L’importanza di un buon riposo

Gli esseri umani trascorrono un terzo della nostra vita dormendo, è ciò che facciamo di più, notte dopo notte e molti pomeriggi, è un elemento così importante che qualsiasi problema durante il sonno ci riguarda nella nostra vita quotidiana, sia di giorno che di notte, poiché il sonno svolge funzioni essenziali per il corpo.

Il sonno si caratterizza per essere essenziale, ristoratore, fondamentale per la veglia, cioè dormiamo per poter essere svegli il mattino dopo, fisiologicamente necessario, regolando i bioritmi e garantendo l’equilibrio del nostro corpo con l’esterno.

Sebbene non sappiamo esattamente cosa succede mentre dormiamo, è noto che in ogni fase del sonno si verifica un compito diverso. Durante il sonno profondo si verifica il ripristino fisico, mentre durante il sonno REM si verifica la funzione cognitiva (processi di apprendimento, memoria e concentrazione), riaffermando tutto ciò che abbiamo appreso durante la giornata.

La vita moderna richiede anche uno stato permanente di apprendimento e vigilanza delle funzioni cognitive. Ad esempio, per la guida, il controllo e l’osservazione giocano un ruolo fondamentale e dipendono in gran parte da un riposo adeguato.

Per queste ragioni, quando non dormiamo correttamente, subiamo significative conseguenze sociali e mediche che ci influenzano in modo negativo, indipendentemente dall’età o dalla classe sociale.

Melatonina per aiutarti a dormire

Il melatonina, chiamato anche ormone del sonno, si trova naturalmente nella ghiandola pineale, che si trova al centro del cervello, ed è un tassello fondamentale nella regolazione del ciclo sonno-veglia.

Sappiamo che l’assenza di luce stimola la secrezione di questo ormone del sonno e che il suo livello massimo viene raggiunto durante la notte. Durante il giorno, la luce riduce la sua produzione. Un altro fatto che sappiamo è che, con l’avanzare dell’età, la produzione di melatonina si riduce, stimando che nelle persone di età pari o superiore a 70 anni i livelli di questo ormone siano circa un quarto di quelli di un giovane adulto.

Trattamento con melatonina per l’insonnia

Tra i diversi trattamenti per l’insonnia e i disturbi del sonno, c’è la possibilità di acquistare la melatonina come medicinale che ci aiuta dormi bene. Deve essere prescritto da un medico, o anche come supplemento nutrizionale, che non necessita di ricetta che può essere acquistata presso erboristi tra i rimedi naturali per dormire bene.

Negli ultimi decenni, il uso della melatonina per ottenere un sonno profondo, Ed è che riconciliare la terra è diventato uno dei problemi principali in Occidente, in un mondo di stress, di fretta, che non ci permette di disconnetterci quando il sole tramonta e ci mettiamo a letto.

Ogni volta che dormiamo di meno e peggio e per questo motivo prodotti come il melatonina per dormire meglio, ottenendo un sonno veramente riposante.

Storia della melatonina

La melatonina è stata scoperta nel 1958, ma fu solo nel 1980 che i laboratori e le aziende di integratori alimentari iniziarono a commercializzarlo per aiutare coloro che ne avevano bisogno addormentarsi e migliorare la sua qualità.

Tuttavia, e sebbene come diciamo dal 1980 sia stato commercializzato, è stato nel 2010 quando il boom del noto come ormone del sonno. Per avere un’idea della portata della vendita di questo ormone, secondo i dati della rivista Nutrition Business Journal, solo negli Stati Uniti, i suoi cittadini hanno speso quasi 160 milioni di dollari in integratori legati alla melatonina nel 2010. Un paio di anni fa, nel 2017, quel numero sarebbe salito a 440 milioni, con una stima approssimativa tre milioni di adulti e mezzo milione di bambini assumono la melatonina negli Stati Uniti in modo da trattare i disturbi del sonno.

Perché il nostro orologio biologico è alterato

L’insonnia è un disturbo del ritmo che può avere origine nei viaggi transoceanici, causando il cosiddetto jet lag, in farmaci come le benzodiazepine o i barbiturici e in molte malattie, come l’Alzheimer o il Parkinson. In effetti, studi recenti lo hanno dimostrato il disturbo del sonno può essere un sintomo molto precoce del Parkinson. In questo modo, possiamo dire che è un’alterazione dell’orologio biologico centrale e che questo squilibrio è alla base di molte patologie.

Come funziona la melatonina

Il melatonina per chi soffre di problemi legati al ciclo del sonno non solo li aiuta ottenere quel tanto necessario riposo per ottenere la qualità della vita, ma svolge la funzione di risincronizzare l’orologio biologico alterato, cioè, non solo ripristina i modelli di sonno, ma il resto dei ritmi circadiani.

I ritmi circadiani sono cambiamenti fisici, mentali e comportamentali che hanno un ciclo quotidianoe che sono principalmente legati alla luce e all’oscurità a cui è esposto un organismo. Ecco perché dormire la notte ed essere svegli durante il giorno è un chiaro esempio di un ritmo circadiano correlato alla luce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: