Riassunto di Romeo e Giulietta di William Shakespeare

In letteratura, le storie d’amore sono state considerevolmente rappresentative. Uno degli spettacoli più popolari uno degli amori più tragici di tutti i tempi, è l’adattamento dell’opera del drammaturgo inglese William Shakespeare intitolato Romeo e Giulietta, che è stato scritto tra gli anni 1591 e 1595.

Per questo lavoro, Shakespeare ha fatto riferimento alla versione anglosassone eseguita da Arthur Brooke dal racconto italiano del 1562 “La tragica storia di Romeus e Juliet” di Mateo Bandello. Questo lavoro è diventato un classico. Innumerevoli adattamenti ne sono stati fatti nei teatri, nel cinema, nei musical e nell’opera. Il fascino per questo lavoro è stato così marcato che ci ha portato a presentare una sintesi di questa scrittura romantica e triste.

Riassunto di Romeo e Giulietta

A Verona, in Italia, durante il Rinascimento, due illustri clan: i Montecchi ei Capuleti, sono coinvolti in un’aspra e antica disputa, di cui nessuno ancora in vita può ricordare.

Dopo una serie di scontri pubblici tra nobili e servi delle due famiglie che hanno versato sangue e disturbato la quiete per le strade della città di Verona, si induce il sovrano, il principe Escalo, a pronunciarsi su questa situazione.

Statua di Giulietta

Nella sua dichiarazione, il principe dichiara: “che ogni membro delle famiglie coinvolto in una futura lotta sarà condannato a morte”. Dopo un po ‘, come era consuetudine ogni anno, la casa dei Capuleti avrebbe organizzato il loro ballo in maschera, dove ovviamente i Montecchi non erano invitati.

Festa in maschera dei Capuleti

Mentre il signor e la signora Capulet si preoccupano degli arrangiamenti per la festa, assicurandosi che tutto fosse perfetto per i loro amici e ospiti, erano anche impazienti per l’incontro della loro figlia Giulietta con il bel conte Parigi al ballo, di cui sperano che l’amore tra di loro sboccerà.

I Capuleti pensavano che la loro figlia sarebbe salita nella scala sociale di Verona, attraverso un matrimonio con il giovane conte Parigi. Julieta aveva 13 anni a quel tempo, quasi l’età per contrarre periodi nuziali.

Ma durante la festa due Montecchi, Romeo di 16 anni e suo cugino Benvolio, insieme a Mercuzio, un compagno di avventura osceno e dalla lingua vivace, vicino al principe Escalo, compaiono e si imbarcano in questa complicata avventura. Romeo partecipa a malincuore alla festa e solo perché spera di vedere Rosalina, una giovane donna di cui crede essere follemente innamorato e che insegue senza successo per un bel po ‘di tempo.

Tebaldo, un membro di sangue della casa dei Capuleti, nota l’intrusione dei Montecchi e li distingue nonostante le loro maschere, ma quando brandisce la sua spada e inizia ad avvicinarsi a loro per indurre un combattimento, Capuleti esorta Tebaldo a non metterlo in imbarazzo. La sua famiglia durante il celebrazione.

L’incontro tra Romeo e Giulietta

Quando un Romeo mascherato vede Giulietta dall’altra parte della stanza, si innamora immediatamente di lei, e anche Juliet ricambia. I due giovani iniziano a parlare e si scambiano battute suggestive e poi si baciano. Quando la festa finisce, Romeo e Giulietta si separano per partecipare alla loro cerchia ristretta, in quel momento scoprono separatamente chi è veramente l’altro.

Entrambi i giovani sono angosciati da una tale realtà, ed è lì che Julieta si rammarica che “il suo unico amore è germogliato dal suo unico odio“. Quando la festa finisce ei compagni di Romeo si preparano ad andarsene, Romeo si separa da loro, salta oltre il muro di un frutteto e si nasconde al buio sotto la finestra della camera da letto di Giulietta.

Esce sul balcone e si lamenta del suo amore proibito per Romeo, desiderando ad alta voce che potesse avere un altro nome. Romeo salta fuori dal nascondiglio e dice a Juliet che avrebbe fatto qualsiasi cosa per lei, è determinato a stare con lei nonostante gli ostacoli che devono affrontare. In quel momento, i giovani innamorati si scambiano i voti d’amore, dove Romeo promette di trovare Giulietta al mattino in modo che possano sposarsi rapidamente.

Il balcone di Giulietta a Verona

Nozze tra Romeo e Giulietta

Il giorno dopo, Romeo visita nelle sue stanze un frate amichevole ma filosofico, frate Lorenzo. Chiede a quest’ultimo di sposarlo con il suo nuovo amore, Juliet. Fra Lorenzo esorta Romeo a rilassarsi e prendersi tempo quando si tratta di amare: “questi piaceri violenti”, predice, “hanno fini violenti”; ma Romeo insiste che lui e Juliet sappiano cosa stanno facendo.

Fra Lorenzo ragiona e stabilisce che un matrimonio tra i giovani potrebbe porre fine all’antica ostilità dei genitori. Nel pomeriggio di quel giorno, Benvolio e Mercuzio si imbattono in Tebaldo, furioso che i Montecchi fossero entrati nella festa dei Capuleti.

Sfida tra Tebaldo e Romeo

Così Tebaldo in una scrittura sfida Romeo a duello, durante quel periodo Mercuzio e Benvolio si preoccupano per l’impulsivo Romeo fino alla sfida dell’abile Tebaldo. Quando Romeo fa la sua presenza davanti a Tebaldo, Benvolio e Mercuzio si ritrovano a scambiarsi battute verbali e provocazioni sconcertanti di un combattimento definitivo.

Romeo fa di tutto per evitare un confronto con Tebaldo, visto che lui e Giulietta pochi minuti prima erano insieme nel recinto di Fray Lorenzo, dove avevano contratto un matrimonio segreto. Così Romeo evita qualsiasi confronto con Tebaldo, che ora è tecnicamente suo parente.

Prima che Romeo possa spiegare le sue ragioni per dubitare, Mercuzio intercede disgustato e sfida Tebaldo a duello lui stesso. Romeo fa da intermediario cercando di separarli, ma Tebaldo accoltella e uccide Mercuzio sotto il braccio di Romeo. Mercuzio muore per le ferite riportate. Ha sminuito sia i Montecchi che i Capuleti e invocando che “una piaga arriverà a entrambe le case”.

L’esilio di Romeo da Verona

In una rabbia miserabile e cupa, Romeo ferisce mortalmente Tebaldo e in seguito si dichiara “pazzo di fortuna”, mentre Benvolio gli chiede di precipitarsi fuori dalla piazza. Quasi immediatamente, compaiono il principe, la guardia dei cittadini, insieme agli anziani dei Capuleti e dei Montecchi. Benvolio racconta al principe l’accaduto, dove decide di bandire Romeo a Mantova invece di condannarlo a morte.

Tornata alla villa dei Capuleti, Giulietta attende sognante l’arrivo di Romeo, che crede stia correndo fuori dalla chiesa per stare insieme la prima notte di nozze. I sogni di Giulietta si infrangono quando la sua nutrice entra e la informa che Romeo ha ucciso suo cugino Tebaldo e che il giovane è stato esiliato da Verona.

Juliet è molto furiosa con Romeo per aver accecato la vita di Tebaldo, ma allo stesso tempo, il suo amore per lui è così intenso che ammette che preferirebbe che lui vivesse piuttosto che Tebaldo. Juliet chiede alla sua infermiera di andare a cercare Romeo e portarlo via, facendogli sapere che lei vuole ancora vederlo nonostante le sue azioni.

L’infermiera si reca nella residenza di Fray Lorenzo, dove si nasconde il miserabile, vergognoso e arrabbiato Romeo. Sebbene Romeo pianga la sua sorte a Frate Lorenzo, il frate esorta Romeo a rendersi conto che è fortunato ad essere vivo e promette di trovare un modo per riportarlo a Verona dall’esilio a Mantova abbastanza presto.

Ultimo incontro di Romeo e Giulietta

L’infermiera arriva e chiede a Romeo di accompagnarla nelle stanze di Giulietta, lui la segue felice e Frate Lorenzo sollecita Romeo ad andare direttamente a Mantova in mattinata ad aspettare notizie da un messaggero. La morte di Tebaldo colpisce profondamente i Capuleti, così decidono di sposare immediatamente Giulietta a Parigi, per incoraggiare Giulietta e la famiglia.

Nel frattempo, Giulietta e Romeo salutano l’alba successiva e sebbene Giulietta dica di avere la terribile sensazione che non rivedrà mai più Romeo, lei lo esorta a sbrigarsi per raggiungere Mantova. Allora, la signora Capuleti entra nella stanza di Giulietta subito dopo che Romeo se ne va e trova sua figlia che piange.

Credendo che Giulietta sia ancora rattristata dalla morte di Tebaldo, Madame Capuleti le dà la notizia che presto sposerà Parigi. Julieta obietta e sua madre la esorta a dire a suo padre della sua decisione. Capuleti entra e proprio mentre Giulietta rifiuta ostinatamente e con rabbia l’accordo che hanno fatto per lei, Capuleti minaccia di rinnegarla.

La signora Capuleti si schierò con il marito, e anche l’infermiera suggerì a Giulietta di sposare Parigi e di relegarsi da Romeo. Ma Julieta va prontamente da Frate Lorenzo, infuriato, minacciando il suicidio se non riesce a trovare un piano per farla uscire dal suo matrimonio con Parigi.

La falsa morte di Juliet

Frate Lorenzo, avvertendo il profondo dolore di Giulietta, si presenta rapidamente con un piano. Le dà una fiala di una pozione che una volta presa la farà sembrare morta, ma in realtà la farà addormentare solo per circa 40 ore. In seguito, Giulietta, che sarà sepolta nella tomba dei Capuleti, una volta che si sarà svegliata lì, Fra Lorenzo la raccoglierà e la nasconde fino al ritorno di Romeo da Mantova.

Il frate afferma di dare a Romeo notizia del piano in modo che possa tornare rapidamente a casa. Juliet prende la fiaschetta e torna a casa con essa. Anche se teme che la pozione la uccida o non funzioni, Juliet la beve e perde immediatamente i sensi. La mattina dopo, la famiglia Capuleti si sveglia e scopre che Giulietta è apparentemente morta.

Mentre i Capuleti piangono drammaticamente la perdita della loro figlia, Frate Lorenzo li rimprovera per le loro lacrime. Nella vita, dice, hanno cercato la promozione sociale di Julieta, ora che è in paradiso, ha accolto la promozione più grande di tutte.

A Mantova, il servo di Romeo di nome Baltazar si avvicina e gli dice che Giulietta è morta. Romeo, che è devastato, pensa di “rinnegare le stelle” e tornare a Verona. Tuttavia, prima di lasciare Mantova, visita la bottega di un farmacista locale che vende veleni proibiti. Se Giulietta è davvero morta, Romeo ha intenzione di bere la fiala di veleno e suicidarsi nella tomba della ragazza.

Tornato a Verona, Frate Lorenzo scopre che la confraternita di suo fratello Frate Juan non è stato in grado di consegnare la lettera sulla finta “morte” di Giulietta a Romeo, quindi Romeo non ha idea che Giulietta sia davvero viva. Frate Lorenzo si precipita nella cripta dei Capuleti per cercare di evitare qualsiasi calamità.

La fine di Romeo e Giulietta

Tuttavia, i problemi incombono sul mausoleo. Parigi è arrivata con la sua pagina con l’intenzione di spargere fiori intorno alla catatomba di Giulietta, mentre Romeo e Baltazar si avvicinano. Notando l’arrivo di qualcuno, il giovane Paride si nasconde per vedere chi è arrivato alla cripta, lì appare Romeo con alcuni strumenti con cui procede a rompere la tomba dei Capuleti.

Paris, sorpreso e offeso, si fa avanti per fermarlo ed è così che iniziano a litigare, ma Romeo finisce per causare danni mortali a Parigi. Atto successivo, Romeo riesce ad aprire la tomba di Giulietta. Mentre Romeo guarda Giulietta, nota che le sue guance e le sue labbra appaiono ancora arrossate dal sangue, ma credendo che sia morta, decide di bere il veleno dopo un ultimo bacio.

Frate Lorenzo arriva e trova davanti a lui una scena terribile. Quasi istantaneamente Julieta si sveglia e Fray Lorenzo la esorta a seguirlo senza guardare i corpi. Tuttavia, quando i suoni dell’orologio dei cittadini si avvicinano, il frate fugge e implora Juliet di seguirlo in modo che possa installarla in un convento.

Invece, Giulietta resta dietro con il cadavere di Romeo e vedendo il veleno nella sua mano cerca di berne una goccia dalle sue labbra ma Romeo non ne ha lasciato nessuno. Tuttavia, rimuove il pugnale di Romeo dal fianco e lo usa per togliersi la vita in seguito.

In un altro luogo si trovano Frate Lorenzo, Baltazar e il paggio di Parigi che raccontano quanto accaduto ai Capuleti, Montecchi e il Principe Escalo, che si presentano sulla scena per indagare su quanto accaduto.

Quando la verità viene scoperta, il principe Escalo dice ai rappresentanti di entrambe le case che il loro odio ha ucciso i loro figli, così che “tutti”, dice il principe, “sono puniti”. Infine, con la triste verità che non vedranno mai vivi i giovani innamorati, le due famiglie, i Capuleti e i Montecchi, accettano di porre fine alla loro inimicizia e di erigere statue d’oro dei figli l’una dell’altro nella piazza del paese.

Se ti è piaciuto, puoi acquistare il libro qui:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: