dispositivi, non ci sarebbe confusione o ambiguità nella comunicazione. Alla fine, sarebbe stato raggiunto tutti sul pianeta avranno una lingua comune interagire.

Questo desiderio non impedisce al genitore degli emoji di considerare che non esiste un uso giusto o sbagliato degli emoji. Pensa che tutti sono liberi di usarli come desiderano, assumendosi la responsabilità di ciò che vogliono trasmettere.

Succede in pratica, gli emoji acquisiscono significati particolari in gruppi di chat di amici, familiari o professionisti e persino criminali. Se fai un esercizio, forse le risposte che ottieni lo dimostreranno per ogni intervistato l’emoji ha un significato diverso.

Gli emoji vengono studiati dai linguisti per analizzare com’è questa forma di comunicazione e come si sta evolvendo di pari passo con i progressi tecnologici. Anche dal punto di vista delle restrizioni.

L’organizzazione Unicode ha la decisione di includere o escludere emoji nel codice standardizzato per l’uso su piattaforme e dispositivi. Il revolver, ad esempio, è stato escluso perché associato alla violenza e sostituito da una pistola ad acqua.

La percezione degli emoji varia a seconda dell’idea che vuoi trasmettere. Un concetto astratto rappresentato da un’emoji è molto più difficile da capire allo stesso modo da tutti i destinatari del messaggio.

La popolarità degli emoji è associata al valore che le informazioni visive hanno per gli esseri umani. Viene elaborato rapidamente, anche più velocemente della lingua in alcuni casi. Considerando questo fattore, solo gli emoji sono un potente canale di comunicazione.

Si prevede che nel prossimo futuro gli emoji continueranno a svilupparsi per rappresentare meglio le idee e le emozioni umane.

Verrà il giorno in cui diventeranno una lingua universale? Il futuro lo dirà, ma almeno un’emoji è già apparsa in un dizionario.

  • Il dizionario di Oxford pubblico l’emoji che piange dalle risate come parola dell’anno per il 2015.
  • Il esperimenti sociali con gli emoji sono di moda in reti come Twitter. Ad esempio, alle persone viene chiesto di rispondere a una domanda con l’emoji che hanno utilizzato più di recente.
  • Ci sono quelli che si dedicano all’analisi degli emoji che le persone usano più spesso per indovinare com’è la loro personalità. O anche per sapere qual è il significato loro attribuito.

Giornata mondiale degli emoji

Si celebra la Giornata mondiale delle emoji 17 luglio di ogni anno, una data speciale per Manzana perché era quando Steve Jobs ha introdotto l’applicazione calendario iCal. Tuttavia, il 17 luglio non compare nell’emoji del calendario di tutte le applicazioni. Ognuno mostra una data diversa con un significato speciale per la storia di ciascuna piattaforma.

Per esempio, la data dell’emoji del calendario WhatsApp è il 24 febbraio, perché in quella data nel 2009 è stata creata l’applicazione di messaggistica. L’emoji del calendario Twitter mostra il 21 marzo da ricordare che nel 2006 è stata fondata l’azienda. Facebook ricorda il compleanno di Mark Zuckerberg con l’emoji del calendario che segna 14 maggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: