Semi di Chia: Proprietà e benefici di questo super alimento

I semi di chia sono un super alimento che di giorno in giorno espande la sua portata in tutto il mondo, ratificando la sua sorprendente quantità di benefici e proprietà che sono anche particolarmente utili per questi tempi.

chia semi

È una pianta lamiacea originaria della regione della Mesoamerica, ed è estremamente ricca non solo perché può essere preparata in una grande varietà di bevande e cibi di grande sapore, ma anche per il suo incredibile contributo nutrizionale al corpo umano, incorporando importanti minerali, vitamine, antiossidanti, acidi grassi essenziali e proteine, in alcuni casi come quest’ultimo, anche rappresentando esempi senza precedenti di abbondanza sul pianeta, motivo per cui è un elemento naturale che ti consigliamo vivamente di conoscere. Di seguito si riporta una sintesi obiettiva dei loro contributi, delle loro caratteristiche e qualità più significative.

Cosa sono i semi di chia?

La chia è una pianta erbacea conosciuta come Salvia hispanica L. e i cui semi sono utilizzati da migliaia di anni in un’ampia varietà di applicazioni, da quelle culinarie a quelle medicinali e persino estetiche.

Oggi il suo utilizzo si è diversificato in tutto il mondo e, infatti, i progetti per la produzione di queste sementi, considerate un alimento dalle capacità straordinarie, continuano a moltiplicarsi in diversi paesi, poiché la costante ricerca scientifica che continua a ratificare i molteplici benefici che offrono, ha favorito la notorietà e l’interesse in tutto il pianeta, tanto più per la sempre più persistente necessità di adottare un’alimentazione più varia, equilibrata e sana.

comprare semi di chia

In questo senso, i semi di chia sono un protagonista importante, cosa che è sorprendente considerando le proprietà come quelle che vi presentiamo qui di seguito, e alcune delle quali potrebbero non essere conosciute.

Proprietà dei semi di chia

I semi di chia sono considerati un prodigio naturale che contiene molteplici e incomparabili proprietà, ecco alcune delle proprietà più caratteristiche per iniziare a sorprenderti con il loro contributo incomparabile.

Molto accessibile agli esseri umani

Anche se il seme ha proprietà potenti, è abbastanza accessibile per gli esseri umani, vale a dire, in dosi moderate, può essere un ingrediente per il consumo quotidiano, e dovrebbe essere visto come quello che è: un vegetale che fornisce importanti sostanze nutritive per il corpo, e non un farmaco.

La stragrande maggioranza delle persone può assimilare in modo sicuro e sfruttare i benefici della chia, si consiglia solo di controllare le piccole eccezioni elencate di seguito, anche se in generale può essere utilizzato da persone di qualsiasi età e condizione fisica.

Anche se può sembrare quasi insapore, infatti, la chia ha anche un sapore di nocciola molto delicato e piacevole, che permette di aggiungerla facilmente ad un’innumerevole varietà di insalate, zuppe, cereali e ricette varie che si possono preparare sia fresche, condite o sotto qualche processo di cottura.

Semi di Chia

Proprietà medicinali

Il suo nome scientifico, e in particolare l’etimologia ‘salvia’, in latino è una parola che si riferisce all’azione di guarigione, una virtù che è riconosciuta in questa pianta fin dal suo appuntamento scientifico, ed è espressa attraverso molteplici capacità di migliorare la salute della persona e controllare vari disturbi come disturbi del cuore o dell’apparato digerente.

Ad esempio, le sue capacità antinfiammatorie ne fanno l’asse di alcuni trattamenti omeopatici per alleviare il dolore che si percepisce in alcuni casi, come nelle articolazioni, in quanto si presume sia stato usato anche nell’antichità per curare varie lesioni, in particolare alle estremità e alle ossa.

Anticancerogeno

Le proprietà alcaline dei semi di chia ne fanno uno dei semi con le più alte proprietà anticancerogene, ulteriormente rafforzato dalle sue abbondanti proprietà antiossidanti, e in particolare dalla sua elevata composizione di Acido Omega-3.

A questo proposito, una ricerca come quella di Francisco Muriana, dell’Istituto di Grassi di Siviglia (CSIC), indica che questa qualità di semi di chia riduce significativamente i tassi di vari tipi di cancro, come il cancro al seno, alla prostata e al colon. Lo stesso specialista suggerisce anche di consumarli arrostiti o macinati, in un massimo di due o tre cucchiaini al giorno, il che riduce anche l’incidenza di malattie cardiache, così come le malattie vascolari cerebrali.

Controindicazioni dei semi di chia

Migliora la funzione mentale

Tra i vari componenti dei semi di chia, troviamo l’acido caffeico, clorogenico o la quercetina, che svolgono un ruolo importante come grassi essenziali ma anche come antiossidanti neuroprotettivi, che favorisce la generazione di membrane cellulari più sane, dinamiche ed efficienti, in quanto consentono un flusso più ottimale nei processi di trasmissione nervosa, che naturalmente favorisce molteplici funzioni mentali come la memoria, il ragionamento e la capacità di focalizzare i pensieri in modo migliore.

Assenza di componenti tossici

Un’altra delle sorprendenti proprietà della chia è che, nonostante la sua alta percentuale di sostanze nutritive, antiossidanti e altre sostanze altamente favorevoli per l’uomo, allo stesso tempo ha quantità minime di alcuni degli elementi che sono attualmente considerati più dannosi.

Per esempio, risaltano gli zero milligrammi di colesterolo che ha, quindi si traduce anche in un nutriente favorevole per questo tipo di malattia, anche se viene sottolineata la sua bassa percentuale di sodio inferiore all’uno per cento; per questo motivo, e in combinazione con una dieta equilibrata e uno stile di vita sano, la chia può anche diventare un alleato per raggiungere un equilibrio nei livelli di sale, oltre agli effetti collaterali o possibili reazioni che sono scarse come vedremo più avanti.

Esso evidenzia anche il suo enorme valore nutrizionale, in quanto è, per esempio, una eccezione molto rara che comprende tutti gli amminoacidi essenziali esistenti, anche se approfondiremo questo in dettaglio qui di seguito quando analizziamo i molteplici benefici che questi piccoli semi di chia ci offrono.

Proprieta dei semi di chia

10 Vantaggi dei semi di chia

I semi di chia hanno guadagnato un posto importante nel consumo di milioni di abitanti in tutto il pianeta, perché i loro benefici sono stati evidenti generazione dopo generazione, per questo motivo, anche se oggi è considerata una moda per chi ama mangiare in modo informato, la sua importanza deriva da molti secoli fa; i benefici sono stati tali che è stata considerata la terza coltura più importante dell’America precolombiana, dal momento che gli abitanti con cui condivideva la sua origine geografica ne hanno scoperto una grande varietà di applicazioni, e così continuamente, in tempi diversi di umanità sono stati scoperti e scientificamente giustificati, i motivi per cui questa coltura è considerata un super-alimento.

Qui ci sono 10 esempi che chiariscono i benefici importanti che i semi chia sono in grado di fornire:

Fonte eccellente di Omega 3

Il consumo di semi di chia ti protegge dalle malattie cardiovascolari grazie al loro alto contenuto di acidi grassi essenziali come l’Omega 3. I semi di chia non sono solo una grande fonte di Omega 3; sono infatti la fonte vegetale con il più alto contenuto di questo acido grasso e rappresentano addirittura un contributo sette volte maggiore rispetto agli alimenti di origine animale di alta qualità, come il salmone.

Per questo motivo, i semi di chia sono considerati utili anche per regolare l’ipertensione, ridurre il colesterolo, migliorare la circolazione sanguigna e ridurre i trigliceridi. L’Omega 3 previene anche malattie del sistema nervoso come stress o ansia ed è associato con una migliore performance scolastica e il rafforzamento del sistema immunitario, cioè quello responsabile della regolazione delle nostre difese.

consumo dei semi di chia

Alto assorbimento di energia

Una caratteristica delle culture antiche come quella maya era la cura ossessiva di chiamare le cose con il loro nome più adatto, e la parola “chia” ne è un esempio, poiché il suo significato in Maya è proprio “forza”. Un nome che è comprensibile se si considera che era un ingrediente essenziale per attività fisicamente impegnative come ad esempio i corsisti di lunga distanza, anche se il suo uso è stato anche collegato al suo uso come parte del rituale di preparazione per una battaglia.

La sua spettacolare combinazione di sostanze nutritive si traduce in un banchetto succulento per l’organismo, perché secondo i livelli che sono stati verificati da organismi come il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA), i semi di chia contengono il doppio di proteine rispetto a qualsiasi altro seme del pianeta, tre volte più ferro delle verdure famose per questa qualità, come gli spinaci, e 100 grammi rappresentano il 59% della dose giornaliera consigliata di vitamina B3, 48% di vitamina B1, 91% di magnesio, 46% di zinco e anche in alcuni casi non sono necessari nemmeno 100 grammi, in quanto questo rappresenterebbe il 131% della dose giornaliera consigliata di manganese o 123% di fosforo.

Con questi esempi, ha più senso il motivo per cui i semi di chia sono stati considerati da tempi immemorabili come un’importante fonte di energia, tanto che ora vengono anche utilizzati come ingrediente importante nella dieta degli sportivi professionisti.

Aiuta ad aumentare la massa muscolare

D’altra parte, i semi di chia contengono anche un’alta percentuale di fibra, infatti circa il 33% è fibra, la maggior parte della quale è insolubile; questa qualità (100 per cento in più di fibra alimentare rispetto ai Bran Flakes), insieme all’elevato apporto proteico di cui abbiamo parlato, genera un effetto che aumenta la massa muscolare se combinato con l’attivazione fisica, in quanto le sue proprietà consentono anche una più rapida rigenerazione delle cellule e dei tessuti.

Per questo motivo, il suo apporto è consigliato anche per recuperare le energie spese in uno sforzo fisico ad alta esigenza.

Fonte di proteine per vegetariani e vegani

Uno dei problemi principali – forse il più grande – che devono affrontare le persone che vogliono adottare una dieta priva di animali è quello di ottenere l’apporto proteico a cui sono abituati gli esseri umani, che è una qualità notevole della carne, e che di solito è più difficile da trovare nel regno vegetale, il che è anche la causa di un gran numero di condizioni di coloro che assumono una dieta vegetariana, ma sbilanciata.

In questo senso, i semi di chia sono anche un elemento indispensabile per i vegani, per la loro enorme quantità di proteine; infatti, i 16,54 grammi di proteine che otteniamo per 100 g di semi di chia, si traducono in una maggiore quantità di proteine rispetto, ad esempio, alle uova di gallina (12,6 g), e anche maggiore di alcune parti di animali come il lombo di maiale (16,25 g), anche se con i vantaggi di essere un prodotto vegetale.

Sono antiossidanti e depurativi

Ma un’altra delle qualità più interessanti dei semi di chia si trova negli antiossidanti, perché è anche noto che questi piccoli ma fantastici chicchi contengono tre volte più antiossidanti di altri ortaggi ricchi di questo settore, come i mirtilli.

Ci sono anche studi come quello della Facoltà di Scienze Biochimiche dell’Università Nazionale di Rosario, dove si conclude che i flavonoidi sono la fonte principale di questo effetto antiossidante, che protegge l’organismo da malattie cardiovascolari, tumori o virus, solo per citare alcuni esempi, anche se nel caso dei semi di chia, il processo è anche svolto in modo più efficiente e con meno effetti collaterali rispetto agli antiossidanti artificiali.

chia super alimento

In questo settore, le sue qualità purificanti per l’eliminazione dei liquidi e delle tossine multiple che si possono trovare disciolti nel corpo sono anche motivo di attenzione.

Per questo motivo non sorprende che la presenza di applicazioni antiossidanti dei semi di chia sia stata documentata, anche a partire da 3500 anni prima dell’era moderna, in alcune zone dell’attuale Messico, e dove già esisteva una documentazione di come queste qualità fossero utilizzate per conservare la farina di semi di chia immagazzinata per lunghi periodi, cosa insolita nei semi oleosi, ma che, grazie alle insolite proprietà antiossidanti, è stato possibile implementare in questo caso.

Sono antinfiammatori

Un altro dei noti benefici dei semi di chia è la loro capacità di agire come un agente antinfiammatorio, cioè di ridurre l’infiammazione dei tessuti del corpo.

Questo ha anche molteplici applicazioni, in quanto viene utilizzato come trattamento naturale per le condizioni legate a questo problema, come la sindrome di Crohn, artrite reumatoide o psoriasi, per citarne solo alcuni.

Sebbene il suo utilizzo sia implementato anche a livello estetico, gli esperti di bellezza ne consigliano vivamente l’utilizzo in casi come irritazioni o infiammazioni cutanee, oltre ad essere considerato un rimedio infallibile per diluire gli arrossamenti e il prurito che possono causare alcune allergie, oltre ad un’eccessiva esposizione alla luce del sole.

Fonte di calcio

Se non riesci a credere ai tanti benefici di chia, controlla i documenti scientifici da solo, perché un’altra sorprendente capacità di questo grano, è la sua enorme assunzione di calcio, che è 5 volte più grande che nel latte intero, per esempio, ed è una fonte importante che rappresenta il 63% del consumo giornaliero consigliato per gli esseri umani in una proporzione di 100 grammi di semi.

Questo è di capitale importanza perché si tratta di uno degli elementi più importanti per lo sviluppo dell’essere umano, essendo un fattore essenziale per la crescita, oltre ad essere un asse in processi importanti come la gravidanza o l’allattamento, anche se in realtà le sue funzioni all’interno dell’organismo sono contate da decine, dalla regolazione dei battiti cardiaci, mantenendo il tono dei muscoli, di agire come mediatore intracellulare essenziale per la coagulazione del sangue, come stabilizzatore delle funzioni metaboliche, o, naturalmente, anche per la generazione e il mantenimento del sistema osseo e dentale.

semi di chia dieta

Regolano l’idratazione del corpo

Il seme di Chia, oltre a regolare il livello degli elettroliti, può anche controllare l’idratazione all’interno del corpo, in quanto può agire come una sorta di spugna in grado di assorbire acqua circa dodici volte più del proprio peso, che può essere un fattore di aiuto per i problemi di ritenzione idrica.

Se d’altra parte, si sta cercando di generare un effetto reidratante, ha anche la capacità di produrre più idratazione, una sensazione di sazietà, ritenzione di umidità e un migliore assorbimento dei nutrienti, basta ricordare che per ottenere meglio questo effetto nel corpo, si consiglia di rilasciare il gel dal seme in anticipo, altrimenti si genererà l’effetto opposto, cioè i semi, invece di idratare, assorbiranno l’acqua dal corpo durante il processo di digestione. Di seguito ti forniamo i dettagli su come rilasciare questo gel, se non lo sai ancora.

Proteggono dalla contaminazione

Un altro notevole vantaggio dei semi di chia è che per la loro produzione non si utilizza normalmente l’aratura e possono essere effettuati processi di semina diretta, che permettono un aumento della quantità di acqua che si infiltra nel sottosuolo, il che significa un fattore importante per ridurre l’erosione del suolo, oltre ad essere una pianta che ha più nutrienti, il suo ruolo è fondamentale in termini di capacità di trattenere la materia organica e promuovere il ciclo dei nutrienti nel terreno in cui si sviluppa.

Ha inoltre acquisito un ruolo importante in diversi paesi in cui è prodotto, generando una significativa rotazione colturale, che contribuisce a migliorare la qualità del suolo, oltre a rappresentare alternative di sviluppo più efficienti e sostenibili per il settore, e che rappresentano anche un maggiore valore monetario, a causa di fattori quali la saturazione di altri prodotti sul mercato.

Ideale per i diabetici

I semi di chia rilasciano un gel che dopo pochi minuti agisce da barriera fisica alla digestione enzimatica di alcuni carboidrati; per questo motivo, la chia è considerata uno degli alimenti più benefici per i diabetici, in quanto permette una migliore digestione e decomposizione di questo tipo di elementi, neutralizzando così i livelli di zucchero nel sangue e favorendo al contempo l’assorbimento dei nutrienti.

Per questo motivo è diventata un trattamento importante per controllare i livelli di glucosio attraverso tecniche naturali e senza farmaci rischiosi. Si consiglia anche per i diabetici di tipo 2, come forma di protezione per il cuore, oltre a promuovere la circolazione, che riduce le infezioni ai piedi che possono verificarsi in questi casi, oltre alla sua funzione di stabilizzazione del colesterolo, ha anche grandi benefici per il controllo del peso, come vedremo più dettagliatamente nella prossima sezione.

Semi di Chia per perdere peso?

La fibra non solubile presente nei semi di chia aiuta ad eliminare gli sprechi prevenendo il disagio come la stitichezza e combattendo l’obesità attraverso una migliore digestione.

Questa qualità del chia come naturale regolatore dell’apparato digerente, serve anche a combattere l’intestino pigro, che può essere un fattore che favorisce il sovrappeso, anche se naturalmente deve essere effettuata sotto un efficace processo idratante al fine di rilasciare più facilmente tossine ed eccedenze.

Semi di Chia per perdere peso

E anche se per illustrare i contributi di chia, ci riferiamo a una misura comune standardizzata di 100 grammi, in realtà studi scientifici, come quelli del British Journal of Nutrition, precisano che in realtà una fornitura di soli 25 grammi al giorno è una quantità adeguata e sicura, che è anche applicabile se l’obiettivo è quello di perdere peso.

Anche le sue qualità per ridurre l’appetito, che sono utili per evitare di cadere in eccessi, così come la sua capacità di combattere l’ansia, sono fattori che incoraggiano un comportamento che ci permette di migliorare le nostre abitudini più facilmente, senza frustrazioni e in un processo sicuro che può anche aiutarci nella nostra missione di perdere peso.

I benefici in questo senso non sono solo interni e psicologici, i semi di chia contribuiscono esternamente quando l’obiettivo è quello di raggiungere un corpo con il quale possiamo sentirci meglio, perché oltre al suo apporto di calcio permette di tonificare i muscoli, facilitando ad esempio la formazione di uno stomaco piatto, ci sono anche componenti come i suddetti Omega-3 che diventano agenti che contrastano condizioni come la cellulite, attraverso un processo focalizzato sulla bruciatura del grasso in eccesso, in particolare in aree come l’addome o la vita.

Uso e consumo dei semi di chia

L’uso principale di semi di chia è come un importante elemento nutrizionale che fornisce anche un contributo terapeutico al corpo attraverso i suoi numerosi benefici, qui di seguito elenchiamo alcune delle sue forme più comuni di consumo.

In modo grezzo

Crudi, preferibilmente macinati, i semi mantengono un’importante quantità di sostanze nutritive e possono essere facilmente aggiunti a tutti i tipi di insalate, stufati o anche dessert, in quanto il suo sapore delicato lo rende molto facile da adattare, e può diventare un discreto integratore nutrizionale per una vasta gamma di cibi e bevande.

In questa presentazione macinata si utilizzano anche per la produzione di farine, alcune delle quali molto tradizionali della Mesoamerica, come il pinole, un impasto normalmente derivato dal mais, che viene utilizzato per preparare bevande ricche con una tonalità dolce e densa.

Con la mucillagine rilasciata

Nel caso dei liquidi, la forma più comune di consumo è attraverso le acque di frutta; questo processo, come abbiamo visto in precedenza, rilascia un gel insipido e gelatinoso, e che favorisce in modo significativo il processo digestivo, oltre a facilitare l’accesso ancora maggiore alle sostanze nutritive.

Anche la sua preparazione è molto semplice, basterà lasciare i semi in ammollo in un contenitore con acqua pulita per 6-10 minuti; a poco a poco il gel inizierà ad essere rilasciato in ciascuno dei grani, dopodiché sarà praticamente pronto a diventare l’ingrediente di ogni tipo di bevanda, particolarmente rinfrescante, essendo una delle più comuni che si combina con il succo di limone; dando vita ad una sorta di limonata, ma con un’aderenza un po’ viscosa ma abbastanza nutriente e con il suo sapore diluito dall’agente principale.

Controindicazioni dei semi di chia

In generale, la chia non contiene elementi tossici, anche se il suo uso può essere scoraggiato in alcuni casi, e il suo consumo con metodi non corretti può anche generare problemi.

Cosa non si dovrebbe mai fare con la chia

Come abbiamo visto nella sezione precedente, i semi di chia sono di solito consumati macinati, imbevuti per rilasciare il gel o cotti in un piatto delizioso, anche se è importante che siate a conoscenza di alcuni casi che sono venuti a causare gravi conflitti.

Ad esempio, sono stati segnalati incidenti in cui persone imprudenti quasi soffocano il tentativo di consumare semi di chia interi e duri con il cucchiaio, il che può bloccare la gola. In questo modo, si sconsiglia completamente il loro consumo, poiché se si vogliono sfruttare tutti i nutrienti, macinati o imbevuti, sono alternative molto più sicure ed efficienti.

Vantaggi dei semi di chia

Attenzione ai nutrienti in eccesso

Sebbene si parli dell’uso della chia da millenni, in realtà la sua introduzione commerciale è relativamente recente in regioni come l’Eurozona, dove è stata regolamentata solo negli ultimi anni; nel 2009, ad esempio, è stata aperta la possibilità di consentire prodotti con questo seme in quantità non superiore a 15 grammi; nel 2013 sono state apportate modifiche che ne hanno esteso l’autorizzazione alla commercializzazione di prodotti come cereali o pane, ma con la restrizione di non superare del 10 per cento la sua percentuale nel prodotto.

Questo tipo di cautela è dovuta principalmente al fatto che questo super alimento può anche fornire un surplus di alcuni elementi, quindi è consigliabile progettare una dieta consigliata da uno specialista della nutrizione, in particolare nei casi sensibili come quando l’uso di anticoagulanti è richiesto su base giornaliera, in quanto l’uso di semi chia può essere in grado di alterare il flusso sanguigno in modo significativo, anche se fatto in modo moderato, di solito non comporta ulteriori danni, e, al contrario, i benefici sono tantissimi.

Può anche essere un elemento allergenico

Va inoltre tenuto presente che la chia, che presenta caratteristiche multiple tipiche della frutta secca, può anche essere un fattore che causa allergie, in particolare nelle persone che hanno una storia di reazioni avverse a questo tipo di verdura.

La cosa migliore da fare in questo senso, in caso di dubbio, è iniziare con dosi minime, in modo che la reazione allergica possa essere controllata più facilmente se si verifica.

Dove comprare i semi di chia?

Negozi naturisti

Nei centri erboristici, mercati o negozi specializzati in prodotti naturali, la chia è generalmente un prodotto indispensabile e facilmente accessibile; in alcuni casi anche nella sua presentazione più naturale, anche se è più efficiente e meno complicato optare per i semi di chia già separati in contenitori di plastica o di vetro, in quanto va notato che non tutti sono commestibili, quindi occorre effettuare una selezione per poter conservare solo quelli completamente bianchi o neri, nel caso in cui si scelga di acquistarli nella loro presentazione naturale.

semi di chia super alimento

Supermercati

A seconda della regione in cui ci si trova, si può già avere la chia a disposizione nel supermercato più vicino, a volte si tratta di sacchetti o bottiglie, in modo che si possono nascondere nella più ampia varietà di prodotti, anche se si chiede al responsabile del reparto, è possibile confermare la loro possibile esistenza.

Negozi online

Attualmente è possibile trovare anche piattaforme digitali che offrono servizi di vendita online, ed è anche possibile accedere alle varie forme di presentazione del seme, essendo la più comune attraverso il confezionamento direttamente dai produttori. Basta assicurarsi di rivolgersi a siti affidabili, di cui esiste una grande varietà, dalle gigantesche piattaforme di vendita come Amazon, a quelle meno famose ma altamente specializzate dove si possono trovare anche semi di chia di qualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: