Quali sono le caratteristiche degli esseri viventi?

Per secoli la biologia ha studiato e analizzato la complessità che la loro sopravvivenza sul pianeta ha dato agli esseri viventi. Ed è che la varietà degli esseri viventi nel mondo è così grande che richiede uno studio per conoscere e determinare quali sono le caratteristiche degli esseri viventi.

Molte di queste caratteristiche sono condivise da un gran numero di specie, anche se ci sono sempre differenze di forma, dimensione e costituzione interna.

Esseri viventi

Sono organismi capaci di nascere, metabolizzare, crescere, riprodursi, evolversi e morire. Per svolgere tutti questi processi, hanno bisogno di scambiare energia e informazioni con l’ambiente in cui vivono e con altri esseri viventi. Pertanto, si dice che siano il risultato di alti livelli di organizzazione della materia organica. Un’organizzazione che permetta loro di svolgere tutte le funzioni di cui sopra e che sono le caratteristiche della vita.

Caratteristiche degli esseri viventi

Le caratteristiche che distinguono gli esseri viventi in quanto membri della natura sono molteplici e varie. E vanno dalla loro composizione cellulare al loro adattamento, attraverso il loro modo di riprodursi, svilupparsi, crescere e morire, le loro funzioni vitali e il loro bisogno di interagire con l’ambiente.

Ciascuna di queste caratteristiche è descritta in dettaglio di seguito:

Composizione cellulare

Gli esseri viventi sono costituiti da cellule, che sono l’origine della vita, poiché le cellule sono l’elemento base della complessa struttura degli esseri viventi. Poiché le cellule sono la base per creare tessuti che danno origine a organi vitali, quindi, la composizione cellulare è una delle caratteristiche principali degli esseri viventi.

Quindi abbiamo da una singola cellula o esseri unicellulari, che svolge ugualmente tutte le funzioni vitali. Passando attraverso batteri e protozoi, a esseri multicellulari come funghi, piante e animali.

Secondo la loro composizione cellulare, gli esseri viventi possono essere classificati in un organismo unicellulare e un organismo multicellulare. Nel caso degli organismi multicellulari, le cellule rinunciano alla loro autonomia per funzionare come un insieme strutturato e organizzato.

Le cellule che compongono tutti questi organismi sono specifiche nella loro costituzione e funzione, nonché nel loro metabolismo e nella loro stessa organizzazione.

Per mantenere tutta questa organizzazione cellulare, gli esseri viventi eseguono un processo di autoregolazione noto come omeostasi. Questo processo omeostatico consente un mantenimento relativamente costante nella composizione e nelle funzioni degli esseri viventi, a fronte di alterazioni dell’ambiente in cui vivono.

Riproduzione

Un’altra delle caratteristiche rilevanti degli esseri viventi è il modo in cui si riproducono, perché grazie ad esso le specie sopravvivono e moltiplicano il loro numero di individui.

Attraverso la riproduzione riescono a trasmettere informazioni genetiche che determinano la loro crescita cellulare. La riproduzione è una strategia della natura per compensare un processo naturale e inevitabile negli esseri viventi: la morte.

Questa caratteristica riproduttiva può richiedere l’intervento di due esseri di sesso diverso, quindi non è detto che la riproduzione sia sessuale. Oppure potrebbe non richiedere l’accoppiamento, motivo per cui si chiama riproduzione asessuata. Uno di questi due modi consente la perpetuazione della specie:

  • Nel riproduzione asessuata, tipico degli organismi unicellulari, l’individuo si è sviluppato abbastanza da potersi dividere in due nuovi individui, geneticamente identici al suo predecessore.
  • Nel riproduzione sessuale, usuale negli organismi multicellulari, due individui sviluppati si uniscono per creare un terzo individuo con un nuovo genoma, sebbene simile ai suoi genitori.

Sviluppo, crescita e morte

Nel caso degli organismi multicellulari, per crescere e svilupparsi hanno bisogno di una caratteristica fondamentale: divisione cellulare. Questa divisione cellulare termina solo con la morte dell’organismo.

Durante le diverse fasi di crescita e sviluppo, gli organismi viventi ottengono dall’ambiente energia e materia, di cui traggono vantaggio internamente. In questo corso, alcuni organismi cambiano forma, dopo una fase embrionale, come la maggior parte degli insetti, per esempio.

Funzioni vitali

Per la loro sopravvivenza, gli esseri viventi svolgono una serie di funzioni che sono essenziali per loro, come ad esempio:

  • Alimentazione, necessarie per crescere e svilupparsi, o perché sono in grado di produrre le sostanze di cui hanno bisogno per nutrirsi o perché devono ottenere cibo da altre fonti.
  • Metabolismo, che riunisce le reazioni chimiche necessarie per ottenere energia e riparare o costruire strutture, che possono essere anaboliche o cataboliche.
  • Respirazione, una caratteristica fondamentale degli esseri viventi, attraverso la quale catturano i gas per incorporare molecole chimiche nelle loro strutture fisiche: cellule, tessuti o organi.
  • Escrezione, il processo responsabile dell’eliminazione delle sostanze di scarto che non sono utili all’organismo, o perché non possono assimilarle o perché non sono benefiche.

Interazione con l’ambiente

A parte il funzioni vitali, una delle caratteristiche degli esseri viventi è il loro bisogno interazione con l’ambiente.

Gli esseri viventi richiedono l’interazione con l’ambiente per rispondere a vari stimoli, fisici, chimici o sensoriali. Rispondere a questa diversità di stimoli è servito a definire le caratteristiche particolari di ciascuna specie, compresi i suoi organi.

In alcuni casi, questa esigenza di interazione è dovuta a qualcosa di sociale, a un comportamento che richiede l’esistenza di un branco, per garantire la sopravvivenza della specie.

Adattamento

L’adattamento degli esseri viventi all’ambiente in cui vivono ha richiesto lo sviluppo di capacità che ne garantiscano la sopravvivenza. Queste capacità di adattamento sviluppate dagli esseri viventi consentono l’esistenza di un equilibrio tra le specie.

Gli esercizi di adattamento all’ambiente sono logici ed efficaci, poiché obbediscono alle particolarità che definiscono ciascuna specie. Poiché la vita è un esercizio dinamico, che è in costante cambiamento, ha fatto competere gli esseri viventi tra loro per adattarsi all’ambiente nel miglior modo possibile.

Essenzialmente, perché l’idea è di evitare l’estinzione delle specie, motivo per cui è necessario un riarrangiamento o una variazione adattativa. Queste variazioni consentono agli esseri viventi di aggrapparsi alla vita e combattere le avversità, aumentando le probabilità di sopravvivenza.

L’aumento della biodiversità sul pianeta ha come alleato la capacità di adattamento degli esseri viventi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: