Monociti: A cosa servono e quali sono i valori normali?

Per prevenire malattie future, il corpo umano ha nel sangue cellule che aiutano a combattere virus e malattie nelle persone. Questo perché si è costantemente esposti a batteri e infezioni che danneggiano gli organi. A tale scopo esistono diversi tipi di organismi, i cosiddetti leucociti, ognuno dei quali ha dimensioni diverse ed è composto in modo diverso. In questo articolo vedremo tutto ciò che riguarda i monociti.

Che cosa sono i monociti?

I monociti sono una varietà di globuli bianchi che si trovano nel flusso sanguigno. La dimensione dei monociti, secondo gli studi degli specialisti, è maggiore rispetto agli altri tipi di leucociti, per cui sono considerati uno dei più importanti nel sangue.

Che cosa sono i monociti

I monociti cominciano a svilupparsi e a prendere vita dal midollo osseo (i tessuti all’interno delle ossa), per poi rimanere lì a finire di formarsi correttamente – si dice che rimangano in questa fase di diversi giorni, man mano che si accumulano. Dopo questa fase, vengono impiantati nelle cellule del sangue.

Dopo questo processo, questo tipo di globuli bianchi può essere in altre parti degli organi della gente, come i polmoni o il fegato. Ogni corpo umano è diverso, quindi la quantità di queste cellule varia a seconda dello stato di salute che si ha. Pertanto, il paziente deve sottoporsi a una serie di esami medici per verificare il funzionamento dei monociti all’interno del suo corpo.

Ogni monocito contiene, nella sua struttura, un centro – detto nucleo – di colore simile al violetto. È circondato dal citoplasma (di aspetto sottile), che è grigio e di solito più grande. Sono in corso sempre più studi per determinarne il mantenimento.

Funzioni dei monociti

I monociti hanno come funzione primaria e più importante quella di proteggere i vari organi dagli agenti che possono essere dannosi per l’organismo. Fa anche parte del sistema immunitario umano, che sono le difese naturali che ogni persona sviluppa per evitare virus, infezioni o qualsiasi tipo di batteria. Inoltre, queste cellule proteggono gli arti.

Funzioni dei monociti

Una volta che i monociti identificano i meccanismi che sono considerati cattivi per il corpo, li combattono e poi li eliminano. Questi tipi di globuli bianchi sono in costante sviluppo fino a quando non maturano, così quando sono completamente pronti e quando rilevano i virus, essi vengono eliminati automaticamente fino a quando non vengono consumati in modo che non danneggino l’organismo.

I monociti inoltre accumulano ferro dai globuli rossi (i globuli rossi che danno ossigeno ai diversi tessuti del corpo umano). Pertanto, sono in grado di catturarlo per continuare le loro funzioni in tutti gli organismi. All’interno della loro struttura sono in grado di sviluppare gli antigeni (sostanze che servono come anticorpi nel corpo, in modo che li protegge) necessari.

Valori normali dei monociti nel sangue

Affinché si possa considerare che una persona abbia valori normali di monocito nel sangue, deve avere il 3-7% di questo tipo di leucociti. Questo sarà controllato da un esame del sangue in un laboratorio specializzato e deve poi essere controllato da un medico.

Il numero di monociti dipenderà da ciascun individuo, tuttavia si stima che il numero totale di monociti sia di solito 400-3100/μL in un neonato e 100-800/μL negli adulti. Quando si conta, può essere alto o basso, ognuno dei quali ha un proprio significato che verrà spiegato di seguito.

Valori normali dei monociti nel sangue

Monociti alti

Al momento in cui un paziente viene sottoposto a test e viene fuori che ha alti livelli di monociti nel suo sangue, si chiama monocitosi, che è quando i globuli bianchi aumentano. Questo perché il corpo è vittima di virus e infezioni più pericolose e quindi tende a reagire automaticamente e rapidamente per indebolirli.

I monociti alti sono di solito un segno che qualcosa di irregolare sta accadendo con il corpo, in quanto è un modo per costringere il corpo a contrastare quei batteri o allergie che sono difficili da controllare. I medici dovrebbero sempre essere consultati e consigliare esami medici per determinare ciò che sta accadendo, come monitorarlo in tempo e per riferire sul trattamento appropriato.

Monociti bassi

In contrasto con la monocitosi, c’è la monocitopenia (monociti bassi), che è quando il corpo ha bassi livelli di globuli bianchi. È anche un’avvertenza che lo stato di salute non è buono e sarà anche determinato dal conteggio degli esami del sangue.

La pancitopenia si verifica quando una persona è esposta a qualche tipo di disturbo fisico, a causa dell’uso di alcuni farmaci, a causa di malattie gravi o per mancanza di vitamine, per cui i leucociti vengono attivati per cercare di controllare i rischi, controllano l’intero sistema immunitario con lo scopo di avvisare in caso di situazioni irregolari.

Bassi conteggi di monocito possono essere rischiosi perché sono il risultato di malattie pericolose, anche se ci sono trattamenti per migliorare i livelli dei globuli bianchi. Tali metodi saranno determinati dalle condizioni di salute di ciascuna persona.

migliorare i livelli di monociti

Alimenti per migliorare i livelli di monociti

Con il trattamento prescritto dal medico e una dieta equilibrata, è possibile migliorare i livelli di monociti. Tra i principali alimenti che contribuiscono a migliorare il numero dei globuli bianchi ci sono le verdure. Mangiare verdure e legumi con proteine sarà di grande beneficio.

Inoltre, è importante mangiare frutta secca, come mandorle, noci o arachidi. Ci sono altri alimenti che aiutano e favoriscono il miglioramento dei livelli di monocito, come i diversi frutti (anche se si raccomanda che essi contengono vitamina c), semi, omega 3 e gli alimenti che contengono zinco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: