Quali sono le leggi di Kirchhoff?

È molto importante saperlo Le leggi di Kirchhoff si basano sulla conservazione dell’energia. In questo modo è possibile analizzare le varie variabili inerenti ai circuiti elettrici. Questi precetti furono annunciati dal fisico noto come Gustav Robert Kirchhoff nel 1845. Attualmente sono ampiamente utilizzati per lo studio dell’ingegneria elettronica ed elettrica, poiché consentono il corretto calcolo di tensione e corrente.

Il fisico nacque a Königsberg, il 12 ottobre 1824. In quel periodo si conosceva il suo contributo. Essendo così tanto, che la città è stata riconosciuta come “La città della pura ragione”.

I contributi di Kirchhoff

Le leggi di Kirchhoff furono ideate da un fisico e matematico tedesco. Che ha lasciato grandi contributi nel campo dei circuiti elettrici. Pertanto, queste leggi sono di grande rilevanza e utilità per il settore elettrico. La maggior parte degli studenti di questo ramo dovrebbe conoscere i propri contributi. Perché sono considerati uno strumento ampiamente utilizzato quando devono progettare installazioni elettriche.

Questi famosi studi si articolano in un paio di uguaglianze. Che puntano ai principi del risparmio energetico. D’altra parte, danno per scontato che ci siano costanti di carica nei circuiti elettronici. Fu formulata per la prima volta, precisamente nel 1846. Da allora, sono state verificate molte volte da altri esperti.

Allo stesso modo, hanno rappresentato il punto di partenza per la verifica di teorie fisiche più complesse. Questo studioso morì nel 1887 ed è ricordato ancora oggi per i suoi grandi contributi all’ingegneria.

Le leggi di Kirchhoff

Qui citiamo in dettaglio le leggi di Kirchhoff:

Prima legge

È anche conosciuta come la legge dei nodi e si basa su conservazione della carica di legge. L’affermazione utilizzata è molto semplice. Devi semplicemente tenere conto che un nodo è inteso come qualsiasi punto del circuito elettrico. In cui convergono tre conduttori o anche più. La legge è determinata da quanto segue: “qualsiasi nodo del circuito elettrico, avviene dalla somma delle correnti che si allenano in detto nodo”.

Questi sono uguali al totale delle correnti che partono. Ciò significa che la somma dell’energia che passa attraverso un certo nodo elettrico è uguale a “0”. È necessario tenere presente che il carico misurato è espresso in coulomb. Allo stesso modo, la corrente in ampere di tempo è sempre determinata in secondi. Inoltre, è anche necessario sottolineare che questa legge è valida solo se detta densità elettrica è costante.

Quando la tensione e altre variabili aumentano, la prima legge non può essere soddisfatta. Pertanto, per verificarlo, il circuito elettrico deve essere sempre controllato. Questo principio è soddisfatto solo quando l’elettricità non è altro che la circolazione di elettroni. Questo è il motivo per cui un nodo non sarà in grado di diminuire o aumentare gli elettroni che compongono il circuito.

Seconda legge

È la legge più utile ed è anche conosciuta come la legge delle tensioni. La sua missione è spiegare un aspetto relativo nella tensione dei circuiti elettrici. Per questo, è innanzitutto necessario il concetto di tensione elettrica o differenza di potenziale. Che è definita come l’unità di carica in un dato campo elettrico.

La seconda legge annuncia che, in ogni circuito elettrico chiuso, la somma delle tensioni di una batteria sarà sempre pari al totale della caduta di tensione di tutte le resistenze di quel circuito. Ciò significa che questo studio esprime che un carico non tornerà al suo punto di partenza a causa della dissipazione di energia. Spiegato in un altro modo la potenza emessa da una batteria in un circuito viene consumata tra vari resistori.

Un’importante riduzione delle leggi di Kirchhoff è che viene utilizzato per eseguire bilanci di circuiti elettrici. Allo stesso modo, è l’ideale per avere il controllo dell’intensità e della corrente che lo attraversa. Da lì, deriva la sua rilevanza nella tecnologia attuale e anche le sue ripercussioni nel campo elettronico.

Terza legge

C’è chi deduce dall’esistenza delle tre leggi di Kirchhoff. Tuttavia, è necessario indicare i contributi del fisico tedesco con la formulazione di questi studi. La relazione aritmetica che esiste tra attenzione e corrente ci permette di inferire la terza legge. È importante riconoscere le implicazioni di queste leggi per comprendere meglio i circuiti elettronici.

Con questa legge si determina che i circuiti elettrici sono un argomento che dice che l’energia non viene distrutta o creata. In ogni caso, la resistenza dei circuiti verrà dissipata. I nodi vengono registrati. Qualsiasi calcolatore altamente qualificato può ottenere una grande quantità di dati rilevanti da queste leggi. In questo modo potranno determinare i componenti necessari in un circuito elettrico.

Altri fatti su Kirchhoff

Come ha già detto il fisico tedesco Ha dedicato tutta la sua carriera scientifica al campo dell’elettricità. Inoltre, ha fornito importanti contributi alla misurazione della radiazione del corpo nero e alla spettroscopia. Fin dalla giovinezza la sua famiglia lo ha incoraggiato a dedicarsi all’insegnamento a livello universitario. Perché, al liceo, aveva eccelso nei calcoli. Per questo ha deciso di dedicarsi specificatamente a quella branca della fisica e della matematica.

Dal momento in cui ha iniziato la sua carriera, iniziò ad avere contatti con altri importanti scienziati. Il che ha influenzato tutto lo sviluppo delle loro indagini. Non avevano ancora completato gli studi universitari e stavano già iniziando a fare alcuni lavori. Le più importanti sono le due serie di leggi che sono all’altezza del loro nome. Uno di loro, dedicato alla radiazione termica. Tuttavia, le migliori erano le leggi che studiano l’elettricità.

Kirchhoff ha trascorso la maggior parte della sua vita all’Università di Heidelberg. Anche se ha ricevuto costantemente molte offerte in altri centri scientifici con maggiore esperienza. Nella sua vecchiaia, stanco e malato, ha deciso di trasferirsi a Berlino. Fino al giorno della sua morte era attivo, avvenuta nell’ottobre 1887.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: