Mammografie, a cosa servono e quando farle

Il mammografia È uno degli strumenti di screening del cancro al seno più utilizzati ed efficienti. Viene utilizzato per rilevare i segni di cancro nelle donne asintomatiche, quindi è uno studio che dovrebbe essere effettuato con una certa frequenza.

Nelle righe seguenti parliamo di mammografie, a cosa servono e quando è una buona idea averne una.

Cos’è una mammografia?

È un radiografia del tessuto mammario. Per questa procedura, i seni vengono posti tra due piastre che esercitano una leggera pressione per ottenere un’immagine più chiara del tessuto interno. Questo studio ha la capacità di rilevare il cancro al seno precocemente, anche anni prima che si formi un nodulo che può essere sentito con l’autoesame del seno.

È importante tenere presente che, sebbene goda di un alto livello di efficienza e affidabilità, non è uno studio infallibile. Ci sono molte occasioni in cui alcuni tipi di cancro vengono trascurati, quindi il paziente dovrà sottoporsi a ulteriori studi per confermare (o escludere) l’esistenza di una malattia oncologica.

Quando dovrebbe essere eseguita una mammografia?

Secondo le informazioni fornite dal American Cancer Society, qualsiasi donna a rischio medio dovrebbe farlo una mammografia annuale a partire dall’età di 40 anni. Questa frequenza dovrebbe rimanere tale fino all’età di 55 anni, a quel punto lo studio può iniziare ogni due anni.

Il termine rischio medio si riferisce a donne che non hanno mai avuto un cancro in precedenza, hanno una storia familiare di cancro al seno e non hanno ricevuto un trattamento radioterapico prima dei 30 anni. Se sei una donna con una di queste condizioni, sarà un medico specialista che dovrà consigliare la periodicità appropriata.

Per eseguire questo studio è importante recarsi in un centro specializzato in mammografia dove sono disponibili attrezzature all’avanguardia per eseguire la procedura nel modo più semplice, veloce e comodo possibile. Ricordati di consultare lo specialista per conoscere la periodicità più appropriata in base alla tua età e livello di rischio.

Vantaggi di una mammografia

Molte donne tendono a non prestare molta attenzione a questo studio, specialmente quelle che non hanno una storia familiare di cancro. Tuttavia, sottovaluterebbero i vantaggi di mantenere uno stretto controllo sulla salute del loro seno. Alcuni dei principali vantaggi offerti da questo studio sono i seguenti:

  • Riduce il tasso di mortalità grazie a una diagnosi accurata e precoce, molto prima che compaiano i sintomi.
  • È un esame rapido e non invasivo.
  • Riduce il rischio di morte per cancro nelle popolazioni a rischio.
  • I risultati dello studio sono ottenuti in tempo reale e vengono valutati da uno specialista, riducendo i tempi di attesa che, in questi casi, possono provocare un po ‘di ansia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: