Benefici della natura: piante ed energia solare che si possono avere a casa

Avere in casa una pianta responsabile della scomparsa di mosche, zanzare, ragni o qualsiasi altro tipo di insetto sarebbe di grande aiuto. Questo è possibile con la scelta corretta di un tipo carnivoro, niente di dannoso o pericoloso per l’uomo.

E se parliamo di piante benefiche, l’aloe vera, un cespuglio con steli robusti, con una sostanza conosciuta in tutto il mondo e usato per fare medicine, ricette di bellezza o cibo, non può essere tralasciato.

I benefici della natura sono variabili, quindi vengono utilizzati sempre più pannelli solari per generare energia elettrica naturale e con minore impatto sull’ecosistema.

Le piante mangiano gli animali?

Hanno il potere naturale di farlo attirare gli insetti e poi divorarli, così sono le piante carnivore, specie vegetali di grande diversità sul pianeta, capaci di resistere in luoghi paludosi e suoli con basso azoto e pH acido.

Queste piante insettivore, come sono anche conosciute, Si nutrono delle loro prede, tra cui i protozoi. Sebbene ce ne siano diversi nella loro classificazione, i carnivori più comuni sono i seguenti:

  • Sundew. Ha foglie con una specie di pelo assorbente intorno che si diffonde come rugiada. Sono i più comuni e ricercati per i giardini, poiché necessitano solo di cure di base, come la protezione dal sole in luoghi aperti.
  • Drosophyllum lusitanicum. Una delle poche specie che si possono trovare in Europa, precisamente nel sud-est della Spagna e sulle coste del Portogallo, si presenta come una pianta a rosetta con foglie ricoperte da peli ghiandolari che emanano una secrezione appiccicosa.
  • Nepenthes. Hanno la forma di un imbuto attraverso il quale emanano un odore dolce che attira le loro vittime, che raggiungono la superficie e poi cadono in un canale scivoloso. Sono anche conosciuti come coppe delle scimmie o piante carnivore.
  • Dionea. È un ottimo acchiappamosche che si chiude quando tocca i piccoli peli che si trovano al centro della sua foglia. Ha dei “denti” che una volta chiusi fungono da gabbia per trattenere la preda. È uno dei più sorprendenti del regno vegetale.
  • Sarracenia. Sono caratterizzati dall’avere i fiori lontani dalle loro trappole, che raggiungono attraverso lunghi steli. La loro forma è simile a quella di un acchiappamosche e resistono alle basse temperature.

Come prendersi cura di un carnivoro?

  • Quando tornano a casa, devono ricevere un processo di condizionamento dell’aria, a seconda del tipo di seme che hanno. Ci sono alcuni che attraversano un periodo di ibernazione.
  • Hanno bisogno di un tipo di terreno diverso da quello utilizzato nei giardini.
  • Devono essere preferibilmente in luoghi umidi, con temperature comprese tra 18 ° C e 26 ° C.
  • Devono essere irrigati con pioggia o acqua distillata, poiché i componenti del rubinetto o dell’acqua potabile possono influenzarlo.
  • Cercano il proprio cibo, quindi non dovrebbero ricevere altri tipi di sostanze nutritive.

Aloe vera per tutti gli usi

L’aloe vera è una pianta storicamente benefica e utilizzato in molte ricette medicinali, cosmetiche e di cucina. È facile e abbondante da coltivare, che generalmente non necessita di cure estreme.

È la pianta principale e l’asse centrale di mercaloe.es, dove usano procedure 100% ecologico che permettono di sfruttare i benefici della specie senza alterarne le proprietà.

Hanno personale specializzato per guidare tutto ciò che riguarda la coltivazione e l’uso dell’aloe vera, così come le foglie di cui hai bisogno, poiché vengono tagliate con cura rigorosa per non compromettere il suo processo di crescita.

Questo piccolo arbusto con una foglia allungata e carnosa (penca), resiste a temperature comprese tra 16º e 26º. Si consiglia di seminare in campi pianeggianti e ampi in modo che cresca senza problemi.

Cristallo curativo

La sostanza dell’aloe vera è all’interno dei loro gambi. Per estrarre il liquido bisogna tagliare una delle sue foglie e aprirla, al suo interno c’è una sostanza viscosa che è quella che si usa frequentemente. Va notato che la polpa non sarà molto benefica fino a quando la pianta non avrà almeno due anni.

Dalla natura, energia sostenibile

Ci sono paesi che attualmente hanno problemi con la generazione di elettricità, quindi l’energia solare fotovoltaica diventa un’opzione, non solo ecologica, ma anche sostenibile ed economica.

Si basa su una procedura in cui la radiazione solare viene trasformata in energia elettrica attraverso materiali semiconduttori o pannelli fotovoltaici. Non appena i raggi solari colpiscono le celle, viene generata energia elettrica. La tendenza è il suo utilizzo in case ecologiche, e sebbene la sua efficienza energetica non sia la migliore rispetto alla superficie necessaria, molte case hanno già i loro pannelli solari sui tetti e sui tetti.

Ci sono paesi in Europa che lo sono pionieri nella sua implementazione con la gestione di parchi solari in varie località della penisola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: