Miti e verità del Deep Web

Il cultura di Internet è nato, si è sviluppato e continua ad evolversi. Nel corso degli anni nel mondo online sono stati visti milioni di teorie, miti e leggende, e tra questi c’è tutto ciò che riguarda il Deep Web.

Il deep web ha sempre generato un impressionante livello di curiosità negli utenti di Internet, E il motivo è molto semplice: non è difficile concepire che ci sia un intero mondo sconosciuto e misterioso su Internet. In effetti, accade perché ogni persona sa che il proprio tempo su Internet viene speso su determinati siti particolari, come se fosse una bolla.

L’analogia dell’iceberg diviso orizzontalmente in tre parti rappresenta molto bene la rete.

  • La punta dell’iceberg, la sua parte più piccola, è conosciuta come superficie web.
  • La parte centrale sotto la superficie è il Deep Web.
  • La parte restante, compreso l’oceano sottostante, è il dark web.

Cos’è il deep web?

Cominciamo bene. Il deep web è la parte di Internet a cui non è possibile accedere direttamente tramite un browser, Google o Bing, ad esempio.

In base a questo concetto, social network, entità bancarie e servizi come Netflix entrano nel deep web, poiché sebbene tu possa accedere alla pagina Facebook o alla pagina della tua banca tramite browser, le informazioni del tuo profilo o le informazioni delle tue transazioni sono protette con una password di accesso. Questo livello di sicurezza garantisce queste informazioni private e, poiché non sono pubbliche, non si trovano sulla superficie web.

Molto diverso dall’Internet profondo è il dark web, e questo è uno dei primi miti su questo argomento.

Miti e verità

1. Il deep web e il dark web sono la stessa cosa

Una metafora per imparare a differenziarli è la seguente: se il deep web fosse una città, il dark web sarebbe un concentrato di quartieri; la seconda si trova nella prima e non viceversa.

La grande differenza tra i due è il tipo di informazioni che si trovano in essi. Questo post potrebbe rendere queste differenze più evidenti per te.

Sebbene il deep web includa qualsiasi informazione protetta da un livello di sicurezza (password, pattern) e qualsiasi connessione effettuata all’interno di un server che non è accessibile pubblicamente (come una rete aziendale o un social network), Il dark web include informazioni e dati a cui è possibile accedere solo con un software specifico per bloccare l’identità dell’utente.

Lo scopo di questo blocco è la protezione degli utenti e consiste in mascherare l’indirizzo IPe l’utilizzo di un browser speciale blocca i motori di ricerca tradizionali.

Verdetto: falso.

2. Tutti i contenuti trovati nel dark web sono illegali

Un dato certo è che il dark web è il luogo ideale per acquistare e vendere questo tipo di contenuti (droghe, armi), poiché tutto avviene in modo anonimo; È anche il luogo in cui bitcoin ha iniziato a muoversi per gli stessi motivi e non esiste un modo semplice per tracciare venditori o stakeholder.

Ma questo accade solo in una parte della rete oscura. Molte persone, come politici e attivisti perseguitati, creano blog in questa parte nascosta di Internet per parlare liberamente e senza alcun tipo di censura. Non è affatto illegale, ma è qualcosa che non sarebbe consentito loro di fare pubblicamente.

Verdetto: falso.

3. Scaricare contenuti e parlare con le persone in questa sezione di Internet è pericoloso

Viene spesso utilizzato l’esempio di un vicolo urbano: in questi luoghi le persone possono incontrare persone di ogni tipoe non puoi parlare e conversare con chiunque.

Gli hacker sono una parte importante del file utenti del deep web e del dark web. L’anonimato del deep web dà una maschera a tutti, in modo che le persone abbiano la possibilità di nascondere le loro vere intenzioni. È meglio mantenere le interazioni al limite.

Allo stesso modo, i pacchetti di file Deep Web possono contenere trappole, virus o qualsiasi file infetto con l’intenzione di raccogliere informazioni personali. Quindi, per evitare di passare un brutto momento, si consiglia di non scaricare nulla durante la navigazione in queste acque.

Verdetto: sicuro.

4. Questa parte di Internet è stata creata per i criminali da criminali

Il deep web fa parte di Internet che la maggior parte delle persone utilizza quotidianamente, sia che si tratti di pagine reindirizzate con informazioni private (conti bancari, ad esempio) o piattaforme che richiedono un accesso per funzionare. E per il dark web, chiunque può immergersi con un browser come TOR.

Con l’argomento precedente, questa teoria è obsoleta. Chiunque può accedere al deep web / dark web, che include anche i criminali, sì, ma non sono gli unici ed esclusivi che vi entrano.

Verdetto: falso.

5. Circa il 90% di Internet si trova nel deep web

Prendendo ciò che è stato detto all’inizio di questo post, il superficie web compila tutti i contenuti Internet a cui è possibile accedere tramite un browser e senza la necessità di passare attraverso filtri di sicurezza; cioè senza inserire password o inserire account.

Ma su Internet la stragrande maggioranza delle informazioni è privata, si trova su portali o siti a cui è possibile accedere solo con un utente, come nel caso dei social network. Quindi questo forma un grumo piuttosto grande di ciò che appartiene a Internet profondo.

In una questione di percentuali, il deep web ha il vantaggio con circa il 90%, seguito dal surface web con circa il 10%, e alla fine c’è il dark web, con circa l’1%.

Tra tutte le informazioni che circolano senza filtri sul deep web, ci sono molti dati veri, ma ci sono ancora più informazioni false che stanno aumentando le percezioni negative degli utenti nei confronti di questa parte di Internet. Con un po ‘più di informazioni, le persone sapranno di più su questo argomento e il tabù che crei finirà.

Verdetto: sicuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: