Latte di inizio, continuazione e crescita, sono nutrienti?

Un alimento che accompagna il bambino dalla nascita è il latte, l’essenziale essendo materno. Man mano che il bambino cresce, i suoi bisogni nutrizionali cambiano e altre opzioni iniziano a essere prese in considerazione. È importante conoscere il momento giusto per introdurre altri alimenti come il latte industrializzato e quali sono indicati

È sempre un dilemma per le mamme tutto ciò che riguarda l’alimentazione dei piccoli, soprattutto la prima volta, che praticamente stanno imparando al volo un mondo totalmente nuovo per loro. E all’interno di questa materia, una questione che da sempre preoccupa è quella del latte per neonati, poiché è comune avere dubbi su quale sarà il più appropriato.

Indubbiamente, ed è la raccomandazione che daranno i pediatri di tutti i paesi del mondo, durante i primi sei mesi di vita il latte materno è il prodotto essenziale per lo sviluppo del piccolo, poiché contiene tutti i nutrienti per la sua crescita e sostanze che lo manterranno protetto da allergie e infezioni.

Il latte materno contiene l’apporto nutrizionale e calorico necessario al bambino durante i primi sei mesi di vita, quindi non dovrebbero essere somministrati altri alimenti come succhi, zuppe, non avranno nemmeno bisogno di acqua. L’allattamento al seno rafforza il rapporto madre-figlio e deve essere soddisfatta secondo la libera richiesta del bambino, cioè quando lo chiedi.

E se la madre fosse disabile?

Sarà sempre un argomento per sottolineare l’importanza capitale dell’allattamento al seno per il sano sviluppo e crescita del bambino, tuttavia, non è meno vero che ci sono casi eccezionali in cui la madre è disabile, di solito si verifica per problemi di salute, anche se ci sono momenti in cui semplicemente non vuoi.

Quale latte dare al bambino in questi casi? Conosciuto come latte di avviamentoQuesto deve essere un prodotto di alta qualità, per l’immaturità che il corpo del bambino ancora presenta, la vulnerabilità alle infezioni e la crescita accelerata che presenta, che deve essere sottoposta a una corretta alimentazione.

Sebbene sia un compito abbastanza complicato avvicinarsi alla sua composizione, cerca di assomigliare fin dall’inizio al latte materno aggiungendo prebiotici per lo sviluppo di una flora intestinale sana, nucleotidi per un sano apparato digerente, immunoglobuline e altre sostanze per le difese, come così come la taurina, la cartinina e altri componenti per lo sviluppo integrale del bambino.

Continuazione e crescita

Dopo i primi sei mesi di vita, il bambino inizia con l’alimentazione complementare. Molte mamme continuano a fornire ai loro bambini latte materno, anche dopo il primo anno di età, mentre altre decidono, per vari fattori, di iniziare con la chiamata 2a continuazione del latte.

La composizione è simile al latte di avviamento, tranne per il fatto che poiché è un bambino più sviluppato, vengono aggiunti più ferro e proteine ​​per adattarsi alle sue esigenze nutrizionali.

Dopo l’anno, il bambino, che sta già diventando un bambino più attivo perché inizierà a camminare e giocare molto di più, potrà iniziare a consumare il latte vaccino, ma questo non può essere lo stesso di quello preso dagli adulti.

Il latte junior o da crescita ha livelli di sali e proteine ​​inferiori rispetto al normale latte vaccino, poiché il bambino non ha ancora sviluppato completamente i sistemi digestivo e renale. Allo stesso modo, conterrà un livello sostanzialmente inferiore di grassi saturi e verranno aggiunti più minerali e vitamine, oltre a vari componenti come Omega 3, DHA, nutrienti essenziali per lo sviluppo visivo e intellettuale.

Secondo gli specialisti, la decisione di includere il latte di crescita nella dieta dei bambini o la quantità da fornire è determinata dalle carenze nutrizionali di ciascuno in particolare, che è strettamente correlata alla routine alimentare del bambino.

In questo modo, È importante valutare se c’è qualche squilibrio nella dieta del bambino che richiede una quantità maggiore o minore di latte di crescita. Allo stesso modo, è fondamentale controllare l’etichetta della confezione e assicurarsi che non contenga alti livelli di zuccheri che dovrebbero essere evitati a tutti i costi, poiché dannosi per il bambino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: