Perché è così difficile sviluppare nuovi antibiotici?

Il antibiotici Sono un gruppo vasto e diversificato di farmaci, che hanno contribuito al fatto che le infezioni non sono più la principale causa di morte nel mondo. Dalla scoperta della penicillina, l’industria farmaceutica ha sviluppato più antibiotici, progettati per eliminare i diversi tipi di batteri che possono rappresentare una minaccia per la nostra salute.

Oggi comincia a sembrare strano che gli antibiotici stiano perdendo la loro efficacia e che non si stiano ancora sviluppando nuove formule. Ed è che, senza farmaci che combattono le malattie infettive, ciò che si profila non è buono.

Fondamentalmente, perché si sono sviluppati batteri mortali resistenti anche agli antibiotici che esistono. In altre parole, se questi batteri resistenti non vengono combattuti, il bilancio globale delle vittime potrebbe aumentare in modo allarmante.

Quindi, è valido chiedersi perché è così difficile sviluppare nuovi antibiotici oggi? Essere un momento segnato dai progressi tecnologici e scientifici e dall’urgente bisogno che il mondo ha. La risposta, forse, sta nella sfida scientifica che implica e in quanto costa il lavoro di ricerca per il suo sviluppo.

Sviluppo di nuovi antibiotici

Apparentemente, il motivo principale per cui lo sviluppo di nuovi antibiotici è diminuito drasticamente è perché non sono redditizi rispetto ad altri farmaci.

Quindi comunque lo sviluppo di un nuovo farmaco è un processo costoso e pieno di incertezze, nel campo degli antibiotici si aggiungono anche altri aspetti, di seguito ne dettagliamo alcuni:

Dimensione del problema

  • La scarsa percezione sociale e politica sulla dimensione del problema generato dai batteri resistenti agli antibiotici, una delle principali minacce alla salute pubblica globale.
  • Poiché le infezioni di solito non costituiscono un’epidemia, non rientrano nei problemi di salute della nostra società.
  • La mancanza di consapevolezza dei politici sull’impatto che le infezioni resistenti agli antibiotici hanno sulla popolazione.
  • La poca attenzione che il settore pubblico e privato prestano agli avvertimenti medico-scientifici, quindi non collaborano per trovare soluzioni.

Nuove classi di antibiotici

  • La difficoltà di ottenere nuovi antibiotici, nonostante i genomi abbiano permesso di identificare nuovi bersagli all’interno dei microrganismi.
  • Le tecniche più recenti per lo sviluppo di farmaci, come lo screening ad alto rendimento, hanno prestazioni inferiori per gli antibiotici rispetto ad altre classi di trattamenti.
  • Ogni antibiotico ha una stretta relazione con i batteri per cui è stato progettato.
  • I microrganismi si evolvono e sviluppano difese contro gli antibiotici. Quindi più antibiotici utilizziamo, più è probabile che svilupperemo resistenza a loro, aumentando la loro inefficacia.
  • L’effetto dell’uso improprio, sia negli esseri umani che negli animali, nel tempo crea batteri più resistenti, noti come superbatteri.
  • Sebbene le sostanze chimiche battericide siano facili da trovare, la maggior parte di queste sono tossiche per il corpo.

Basso volume di vendita

  • Il basso volume di vendita di antibiotici rispetto ad altri farmaci, perché vengono venduti più vaccini o fungicidi.

È ora di sviluppare nuovi antibiotici

  • Possono essere necessari 10-20 anni prima che i nuovi antibiotici si sviluppino dalla scoperta alla produzione di farmaci.
  • Gli antibiotici che abbiamo utilizzato negli ultimi 30 anni sono varianti di farmaci scoperti prima del 1984.

Gli antibiotici, nuovi o vecchi, sono una risorsa preziosa che dovrebbe essere utilizzata solo quando necessario per proteggere e migliorare la salute. Poiché solo un piccolo numero di questi sono prodotti innovativi, il resto si basa su componenti esistenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: