Pulizia del filtro antiparticolato: tutto quello che c’è da sapere

Il filtro antiparticolato, noto anche come FAP o DPF, è fondamentalmente responsabile dell’arresto del passaggio di tutte quelle particelle solide, o particelle di fuliggine, che si generano nei motori diesel.

Quando il filtro si riempie di queste particelle, passa attraverso un processo di rigenerazione. Automaticamente li elimina incenerendoli, riducendo così sensibilmente il livello di emissioni.

I sistemi meccanici di un’auto possono spesso ricordarci l’anatomia umana, nel senso che tutto deve essere in perfetta armonia per un funzionamento ottimale; Se un elemento non funziona bene, gli altri ne saranno influenzati. Questa stessa analogia si verifica con il FAP. Se il filtro ha un carico eccessivo di particelle di fuliggine e se l’operazione nel processo di combustione, o lo stato del lubrificante, sarà difficile per il filtro eseguire il processo di rigenerazione, quindi deve essere pulito o sostituito.

Metodi di pulizia del filtro antiparticolato

La pulizia del filtro antiparticolato è importante perché, da un lato, aiuterà la combustione della tua auto a essere più gentile con l’atmosfera e, dall’altro, non danneggerà il motore e allungherà la vita del FAP.

Pulizia termica

Con questa tecnica il filtro antiparticolato viene tagliato e rimosso dallo schermo termico. Il coperchio posteriore viene separato e quindi il catalizzatore dal filtro antiparticolato. Il FAP inizia ad essere immerso per diverse ore in detersivo, successivamente si pulisce a pressione con acqua calda e poi, quando si asciuga, viene nuovamente saldato.

Pulizia ad ultrasuoni

In questo processo, il FAP viene immerso in una lavatrice ad ultrasuoni, va notato che l’efficienza di queste macchine va di pari passo anche con la qualità della soluzione detergente.

Queste rondelle eseguono una pulizia profonda, tramite trasduttori che trasmettono vibrazioni al filtro e sommate alle alte temperature che raggiunge l’acqua, riescono a sciogliere i sedimenti accumulati anche nei punti più piccoli.

Ci sono due punti contro durante questo processo, il primo è che può richiedere più ore e il secondo è che potrebbe richiedere l’uso di più macchine, oltre alla stessa lavatrice.

Pulizia con additivi chimici

In commercio esiste una gamma di liquidi detergenti, generalmente sono più pratici e comodi in quanto non richiedono lo smontaggio del filtro antiparticolato, e risparmiano anche il noioso compito di recarsi in un’officina meccanica. La prima cosa da tenere in considerazione per applicare questo metodo è che il filtro deve essere ad una temperatura inferiore a quaranta gradi.

Questi liquidi di solito vengono forniti con un set che include soluzione detergente e soluzione di risciacquo. Il liquido deve essere depositato in una pistola a spruzzo con serbatoio a pressione, quindi viene versato nel gasolio. Questi liquidi fanno il loro lavoro in circa 20 – 25 minuti. Dopo aver posizionato la soluzione di risciacquo, avviare l’auto, metterla in modalità di riposo e attendere che raggiunga la temperatura di esercizio. Quindi, la fuliggine precedentemente pulita verrà distribuita dal filtro antiparticolato e brucerà in modo uniforme nel processo di rigenerazione.

Pulizia a macchina

Le rondelle del filtro antiparticolato DPF1800 funzionano attraverso l’iniezione di acqua calda insieme al detergente. Con il suo sistema automatizzato, i cicli di lavaggio possono essere regolati a seconda del filtro. Il processo di pulizia richiede circa 25 minuti in auto e 90 minuti in camion.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: