La storia degli studenti del MIT che hanno battuto Las Vegas

Quando si parla di gioco d’azzardo, la convinzione generale è che il casinò vince sempre. Una parte di questo è una realtà, poiché le probabilità di tutti i giochi danno un vantaggio molto maggiore al casinò, essendo questo la base del business. Se tutti i giocatori avessero un’alta probabilità di vincere, i giochi da casinò non sarebbero redditizi e l’industria non avrebbe avuto lo sviluppo di cui gode.

Quindi, le tante storie di persone che sono riuscite a spodestare i casinò sono leggende metropolitane o c’è qualche realtà in tutto questo? Sì, sono casi eccezionali, ma molto reali. È possibile battere il casinò e un folto gruppo di persone è riuscito a dimostrarlo nel corso della storia moderna del gioco d’azzardo.

Molto prima che il blackjack online fosse comune e il gioco d’azzardo avesse l’accesso che hanno oggi, era possibile solo giocare testa a testa contro un dealer e altri giocatori a un tavolo all’interno di uno stabilimento di scommesse appositamente progettato. In questo ambiente, la possibilità di imbrogliare o manomettere il sistema era piuttosto limitata.

Tuttavia, un gruppo di studenti di MIT (Istituto di Tecnologia del Massachussetts) guidato da Bill Kaplan, ha utilizzato un modello matematico per contare le carte ed è riuscito a battere i principali casinò di Las Vegas, che erano in piena espansione intorno al 1992. Un caso senza precedenti che ha avuto un’importante eco nella comunità dei giocatori di tutto il mondo.

Bill Kaplan: laureato di Harvard, conteggio delle carte al MIT

Kaplan era laureato in Harvard che entra in MIT con l’obiettivo di guidare un gruppo di scommettitori che, attraverso un modello matematico, si dedicassero al conteggio delle carte. Un sistema testato con rigore scientifico e che ha garantito il 100% di ritorno sull’investimento a tutti coloro che hanno deciso di investire nell’attività del gruppo.

Per contestualizzare la storia, nel 1977 Bill Kaplan, con 1.000 dollari, andò a Las Vegas e trasformò quella somma in 35.000 dollari. Con quei soldi ha pagato gli studi MBA ad Harvard e successivamente è stato contattato per guidare un piccolo gruppo al MIT, composto da quattro giocatori, un professionista e un investitore.

Per un anno hanno suonato città atlantica, quadruplicando il capitale iniziale di $ 5.000. Tuttavia, più che un gruppo di scommettitori d’élite con un sistema collaudato, si comportavano come scommettitori isolati senza una strategia coerente. Questo è stato cambiato da Kaplan, che con la sua analisi statistica del gioco e la sua ricerca ha perfezionato la strategia.

L’addestramento del gruppo ha avuto successo, ma, al di là del sistema perfetto che ha funzionato davvero, c’erano alcuni errori umani che hanno finito per far crollare l’intero sforzo del gruppo. Il primo degli errori è stato aver smarrito un sacchetto di carta contenente $ 125.000 di proventi del gioco d’azzardo.

La borsa è stata persa in un’aula del MIT ed è stata recuperata da una donna delle pulizie, che l’ha messa nel suo armadietto per 6 mesi fino a quando l’FBI è riuscita a trovare il luogo in cui si trovavano i soldi ed è tornata alla squadra. Dopo questo incidente, altri giocatori hanno iniziato a essere scoperti dai casinò, avviando indagini private.

Di conseguenza, è stato riscontrato che gli indirizzi di molte delle persone coinvolte erano collegati al MIT. Così, visti gli eventi e le pressioni sulla squadra, il gruppo fu sciolto nel 1993. A quel tempo, la squadra aveva 80 giocatori e la pressione per mantenere il gruppo in funzione era enorme, così Kaplan decise di scioglierlo.

Come funziona il conteggio delle carte?

Dopo lo scioglimento, alcuni dei membri hanno imparato dagli errori, hanno usato la stessa tecnica e stabilito gruppi indipendenti. Uno dei membri del team era Mike aponte, che nonostante sia stato smascherato come un contatore di carte, ha vinto il World Series of Blackjack nel 2004 ed è attualmente consulente di prestigiosi casinò in tutto il mondo.

Il conteggio delle carte è del tutto possibile. È un’abilità matematica in cui il giocatore tiene un conteggio mentale, calcolando segretamente le carte alte e basse per sapere quando aumentare la scommessa. Sebbene questa non sia un’attività illegale, è qualcosa che ai proprietari di casinò non piace e quindi si riservano il diritto di ammissione quando scoprono che un giocatore sta ovviamente contando le carte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: