Le piante carnivore usano la matematica per cacciare

Il piante carnivore sono tutte quelle piante che traggono parte dei loro nutrienti dalla caccia. Questi tipi di piante sono senza dubbio una delle piante più curiose e sorprendenti che esistano al mondo.

Ci sono circa 625 specie su tutto il pianeta e le loro dimensioni vanno da un centimetro a quasi tre metri di altezza. Si nutrono principalmente di insetti e artropodi, ma possono anche catturare altri tipi di prede come piccole rane e lucertole.

Una delle qualità che rende sorprendente questa pianta è che ottiene energia in modi diversi. Sebbene la maggior parte provenga dalla caccia, può anche ottenere nutrienti dal terreno, anche se molto povero. Possono anche ottenere energia dalla fotosintesi, come il resto delle piante. Tuttavia, sono inefficienti in questo, quindi è necessario che si nutrano di animali.

Hanno dimostrato di esserlo organismi con un alto livello di adattamentoPossono crescere in quasi tutti i tipi di terreno e ce ne sono anche alcuni che possono crescere sott’acqua e nutrirsi di pesci.

Come si muovono le piante carnivore

Qualcosa che non ha smesso di sorprendere le persone da quando queste piante sono state scoperte da Charles Darwin nel 1987, è il loro capacità di muoversi nonostante non abbia muscoli. Questa pianta si muove grazie al fatto che può accumulare pressione dell’acqua sulle pareti cellulari del suo caratteristico foglio di cattura, che la fa chiudere, intrappolando qualunque “cosa” si trovi all’interno.

Le piante carnivore non sono familiari l’una per l’altra

Le piante carnivore si sono evolute in un’ampia varietà di modi e hanno sviluppato vari organi di cattura. Ma qualcosa di curioso in loro è che, sebbene molti abbiano meccanismi molto simili per catturare le loro prede, in molti casi non sono parenti, ma si sono evoluti da piante completamente estranee l’una all’altra.

Una pianta capace di contare

Tra tutte le piante carnivore, una delle più conosciute è la Venere acchiappamosche. Per questa pianta non è una decisione facile chiudere il suo organo di cattura. L’esecuzione di questo movimento richiede un dispendio energetico molto elevato per quanto riguarda la pianta. Per fare questo, ha dovuto sviluppare un meccanismo incredibile per eseguire questa azione: la pianta carnivora utilizza i numeri.

All’interno delle foglie di cattura ha una serie di peli o filamenti sensori che lo aiutano a rilevare la sua preda. Il venus flytrap ha l’estensione capacità di contare le volte che una potenziale preda tocca i suoi sensori. Al primo contatto con un capello sensore, la pianta non si chiuderà, ma andrà in modalità di allerta. Se si verifica un secondo contatto in meno di 30 secondi, la pianta chiuderà le sue foglie di cattura. Quando l’insetto cerca disperatamente di scappare, toccherà ripetutamente i sensori, in risposta a ciò la pianta si chiuderà ermeticamente e formerà qualcosa noto come “stomaco verde” per digerire la sua preda.

Quando la preda provoca il secondo contatto, la pianta inizia a rilasciare un ormone chiamato jasmonate. Questo ormone viene rilasciato da molte piante in risposta al contatto, ma per il Venus acchiappamosche stimola la produzione di enzimi digestivi ea sua volta lo prepara a catturare i nutrienti dalla sua vittima. Più stimoli ricevono i filamenti del recettore, più enzimi digestivi la pianta rilascerà.

In questo modo, la Venere acchiappamosche, utilizzando la sua capacità di conteggio, può valutare se vale la pena spostarsi ed essere sicura che vincerà.

Qui puoi leggere di più su altre specie:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: