Quali sono i rami dell’ecologia?

La natura ha la capacità di connetterci con tutto ciò che ci circonda. Sapere quali sono i rami dell’ecologia è essenziale per l’equilibrio tra gli esseri viventi e il pianeta. Questa scienza della biologia ci permette di studiare le relazioni che esistono tra le risorse naturali e l’ambiente in cui si sviluppano.

Nel 1869 il filosofo e naturalista tedesco Ernst Haeckel attribuì a questa scienza il termine ökologie. Viene dal greco Oikos che significa casa e loghi che si traduce in studio. In questo senso, è legato all’ecologia come studio della casa, cioè l’ambiente.

Cos’è l’ecologia?

Prima di sapere quali sono i rami dell’ecologia, è necessario comprenderne il concetto. È noto come lo studio dell’interazione tra l’ambiente e gli esseri viventi. Il suo scopo è analizzare il comportamento degli organismi e dell’ambiente. Valutare i possibili fattori che possono influenzare l’abbondanza o la distribuzione degli organismi.

Noto come un campo che include scienze della terra e biologia. È correlato alla genetica, all’etologia e alla biologia evolutiva. Gli studi ecologici cercano di capire come la biodiversità possa influenzare il pianeta.

Considerato un importante campo della scienza che influenza la conservazione della specie umana e del suo habitat. Lo studio di questi rami copre vari livelli.

Potrebbe interessarti anche: I principali rami della Biologia

Quali sono i rami dell’ecologia?

I rami dell’ecologia sono vari, in quanto è una scienza ampia. I principali campi di studio e le loro branche sono:

Biogeografia

Conosciuta anche come la geografia della biosfera. Questo ramo analizza la distribuzione degli esseri viventi sulla terra. Considerando i fattori coinvolti. Allo stesso modo, studia gli effetti sugli esseri viventi e sugli spazi naturali. È considerato importante in biologia e geografia fisica.

Ecologia chimica

Studia i composti chimici che possono interferire con gli esseri viventi. Le sue principali fonti di studio sono gli elementi che partecipano ai processi di crescita, riproduzione e sopravvivenza.

Biogeochimica

Il suo oggetto di studio è l’interrelazione tra esseri viventi ed elementi di origine geochimica, come lipidi, carboidrati, proteine, tra gli altri. Approfondisce i processi che consentono di conoscere le caratteristiche della specie e prevenire le difficoltà.

Delle comunità

Conosciuta come ecologia di comunità, studia il comportamento di gruppo di una data specie. In generale, le comunità si comportano e reagiscono in modo particolare all’ambiente in cui operano. La funzione di questo ramo è studiare i comportamenti e valutare le implicazioni.

Successione ecologica

Studia i cambiamenti progressivi che si generano in specifiche comunità ecologiche in un dato momento. Questi cambiamenti influenzano la composizione della comunità. La successione ecologica permette di conoscere l’origine e l’evoluzione delle specie.

Applicato

Interviene attraverso l’applicazione di metodologie e criteri ecologici, permette di risolvere un conflitto ambientale. La sua premessa principale è il recupero attraverso l’equilibrio degli spazi, che a volte risente dell’inquinamento e delle abitudini nocive delle organizzazioni e delle persone.

Ecotossicologia

Questo ramo permette di tracciare un percorso di rifiuti tossici che possono influire sull’ambiente. La sua funzione è stabilire strategie per evitare la contaminazione e ridurre i rischi a cui possono essere soggetti gli esseri viventi. Permette di analizzare il livello di contaminazione degli elementi, il tempo di esposizione e altri fattori di grande importanza.

Ecofisiologia

Analizza i processi fisiologici che sono direttamente correlati alla natura. Vengono studiati gli elementi che intervengono in questi processi, come nel caso della temperatura, delle condizioni ambientali e dell’intervento della forza lavoro dei consorzi e delle persone. Questo ramo cerca di comprendere il comportamento di questi elementi e la loro influenza sull’ambiente.

Dal paesaggio

Cerca di analizzare le connessioni tra le componenti di un paesaggio che includono elementi temporali, strutturali e culturali. Il suo scopo è incoraggiare la conservazione delle specie attraverso la difesa, protezione e comprensione dell’ambiente che circonda gli esseri viventi.

Funzionale

Permette di analizzare il funzionamento e la struttura dei sistemi ecologici. Il suo scopo è conservare gli organismi attraverso la conoscenza scientifica del loro comportamento. Promuovere il corretto utilizzo delle risorse naturali. È considerato un ramo multidisciplinare perché coinvolge dati sociali, economici e culturali.

Di fuoco

Lo studio di questo ramo si basa sul fenomeno della natura e sull’influenza sui fattori di biodiversità con cui è a contatto. Attraverso uno studio, analizza le conseguenze che gli incendi hanno lasciato sull’ecosistema. Cerca di conoscere l’effetto degli esseri viventi in queste condizioni.

Marino

Analizza il comportamento della vita marina sulle superfici e sulle profondità degli oceani. Studia l’interazione con l’ambiente e le attività svolte dagli esseri umani. Ci permette di vedere come l’intervento di specie dinamiche possa influenzare i processi di riproduzione, alimentazione e il loro comportamento in generale.

Macroecologia

La sua caratteristica principale è lo studio approfondito dei processi ecologici, soprattutto quelli che si riproducono in larga misura. La funzione di questo ramo è quella di progettare modelli che definiscono il comportamento delle comunità, da rivedere in seguito e consentire il contributo di altre discipline correlate.

Ecologia globale

Questo ramo consente approcci multidisciplinari attraverso l’approccio ai problemi ambientali. Studia come gli elementi di origine biochimica influenzano il comportamento delle società. I principali effetti che studia sono quelli del cambiamento climatico a livello globale.

Sapere quali sono i rami dell’ecologia è un impegno di tutti

Tutti gli esseri umani hanno un impegno per la natura, è nostra responsabilità assicurarne la cura. Per raggiungere l’equilibrio è importante considerare i rami che promuovono lo sviluppo dei processi ecologici e la loro interazione con gli esseri viventi.

Il rapporto con l’ambiente deve essere reciproco, grazie alla natura possiamo provvedere a noi stessi di cibo. Promuovere l’ecologia e prendersi cura del pianeta è compito di tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: