Le parti del microscopio ottico e le loro funzioni

È normale visitare un laboratorio e trovare una specie di microscopio. Gli ottici sono essenziali in quelle aree, per ottenere un approccio dettagliato nelle indagini. In questo senso, le parti del microscopio ottico variano in base alla struttura, alla prospettiva, al contrasto, tra gli altri. La conoscenza di ciascuna delle sue funzioni porta ad uno studio adeguato del campione.

Ogni parte svolge una funzione importante: parti del microscopio ottico

Il microscopio ottico può sembrare semplice ad occhio nudo. Tuttavia, affinché ciascuno dei suoi pezzi possa svolgere la sua funzione, sono combinati per un compito specifico, sono descritti di seguito.

Sistema meccanico

Gli elementi di questo sistema componi lo scheletro, essendo fondamentale nelle parti del microscopio. Di conseguenza, ogni componente obbedisce a una funzione specifica, spiegata di seguito:

Capo

Come parte della struttura, funge da intermediario tra gli oculari e il tubo. In modo tale che la testa abbia la possibilità di ruotare di pochi gradi, consentendo una posizione ottimale e comoda. D’altra parte, l’osservatore è in grado di modificare le distanze tra sé e il microscopio.

Tubo

Si trova in una posizione che favorisce il collegamento tra l’obiettivo e gli oculari. Allo stesso modo, la forma del tubo in un microscopio rappresenta una sorta di braccio curvo stabile per un’osservazione accurata.

Agitare

Un nome particolare ma con un significato che ha una relazione logica. Nelle parti del microscopio c’è un pezzo di questo calibro in grado di contenere gli obiettivi. A sua volta, il revolver esegue rotazioni promuovendo una visione ingrandita del campione.

Colonna

È una delle strutture meccaniche più importanti. Perché promuove un equilibrio nel dispositivo, trattenendo ogni componente.

Sistema ottico

Questo sistema ottico è correlato all’ingrandimento e alla modifica di ciò che viene visualizzato. Per questo motivo, l’utilizzo tempestivo di ogni componente di questo sistema regola le differenze di colore.

Oculari

La posizione degli oculari è sulla testa del microscopio. Pertanto, in un design simile a una lente, un’attenta osservazione ingrandisce le due ottiche analizzando l’immagine. Questi con meccanismi avanzati, hanno la possibilità di ingrandire o rimpicciolire, stabilendo una perfetta vestibilità.

I microscopi ottici odierni sviluppano immagini in un aspetto tridimensionale, cosa impossibile con una singola lente. D’altra parte, ci sono ingrandimenti 10x, ma intervalli regolari in oculari come questi supportano 5x e 20x.

Obiettivi

Gli obiettivi corrispondono a lenti con la caratteristica di aumentare il campione. La sua distanza è minima, catturando la luce che attraversa l’area istologica. Come menzionato prima, questo pezzo funziona in combinazione con il revolver, ruotando quest’ultima si percepiscono i vari incrementi. Per questo motivo, ogni lente o obiettivo influisce su una visione nitida in tutto il suo splendore, eliminando un’immagine indesiderata all’osservatore.

Dilatazioni

Diversi fattori più specifici rispetto a quelli raggruppati nel sistema ottico, generano un ingrandimento del campione. Tra queste parti del microscopio ottico ci sono:

Platina

È il supporto dell’elemento da osservare attraverso gli oculari, contiene una base o un supporto che può essere facilmente manipolato. Il palco in quelli convenzionali ha un foro dove la luce passa e si concentra direttamente sull’oggetto. Nella stereoscopica, la riflessione serve per illuminare il campione, evitando protocolli, richiede solo una superficie.

Condensatore

Funziona prima come collettore di luce, poi trasmette l’illuminazione ideale mediante i raggi, creando il contrasto perfetto. Così che, È correlato a un regolatore di luce che li emette in modo parallelo o convergente.

Diagramma

Una delle parti preferite del microscopio ottico, in quanto consente di illustrare un campione con a alta definizione del gauge. Il diagramma è incorporato nel condensatore, provocando una profonda messa a fuoco per decifrare lo spessore del campione.

Lampada

Situata alla base, la lampada irradia una luce adeguata e accettabile per gli scopi del microscopio ottico. Questa luce viene trasportata dal riflettore a un riflettore, terminando in riflessi assistiti sul palco.

Altre parti del microscopio ottico: accessori di controllo

Maneggiare un microscopio è una responsabilità di controllo e sicurezza. Per questo motivo, ci sono 2 parti del microscopio ottico chiamate viti. Questi sono rappresentati, in questo modo:

Vite grossolana

In un aspetto ampio, la macro fornisce un’osservazione in una risoluzione non dettagliata. Adattare le diverse distanze con l’aiuto della ruota, il campione si muove in modo ascendente e discendente. Nella colonna del microscopio si trova, favorendo una posizione verticale del tubo oltre che della testa.

Vite micrometrica

Paragonata alla precedente, è una vite che riduce le distanze. Lo scopo è regolare una visualizzazione dettagliata.

Reostato

Il reostato non è correlato alle funzioni delle viti grossolane e fini, è solo un pulsante di accensione / spegnimento. Nonostante i suoi scopi imitati, è importante sapere perché si trova nel microscopio ottico.

Altri componenti importanti che fanno parte del microscopio ottico

  • Prisma ottico: è una correzione per l’illuminazione riflessa nel binocolo. Utilizzando questo componente all’interno del microscopio, la luce viene condivisa per i due oculari, risultando in una figura pertinente.
  • Pinzette: La sua funzione è la sicurezza del campione, l’idea è quella di ottenere la stabilità del campione sul palco. Comunemente in casi estremi, con l’osservazione di campioni sottili alla base, vengono utilizzate queste pinze.
  • Trasformatore: l’energia estratta dalle lampadine richiede un regolatore e quindi, per poter collegare il microscopio alla corrente elettrica.
  • Campo scuro: questo campo è possibile aggiungendo un oggetto di tono opaco alla parte condensatore. Accedere alla trasmissione della luce nel campione ma in modo obliquo, che raggiungerà i cosiddetti obiettivi.
  • Contrasto di fase: utilizzando lenti sofisticate, questo contrasto modifica l’immagine. Il processo si concentra sul passaggio della luce attraverso strutture note come tessuto, corrispondenti alla densità. Pertanto, in tali strutture, sono consentite diverse luminosità, un esempio di un campione è; cellule viventi.

Una finestra con la massima risoluzione

Diversi tipi di microscopio svolgono il ruolo di offrire dettagli ottimizzati di un dato campione. In tal senso, l’ottico che focalizza i livelli minimi di visione con una risoluzione ad alta potenza, presenta un’immagine completa. Pertanto, nei laboratori con finalità biologiche e medicinali, il suo utilizzo è predominante e favorevole.

Da non perdere anche quello che è il numero Avogadro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: