Luoghi da sogno da scoprire a Maiorca

Maiorca è una delle destinazioni spagnole preferite da centinaia di persone attratte dalle sue acque cristalline e dalle spiagge di sabbia bianca. Il numero di visitatori annuali ammonta a quasi 15 milioni, rendendola il miglior biglietto da visita dell’isola per il mondo, grazie al suo clima mediterraneo invidiabile e alle temperature piacevoli durante tutto l’anno. Non sorprende, quindi, che l’isola è il luogo di vacanza preferito di una moltitudine di volti noti del mondo della musica, del calcio e del cinema. Tuttavia, Maiorca è molto di più. Possiede una straordinaria diversità culturale e paesaggistica degna di essere scoperta da tutti i turisti che si recano sull’isola.

Uno dei punti di forza di Maiorca è quanto è ben collegato in termini di trasporto pubblico si riferisce, facilitando la mobilità dei turisti. Tuttavia, per una maggiore comodità, l’ideale e l’opzione migliore per scoprire angoli spettacolari è noleggiare un’auto e spostarsi in modo molto più comodo ed economico. Nello stesso modo, sia che arrivi in ​​aereo che in traghetto Si consiglia di prenotare un taxi per il vostro arrivo a Maiorca che vi permetta di viaggiare fino al soggiorno prenotato. Pertanto, il viaggio può iniziare non appena si arriva a destinazione.

Luoghi essenziali da visitare a Maiorca

Port des Canonge. Situato nella Serra de Tramuntana, più precisamente nel comune di Banvalbufar, c’è un’enclave nascosta dalla natura a cui si accede dopo aver superato sei chilometri di curve strette. Fino ad oggi, e occupando gran parte della baia, si conservano le tradizionali scarpate, cioè vecchie capanne in cui i maiorchini tenevano le loro barche e gli attrezzi da pesca. Questa spiaggia di ciottoli e ghiaia ha un’aria molto pittoresca, le cui acque cristalline e i suoi fondali sabbiosi e le alghe oceaniche di posidonia attirare appassionati di pesca subacquea e subacquei allo stesso modo. Un altro dei punti di forza di questo luogo sono i bellissimi tramonti che si possono ammirare seduti sulla sabbia. È anche possibile intraprendere un percorso escursionistico seguendo il sentiero del “La Volta des General”, che corre tra pinete e formazioni rocciose.

Grotte del Drach. Sulla costa orientale di Maiorca, precisamente a Porto Cristo si trovano le Grotte del Drach, che in realtà ci sono quattro grotte collegate. Queste grotte sono assolutamente da vedere in quanto sono considerate una delle meraviglie naturali dell’isola. Con una lunghezza di 1.200 metri e 25 metri di profondità, queste grotte sono un luogo da sogno per chi ama la speleologia grazie alle scoperte quotidiane di nuove cavità rupestri. Passeggiando tra le cavità è possibile osservare numerose stalattiti e stalagmiti di grandi dimensioni fino a raggiungere, in una delle grotte, uno dei laghi sotterranei più grandi del mondo. Lago Martel con una lunghezza di 115 metri di lunghezza. All’arrivo si svolge un concerto di musica classica per tutti i presenti, concludendo la visita con un giro in barca.

Artá. Questa città si trova nella cosiddetta Comarca de Llevant, con una superficie di 140 chilometri quadrati pieni di paesaggi montuosi, spiagge e patrimonio di enorme valore architettonico e archeologico. È un angolo imperdibile per tutto ciò che la città può offrire a ciascuno dei suoi visitatori. È stato considerato come un modello di turismo rispettoso dell’ambiente, grazie ai suoi 25 chilometri di costa allo stato naturale, con una riserva marina e un parco naturale. All’interno di Artá ​​spicca il suo centro storico con il recinto murato di Sant Salvador, che ospita diverse attrazioni come la sua chiesa in stile gotico e, a pochi chilometri, il Monastero di Santa María de Bellpuig con sette secoli di storia.

Punto di vista di Es Colomer. Questo punto di vista si trova sulla penisola di Formentor, accedendovi dal Puerto de Pollença attraverso una strada stretta con curve strette. Questa vedetta è in realtà una roccia verticale alta oltre 200 metri offrendo una vista spettacolare del paesaggio. All’inizio della salita al belvedere si trova un monumento all’ingegnere che ne ha disegnato il progetto, Antonio Parietti Coll. Una volta al punto di vista, ci sono un paio di spianate circolari perfette per apprezzare la vista deli magici tramonti che si svolgono in questa zona di Maiorca. Se hai le vertigini, è importante evitare di salire al belvedere nelle giornate ventose, poiché possono aumentare notevolmente. Seguendo la strada che arriva al belvedere, è possibile trovare la spiaggia e il promontorio di Formentor, quest’ultimo con un faro, il cui paesaggio mostra una bellezza degna di qualsiasi cartolina.

Come abbiamo visto, Maiorca ospita numerosi luoghi di enorme bellezza che aspettano di essere scoperti dalla maggior parte dei viaggiatori. Indubbiamente, il modo ideale per muoversi liberamente sull’isola è noleggiare un’auto, che si può trovare su siti web come Roig.com, che vi permetterà di muovervi velocemente nell’isola più grande dell’arcipelago delle Baleari. Una meta ideale nel bel mezzo della stagione invernale per quei viaggiatori in fuga dal freddo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: