Max Born, un grande talento nella meccanica quantistica

Max Born Kauffmann era un matematico e fisico tedesco di origine ebraica, nato l’11 dicembre 1882 a Breslavia, l’ex Regno di Prussia, oggi Polonia. Era il maggiore dei due figli dell’anatomista ed embriologo tedesco Gustav Born e Margarethe Kauffmann, anche lei tedesca, morti quando Max aveva quattro anni.

Nel 1921, dopo una lunga carriera accademica, ottenne la nomina a professore di fisica teorica all’Università di Göttingen in Germania. Lì ha istituito una scuola di ricerca fisica quantistica, diventato un centro di riferimento mondiale in materia.

Nel 1933, dopo che Hitler salì al potere in Germania e per via della sua origine ebraica, andò in esilio nel Regno Unito, dove fu professore alle università di Cambridge ed Edimburgo.

Nel 1953, la famiglia Born tornò nella Repubblica Federale di Germania, nella piccola città di Bad Pyrmont, perché Max si godesse la pensione.

Born ha lasciato il suo segno profondo in campi vari come la fisica, come la relatività, la fisica chimica, l’ottica e l’elasticità.

Max Born Kauffmann morì il 5 gennaio 1970, all’età di 87 anni, a Gottinga, nella Germania occidentale.

Storia personale di Max Born

Max aveva due fratelli, Käthe e Wolfgang, il suo fratellastro, prodotto del secondo matrimonio di suo padre, che era diventato vedovo nel 1886.

Ha frequentato la scuola König-Wilhelm Gymnasium in Germania, successivamente ha proseguito gli studi universitari e di dottorato presso le università di Breslavia, Heidelberg e Zurigo.

Il 2 agosto 1913, Max sposò Hedwig Ehrenberg, dalla quale ebbe tre figli: Gustav, Irene e Margarethe. La loro figlia Irene Born, nata nel 1914 e morta nel 2003, era la madre della cantante e attrice Olivia Newton-John.

Meccanica quantistica

La meccanica quantistica indaga i fenomeni legati alle caratteristiche specifiche del movimento delle particelle che compongono gli atomi. La meccanica quantistica insieme alla teoria della relatività è ciò che è attualmente noto come fisica moderna.

Contributi di Max Born

Nel 1925, Max Born insieme al suo assistente Heisenberg produsse il loro primo contributo al quantum: il algebra matriciale. Questo contributo è stato dato grazie alle conoscenze matematiche di Born, perché fino a quel momento l’algebra matriciale non era utilizzata in fisica.

Nel 1926 applicò il suo contributo matematico a Equazione delle onde di Schrödinger con l’idea di trasformare gli orbitali degli elettroni in nuvole di densità di probabilità. Ha svolto molteplici indagini nel campo delle matrici numeriche che gli hanno permesso di formulare la prima teoria quantistica profonda.

Oltre a nuove scoperte nelle strutture reticolari cristalline, nella meccanica quantistica e nella fisica atomica. Ma, senza dubbio, il suo contributo più eccezionale è stato l’interpretazione statistica della teoria quantistica.

Mentre il suo contributo più noto alla fisica quantistica fu la sua interpretazione probabilistica della funzione d’onda di Erwin Schrödinger, che gli valse il premio Nobel 1954.

In precedenza, nel 1906 aveva difeso la sua tesi di dottorato in matematica, dal titolo “Studi sulla stabilità della linea elastica nel piano e nello spazio, in diverse condizioni al contorno”. Aveva anche presentato un Thomson Highest Atomic Model, come sua tesi di dottorato nel 1909.

Il premio Nobel

Max Born ha collaborato allo sviluppo della meccanica quantistica, dimostrando che l’equazione delle onde di Erwin Schrödinger può essere risolta con una previsione statistica.

Questa interpretazione statistica dell’equazione di Schrödinger è stata un grande contributo alla meccanica quantistica e gli è valsa il Premio Nobel per la fisica nel 1954. Quell’anno ha condiviso il Premio Nobel con il collega fisico tedesco Walter Bothe.

Al momento di ricevere questo prezioso premio, lo scienziato era già in pensione e viveva in Germania.

La sua amicizia con Einstein

Max Born e Albert Einstein erano grandi amici, perché condividevano molte preoccupazioni umane, anche se in campo scientifico non avevano le stesse convinzioni. Fondamentalmente, perché le sue idee relative alla natura della fisica erano l’opposto delle idee di Einstein. Tuttavia, hanno mantenuto la loro amicizia attraverso le lettere, dove hanno manifestato i modi contrastanti che avevano per comprendere la meccanica quantistica e il suo funzionamento. Il 4 dicembre 1926, Einstein scrisse una lettera a Born, dove disse:

“La meccanica quantistica è certamente impressionante. Ma qualcosa dentro di me mi dice che non è ancora la realtà “.

E ha continuato a dirgli nella sua lettera:

“La teoria spiega molte cose, anche se non ci avvicina al segreto del” vecchio “. Io, da parte mia, sono convinto che Lui non giochi a dadi ”.

Poiché Einstein non era un credente, usò una metafora per riferirsi a Dio e al funzionamento della natura.

Era una discussione che avevano da anni e che Einstein riassunse in una lettera a Born, nel 1944, in cui disse:

“Hai fede in un Dio che gioca a dadi, mentre io credo in una legge e in un ordine che sto ancora cercando di capire.”

Questa è una delle citazioni più famose dell’autore della teoria della relatività, che divenne nota grazie a queste lettere

Riconoscimenti ricevuti da Max Born

  • Premio della Facoltà di Filosofia dell’Università di Göttingen per la ricerca sulla stabilità di cavi ed elastici.
  • Medaglia Max Planck, ricevuta nel 1948, per i suoi straordinari contributi alla fisica teorica.
  • Medaglia Hughes della Royal Society, assegnata nel 1950, per i suoi contributi alla fisica teorica e alla meccanica quantistica.
  • In suo onore, sono stati nominati un cratere lunare e un asteroide, 13954, che ora sono conosciuti come: Cratere lunare Born e Asteroide Born.
  • Nel 1954, oltre a ricevere il Premio Nobel per la Fisica, fu nominato Cittadino Onorario di Gottinga in Germania.
  • Nel 1959 riceve la Gran Croce al Merito e la Stella dell’Ordine al Merito dal Presidente della Repubblica Federale di Germania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: