Cosa significano i linfociti bassi e come alzarli

I linfociti sono un tipo di globuli bianchi che vengono creati nel midollo osseo e completano il loro sviluppo negli organi linfoidi come la milza, il timo, i linfonodi e i tessuti linfoidi associati alle mucose, circolanti in tutto il corpo umano attraverso il flusso sanguigno e il sistema linfatico.

La loro funzione principale è la risposta immunitaria, che reagisce ai microrganismi, alle cellule tumorali e agli antigeni, facendo parte dello scudo naturale con cui il corpo umano affronta le malattie batteriologiche e virali. La condizione di avere linfociti bassi si chiama linfopenia o linfocitopenia, e qui di seguito impareremo in dettaglio le cause, le conseguenze, la diagnosi e il trattamento per alleviare questa condizione.

Che cosa causa i linfociti bassi?

La linfopenia è una diminuzione dei linfociti nel sangue, che scendono al di sotto dei livelli normali. I globuli bianchi sono divisi in cinque tipi, uno dei quali è costituito da linfociti, che rappresentano dal 20% al 40% del numero totale di globuli bianchi nel sangue, svolgendo la funzione di distruggere le cellule anomale e creare anticorpi contro virus e batteri, essendo la prima linea di difesa che il corpo umano possiede.

linfocitopenia

Le cause dei linfociti bassi possono essere varie, tra le principali possiamo trovare le seguenti:

Infezioni virali

Una delle cause più comuni di linfociti bassi è un’infezione virale di fondo. Questo perché le infezioni possono causare la caduta del conteggio dei linfociti mentre si cerca di combattere l’infezione, ma di solito il conteggio torna alla normalità entro alcune settimane da quando l’infezione si risolve. La principale causa virale dei linfociti bassi è l’infezione da HIV, che è proprio ciò che scatena l’infezione di patogeni cosiddetti “opportunistici” che in una situazione normale non causerebbero la malattia. Anche polmonite, tubercolosi, epatite, malaria, febbre tifoidea e persino un’influenza comune possono causare linfociti bassi.

Disturbi del midollo osseo

I linfociti sono prodotti e hanno parte del loro sviluppo nel midollo osseo, quindi se il midollo osseo non funziona correttamente il conteggio dei linfociti può diminuire. Ci sono condizioni ereditarie che causano una predisposizione a produrre globuli bianchi insufficienti e casi specifici come l’anemia aplastica, che ha l’effetto di un livello basso di linfociti.

caduta dei linfociti

Radioterapia e chemioterapia

Le persone che hanno recentemente ricevuto radioterapia o chemioterapia tendono ad avere linfociti bassi, motivo per cui tendono ad essere più sensibili alle infezioni, anche se questo problema è invertito una volta terminato il trattamento, non è una condizione permanente.

La chemioterapia distrugge tutte le cellule che si riproducono rapidamente perché questa è una delle caratteristiche delle cellule cancerogene, e proprio in questo gruppo di cellule entrano i linfociti, che vengono danneggiati nel processo. Tuttavia, si tratta di un danno temporaneo, che viene invertito una volta che il trattamento è stato completato. Le persone sottoposte a chemioterapia devono proteggersi il più possibile da agenti infettivi, virus e batteri fino al ripristino del loro sistema immunitario.

Farmaci

Gli steroidi hanno la caratteristica di abbassare il conteggio dei linfociti, così come i farmaci immunosoppressori come i corticosteroidi, la globulina antilinfocitica e gli antineoplastici. Come nel caso del trattamento radioterapico e della chemioterapia, il conteggio torna alla normalità una volta terminato il trattamento. Lo stesso vale per alcuni vaccini che sono virus inattivati di un particolare ceppo, ma che scatenano una risposta immunitaria adattiva e possono causare una diminuzione del numero di linfociti nei giorni successivi alla vaccinazione, ma che ritornano normali nel giro di poche settimane, purché il corpo sia sano.

Malattie neurologiche

La sclerosi multipla e la sindrome di Guillain-Barre tendono a causare linfociti bassi. È molto difficile correggere una diminuzione dei linfociti in caso di malattie neurologiche perché i trattamenti non sono destinati a correggere questo problema, ma a migliorare le funzioni cerebrali del paziente. In questi casi, gli integratori vitaminici con zinco sono una delle poche risorse disponibili per il medico curante, dopo un esauriente studio di caso.

causa linfociti bassi

Malattie autoimmuni

I problemi autoimmuni come l’artrite reumatoide causano la caduta dei linfociti, così come alcuni tipi di cancro, specialmente quelli che coinvolgono il sistema linfatico. Anche il lupus, la miastenia grave e la malattia di Behçet hanno un effetto simile. Qualsiasi tipo di malattia autoimmune causerà una diminuzione dei linfociti, per questo motivo è necessario tenere sotto costante controllo questo valore, in modo che l’organismo sia vigile e possa attaccare qualsiasi infezione che possa svilupparsi data la naturale mancanza di risposta immunitaria.

Deficit nutrizionale

La carenza di zinco è associata a una bassa produzione di linfociti, che abbassa il livello di zinco nel sangue. Una dieta povera, caratterizzata da un basso apporto di proteine, carboidrati, verdura e frutta, causa un basso apporto di linfociti a causa della mancanza dei nutrienti necessari per la loro naturale insorgenza, che innesca una debole risposta immunitaria. Una dieta adeguata e varia, che comprenda tutti i gruppi di alimenti, è ideale per fornire le vitamine e i minerali di cui il midollo ha bisogno per produrre linfociti.

Disturbi genetici

Ci sono anche una serie di disturbi genetici che sono in grado di produrre linfocitopenia, come la carenza di antigene HLA, la sindrome di Louis-Barr, la sindrome di Wiskott-Aldrich, l’Agammaglobulinemia di Bruton.

disturbi genetici produrre linfocitopenia

Gravidanza

Durante la gravidanza si verificano numerosi cambiamenti ormonali, solitamente temporanei. Dall’inizio della gravidanza, il sistema immunitario della donna è naturalmente soppresso, in modo che non respinga il feto o non lo rilevi come corpo estraneo, perché ha gli antigeni del padre, quindi, in questo momento, tra i cambiamenti che si verificano, c’è una diminuzione dei linfociti, che sono responsabili dell’eliminazione delle cellule che il corpo considera invasive.

Il corpo della donna lo fa naturalmente per il bene del feto, che fa salire il livello ormonale, soprattutto corticosteroidi e gonadotropina. I corticosteroidi hanno un effetto immunosoppressivo, quindi sono utilizzati come trattamento per le allergie e alcune malattie autoimmuni. Mentre la gonadotropina funziona diminuendo i linfociti del gruppo T, che sono responsabili per coordinare l’intera risposta immunitaria del corpo. La gravidanza è una delle cause dei linfociti bassi nelle donne, ma non è una malattia in sé, bensì un meccanismo di adattamento che il corpo implementa per la protezione della nuova vita che deve gestare.

Sintomi

I linfociti bassi rappresentano una condizione impercettibile ad occhio nudo. È molto difficile per un medico determinare se si hanno linfociti bassi perché non ci sono sintomi chiari associati alla malattia. L’unico modo per individuare la condizione è con un esame del sangue e di solito viene scoperto come risultato di un test destinato a seguire un’altra malattia.

Ci sono alcuni indicatori che potrebbero suggerire un basso numero di linfociti, come infezioni insolite o una maggiore frequenza di infezioni virali, o un’infezione ricorrente che può portare il medico ad eseguire test per trovare la causa sottostante e scoprire una diminuzione dei linfociti nel sangue.

Diagnosi

Una diagnosi di linfociti bassi si verifica di solito quando si eseguono test ematologici per misurare lo stato di salute generale del paziente. Una diagnosi fisica iniziale, comprendente l’esame dei linfonodi ingrossati e di altri segni di infezione, può essere la causa di un esame approfondito del sangue. Soprattutto quando si hanno febbri costanti, il sintomo principale di un’infezione.

La diagnosi avviene quindi come conseguenza della ricerca della malattia come causa di sintomi generali.

linfopenia

Per chiunque soffra di infezione da HIV, sarà effettuato uno studio delle sottopopolazioni linfocitarie, in particolare delle cellule del gruppo T, secondo il protocollo di trattamento, in quanto sono quelle che diminuiscono maggiormente a causa dell’infezione. Questo porta ad una diagnosi di linfopenia o di linfociti bassi e al loro successivo trattamento.

I linfociti hanno una classificazione, e la malattia dei linfociti può essere classificata in tre tipi:

Linfopenia T

Questo è il nome con cui si indica la diminuzione dei linfociti T e può essere causata da diversi problemi. Questa malattia viene diagnosticata quando la conta dei globuli bianchi è inferiore al 20% della conta totale dei globuli bianchi e non ci sono disturbi da immunodeficienza. Il risultato di un basso numero di linfociti T è che le persone sono molto più soggette a polmonite e ad altre infezioni potenzialmente letali se non vengono trattate in tempo.

Linfopenia B

Quando si determina che c’è un basso numero di linfociti di tipo B, viene diagnosticata la linfopenia B, a condizione che il numero di linfociti rimanenti rientri nell’intervallo normale. Con questa condizione, il sistema immunitario non è in grado di combattere gli antigeni, perché le cellule B sono responsabili della creazione di anticorpi. Di solito si tratta di una variazione nel conteggio dei globuli bianchi dovuta all’assunzione di alcuni tipi di farmaci immunosoppressori.

Linfopenia NK

Questo è un tipo molto raro di linfopenia, che si verifica quando i linfociti inferiori sono le cellule NK chiamate “killer naturali”, ma il resto delle cellule linfociti sono ai valori corretti. Le cellule NK sono quelle che agiscono nel sistema immunitario attaccando i microrganismi invasori, motivo per cui sono chiamate killer naturali. La conseguenza di questa particolare condizione è che l’organismo, incapace di difendersi, viene invaso da malattie infettive, virus e diventa potenzialmente soggetto a cancro.

diminuzione dei linfociti nel sangue

Trattamento

Il trattamento per i linfociti bassi può variare a seconda di diversi fattori. Quando il caso è mite e non viene determinata alcuna causa sottostante, non è necessario alcun trattamento perché il conteggio di solito aumenta naturalmente, e solo allora viene eseguito un follow-up costante nel sangue per alcune settimane.

Nei casi in cui la linfopenia è attribuita a una malattia, il medico indirizzerà i suoi sforzi per trattare direttamente la malattia in modo che, sradicando la malattia, l’organismo ricominci naturalmente la normale produzione di linfociti. Nel caso di infezioni come quelle associate allo stadio dell’AIDS, il medico dovrebbe trattarle urgentemente, in modo da ripristinare i livelli dei linfociti, e quindi avviare uno schema di trattamento antiretrovirale che abbia come effetto collaterale positivo l’aumento dei linfociti, specialmente quelli del gruppo T-CD4.

Nel caso di linfociti bassi dovuti alla radioterapia e alla chemioterapia, è più probabile che ritorni ai valori normali una volta terminato il trattamento e senza l’intervento di alcun farmaco.

Nei casi in cui è dovuta a difetti genetici, il trapianto di cellule staminali del midollo osseo è un trattamento praticabile.

Stimolazione midollare

In generale, l’unico modo per tentare di influenzare l’aumento del numero di linfociti è stimolare la funzione del midollo osseo, che consente un aumento complessivo dei globuli bianchi. La citochina può essere usata come stimolante, ma è una risorsa che dipende dalla causa dei linfociti bassi. Un altro modo per stimolare il midollo osseo è il consumo di complessi vitaminici contenenti rame e zinco, proprio in modo che il corpo ha abbastanza nutrienti per produrre un buon numero di nuove cellule del sangue e questi sono molto più sani.

In breve, qualsiasi trattamento mira ad affrontare il problema di fondo, piuttosto che il basso numero di linfociti stessi.

In questo post abbiamo parlato di un basso conteggio dei linfociti, ma se il tuo caso è diverso puoi leggere il nostro altro articolo su come avere linfociti elevati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: