Perdita uditiva: tipi, cause e trattamento

La perdita uditiva è essenzialmente una carenza nella capacità di percepire i suoni, cioè una crescente difficoltà di ascolto con la solita intensità. A differenza dell’anacusia, che rappresenta una perdita totale dell’udito, vi è ancora una certa perdita uditiva, a seconda del livello di danno, che può variare da lieve a grave e quasi assoluta perdita uditiva.

La perdita uditiva può anche essere unilaterale, o bilaterale, quando si verifica un danno di ambo le orecchie.

Una varietà di fattori può causare perdita dell’udito, una condizione che colpisce persone di tutte le età, anche se gli adulti più anziani soffrono di perdita dell’udito in maggior proporzione. Qui spieghiamo quali sono i diversi tipi, così come le loro cause, come identificarli e le varie alternative di trattamento.

I tre tipi di perdita uditiva

Una delle classificazioni di base per definire la perdita dell’udito è in base al luogo in cui si verifica il danno. È importante ricordare che il sistema uditivo è composto da diversi organi, l’orecchio è solo quello che possiamo vedere, anche se insieme con il canale uditivo formano quello che è noto come l’orecchio esterno.

Gradi di perdita uditiva

Questo canale, che possiamo anche vedere, è collegato alla fine ad una serie di organi sensibili come il timpano, la membrana timpanica e la catena oscillante, che è conosciuta come l’orecchio medio.

E più in profondità, ci sono altri organi che si connettono con il sistema nervoso, come il nervo uditivo, la coclea, i canali semicircolari e la Tromba di Eustachio, questo set è noto come l’orecchio interno. E a seconda di dove abbiamo il danno, è così che viene classificato il tipo di ipoacusia.

Perdita uditiva neurosensoriale

Come suggerisce il nome, in questo tipo di ipoacusia il problema è localizzato negli organi interni dell’orecchio, cioè quelli direttamente collegati al sistema nervoso.

Perdita uditiva conduttiva

In questo tipo di perdita uditiva, il danno è principalmente all’orecchio esterno o all’orecchio medio, una lesione al sistema organico che rileva i suoni provenienti dall’esterno.

Perdita uditiva mista

In questo caso, il problema si registra sia negli organi conduttivi che nel sistema neurosensoriale, che è anche quello che solitamente comporta un livello di danno maggiore, in quanto si verifica in più aree del sistema uditivo.

perdita uditiva

Gradi di perdita uditiva

Un altro modo per classificare la perdita uditiva è in termini del livello di perdita uditiva. Si ricorda che il suono è misurato in decibel (dB), quindi, meno decibel l’orecchio può percepire, maggiore si ritiene sia il danno.

Perdita lieve dell’udito

Questo caso si verifica quando l’orecchio ha difficoltà a rilevare quei suoni di 20-40 dB, vale a dire che i sussurri sono difficili da sentire, e allo stesso modo se ci troviamo in una riunione o in un luogo rumoroso, in una lieve perdita uditiva sarà difficile percepire chiaramente tutte le parole, e anche di più da persone lontane.

Perdita moderata dell’udito

Qui è difficile percepire suoni di 40-70 dB, che potrebbero causare che pur trovandosi in un luogo tranquillo, non possiamo sentire chiaramente le parole di una persona di fronte a noi. Quindi è quasi necessario utilizzare gli apparecchi acustici.

Perdita uditiva grave

In questo caso, è difficile percepire rumori di 70-90 dB, in modo che solo gridando la persona che ne soffre può sentire un po’. Oltre agli apparecchi acustici più potenti, potrebbe essere necessario un certo tipo di impianto, il più comune dei quali è un impianto cocleare.

Perdita uditiva profonda

Chiamato anche sordità, perché i suoni non sono percepiti nemmeno a 90-110 dB; e anche se gli apparecchi acustici ad alta potenza possono aiutare, l’impianto è una soluzione migliore, in quanto è praticamente il preludio alla perdita totale dell’udito.

Perdita uditiva conduttiva

Perdita uditiva neurosensoriale

Anche se ci sono trattamenti per questo tipo di perdita uditiva, il danno è permanente e di solito non si rigenera perché coinvolge gli organi sensoriali, sia dall’orecchio interno e il nervo che collega il sistema al cervello.

Cause

I bambini, in particolare i neonati, possono essere affetti da infezioni o malattie congenite. Anche l’esposizione frequente a decibel elevati può causare questo tipo di malattia, così come alcune infezioni da virus o batteri. Anche gli adulti più anziani hanno maggiori probabilità di svilupparlo a causa dell’età.

Sintomi

I segni che indicano la presenza di questo tipo di danni all’udito includono la difficoltà di percepire suoni acuti, per cui ci può essere una maggiore complicazione nell’udire le voci delle donne, in particolare quelle più acute. Anche il ronzio costante nella testa può essere un indicatore; e un modo per rilevarlo nei bambini è attraverso il parlato ritardato. Nei casi più gravi, possono essere presenti anche capogiri e sensazione di testa vuota.

Perdita uditiva mista

Trattamenti per la perdita uditiva neurosensoriale

Se si tratta di una perdita uditiva lieve, può essere trattata con apparecchi acustici, cioè con dispositivi che aumentano l’intensità per facilitare l’interpretazione all’interno dell’orecchio.

Nei casi in cui il danno è maggiore o in rapida evoluzione, potrebbe essere trattata con impianti cocleari; in questo caso, la coclea, che è un organo dell’orecchio interno, deve essere raggiunta, il che richiede un intervento chirurgico, o naturalmente due in caso di perdita uditiva bilaterale.

Perdita uditiva conduttiva

Come abbiamo detto, in questo caso il danno si verifica negli organi ossei o membrane situate nell’orecchio medio o esterno, in modo che normalmente non rappresentano gravi danni, essendo il coinvolgimento fino a 60 dB, vale a dire una perdita dell’udito lieve o moderata. E una differenza molto importante è che in questo tipo di pazienti la stragrande maggioranza può essere curata, spesso completamente.

Cause

In questo tipo di perdita uditiva, si tratta principalmente di alterazioni fisiche interne, dall’introduzione di un agente esterno, l’accumulo eccessivo di cera, le cicatrici causate da un’infezione, un tumore, un’infiammazione e anche solo un brufolo o una perforazione possono causare questo tipo di perdita uditiva. Il trauma, cioè l’impatto maggiore o la malformazione genetica, può anche essere una causa di perdita uditiva conduttiva.

cause Perdita uditiva

Sintomi

Naturalmente, la perdita uditiva in sé è un sintomo molto chiaro ma anche la sensazione di pressione nell’orecchio, e in alcuni casi anche un senso di equilibrio può essere perso. Va notato che può presentarsi come perdita bilaterale dell’udito, o solo in un orecchio, che possiamo iniziare a distinguere se strofiniamo solo la punta delle dita vicino all’orecchio, notiamo che non possiamo distinguerla chiaramente o non abbiamo la stessa percezione dall’altra parte, che potrebbe anche essere un indicatore per cercare aiuto professionale.

Trattamenti per la perdita uditiva conduttiva

Per diagnosticare il grado e il tipo di perdita uditiva, è necessario eseguire test cumulativi convenzionali come il prova di Weber, il test Rinné e l’esame Schwabach e, se necessario, diversi test per diagnosticare con precisione la causa della condizione.

Se il problema è un oggetto o un eccesso di cera all’interno, una pulizia può essere sufficiente, o qualche trattamento farmacologico può essere sufficiente in caso di infezione, granulazione o qualsiasi altra condizione che può essere contrastato o ripristinato.

Quando il danno è irreparabile, la prima alternativa è rappresentata dagli apparecchi acustici, necessari ad esempio per i bambini, perché questa condizione può causare gravi insufficienze dello sviluppo, in modo che gli interventi chirurgici possano anche essere attuati per cercare di correggerla in modo permanente.

sintomi Perdita uditiva

Perdita uditiva mista

In questo caso, si tratta di una condizione in cui entrambi i tipi di perdita uditiva vengono subiti, e può variare da una perdita uditiva lieve ad una grave.

Per questo motivo, sia le cause che i sintomi sono dovuti alle condizioni dei due principali tipi di perdita uditiva; anche se a seconda della loro presenza, potrebbe essere un indicatore del grado di intensità di ciascuna di esse; se ad esempio hai difficoltà a capire una conversazione in un luogo rumoroso, ma riesci a percepirla chiaramente dal davanti e ad alto volume, è probabile che la perdita uditiva conduttiva sia più frequente; tuttavia, se in quest’ultima situazione non riesci a capire le parole, né ad alto volume, allora il danno uditivo neurosensoriale potrebbe essere quello principale.

Perdita uditiva neurosensoriale

Trattandosi infatti di un insieme di condizioni, il trattamento dovrà essere mirato anche a neutralizzare le cause di ciascuna di esse; pur essendo presente il fattore neurosensoriale, le misure sono solitamente finalizzate a cercare di contenerne la condizione e mitigarne gli effetti, sia attraverso protesi uditive che implantari, che possono essere cocleari, di conduzione ossea o anche elettroacustiche.

L’ipoacusia comporta molteplici rischi per la salute, per cui è importante curarla e trattarla in modo tempestivo; se ci sono segni di ipoacusia, è meglio consultare uno specialista il più presto possibile, poiché in alcuni casi si può sviluppare rapidamente e causare gravi conseguenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: