Mangiare olistico. Che cos’è e i suoi principi essenziali

Il mangiare olistico è un intero sistema di vita che si eleva una forma di nutrizione più efficace cercando di generare un contributo da una prospettiva integrale della persona. Il termine greco holos significa “tutto”, motivo per cui questo modo di mangiare cerca di generare un approccio ampio che lo consenta un miglioramento totale della persona, e non solo una soluzione temporanea come propongono alcune diete.

Questo tipo di dieta ha avuto un boom particolare ai nostri tempi, perché in realtà è una delle forme di nutrizione più sensate, che cerca proprio di combattere i principali mali della modernità, attraverso un sistema alimentare più naturale e adeguato al nostro corpo. Permette quindi di generare uno schema nutrizionale con effetti positivi a breve e lungo termine, e non come le diete tradizionali, che ti fanno recuperare lo stesso peso più dell’80% delle volte.

Il mangiare olistico è diviso in due parti essenziali, uno che affronta esclusivamente ciò che ha a che fare con il cibo, chiamato anche fase secondaria. C’è anche un altro ramo chiamato fase primaria, che è responsabile del miglioramento delle nostre abitudini generali, come un modo integrale di prendersi cura della salute.

Principi essenziali del mangiare olistico

Cominciamo con un elenco di quei fondamenti relativi a questioni semplicemente legate al cibo e al processo digestivo.

Cerca il naturale

L’input olistico che l’alimentazione richiede eliminare il più possibile dalla dieta tutti quegli alimenti trasformati. In altre parole, prodotti che vengono inscatolati, congelati o che hanno subito un processo industriale che altera la composizione del prodotto.

Questo ha sicuramente molto senso, come c’è una quantità innumerevole di composti altamente nocivi per la salute, potremmo citare glutammato monosodico, coloranti o aspartano, solo per citare alcuni esempi molto utilizzati. Oltre al fatto che con l’industrializzazione si perdono anche molti degli apporti nutritivi del cibo nel suo stato naturale.

Ciò non significa nemmeno che tutto ciò che trovi al supermercato sia dannoso, sono stati inoltre sviluppati prodotti che si sforzano di offrire un apporto nutritivo più sano. Ne sono un esempio i prodotti biologici, che devono essere differenziati tra quelli veramente naturali e certificati, e quelli che sono industriali utilizzando organismi geneticamente modificati.

In questo senso, il consumo di prodotti locali, o meglio ancora, prodotti del proprio raccolto, vi offrirà una maggiore garanzia sulla loro composizione e qualità. In questo modo è possibile garantire che non vengano utilizzati pesticidi o altre procedure dannose per il consumo umano.

Mangiare olistico significa anche essere completi, E non richiede che tu smetta di mangiare quelle ciambelle (o tanti altri capricci) che ti piacciono così tanto. Si consiglia vivamente di diluirne il più possibile il consumo, e di vederlo solo come un dolcetto da darsi di volta in volta e non come parte della merenda quotidiana.

Prendersi cura del processo digestivo

Allo stesso modo si consiglia di evitare il consumo di bevande fredde, soprattutto ai pasti, poiché influisce sul processo di digestione. In questo senso, anche masticare il cibo in abbondanza e mangiare lentamente sono elementi che possono fare una grande differenza.

È anche riconosciuto che i cibi freddi sono più difficili da digerire di quelli caldi o caldi, motivo per cui fa parte delle raccomandazioni alimentari olistiche, oltre a ridurre al minimo il consumo di quegli alimenti preparati in anticipo. Sarà sempre più nutriente mangiare cibi freschi o preparati al momento di quelli che hai già lasciato in frigo o che provengono da giorni fa.

Alimentazione completa

L’alimentazione olistica riconosce l’importanza nutrizionale di diversi tipi di cibo, motivo per cui accetta il consumo di carne, sia pollame, pesce e mammiferi, così come altri prodotti di origine animale, come latte, formaggio o yogurt, altamente consigliati in questo schema per le loro capacità probiotiche.

Naturalmente, anche l’alimentazione olistica sottolinea l’importanza di consumare tutti i tipi di verdura; da cereali, frutta, verdura, legumi, semi, ecc; essendo la varietà, la qualità e la freschezza, fattori importanti da considerare.

I sostenitori della dieta olistica nutrizione equilibrata che include tutti i nutrienti necessari per l’organismo, come vitamine, minerali, grassi e proteine. Cercando che sia razionale e senza cadere in alcun tipo di eccesso.

Strategia globale

Anche se qualcosa che distingue l’alimentazione olistica è la sua preoccupazione di generare un ambiente di beneficio integrale per la persona, garantendo anche il loro benessere emotivo e spirituale.

Elementi come la vita familiare o l’esercizio fisico sono elementi inclusi anche nei processi raccomandati. Ha in comune con altri sistemi come la Dieta Mediterranea, riconosciuta dall’UNESCO come Patrimonio dell’Umanità, il riconoscimento come dieta completa che favorisce in pieno le persone che la praticano.

Ideale per vari trattamenti sanitari

A causa della grande razionalità dei principi essenziali dell’alimentazione olistica, condivide anche alcune delle indicazioni che dovrebbero essere seguite in vari trattamenti medici, motivo per cui può essere di particolare aiuto per le persone con condizioni come il diabete, tra molte altre.

Nel mangiare olistico, uno degli obiettivi è sbarazzarsi di tutte quelle componenti che invece di nutrirci ci fanno ammalare. In questo senso è possibile tracciare un diverso modo di vivere che, senza comportare dolorosi sacrifici, permette al corpo di rigenerarsi, attraverso un processo più sano e focalizzato anche sulle esigenze specifiche di ogni persona.

Questo tipo di alimentazione non è una guida da seguire passo passo, ogni essere umano è diverso, quindi si consiglia il consiglio di uno specialista per suggerire diete specifiche che potrebbero essere di particolare utilità per la persona; Tuttavia, applicando questi principi essenziali, chiunque ha la capacità di migliorare la propria salute e, naturalmente, quella dei propri cari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: