Slot: dal selvaggio west alla realtà virtuale

Qual è il più iconico dei casinò? Sicuramente, molte persone diranno che il più comune è vedere i tavoli di poker e blackjack. Altri diranno che la roulette è qualcosa che non può mancare in nessuno di loro. Le opinioni sono molte e varie, ma quale dispositivo è onnipresente in tutte le sale da gioco, casinò, bookmaker e così via? Infatti: le slot machine. Come la maggior parte dei giochi da casinò, le slot hanno una storia che risale a più di un secolo fa, ma grazie ai grandi progressi tecnologici, gli sviluppatori stanno riuscendo a creare imprese reali per farci sentire come se fossimo all’interno della macchina stessa … E no, lo siamo non esagerando.

L’origine delle slot

Come abbiamo detto, si ritiene che le slot abbiano avuto origine nel XIX secolo, nel selvaggio West, e all’inizio erano fortemente legate al poker. La febbre del poker, nella sua variante Texas Hold’em, ha portato alla creazione di macchine automatiche sul popolare gioco di carte. Avevano cinque rulli da spinning (i primi “rulli”) sui quali si potevano vincere i premi, sebbene questi fossero dati dai dipendenti del negozio e non fossero costituiti da denaro ma da bevande gratuite, tabacco e altri prodotti. Si dice che questa macchina sia stata inventata dai fratelli Sittman e Pitt e sarebbe stata l’antenata della macchina che sarebbe passata alla storia: la Liberty Bell Machine, inventata da un americano di nome Charles Fey. Il funzionamento di questa primitiva slot machine era abbastanza semplice, in quanto aveva solo 3 rulli e 5 simboli: una campana, un ferro di cavallo, un cuore, un diamante e un asso di picche. Quasi tutti questi simboli, a proposito, appaiono ancora oggi nelle slot machine, anche in quelle online, fino ad oggi. Sia le macchine dei fratelli che quelle di Fey avevano un’operazione simile, cioè dovevi inserire una moneta e tirare la leva per far girare le bobine, ma una delle loro principali differenze è che la Liberty Bell aveva un meccanismo che offriva monete automaticamente in base al risultato del tiro … e Sittman e Pitt no. Questo “piccolo” dettaglio (essere pagato immediatamente è una potente attrazione) ha dato il via al “boom” delle slot machine e ciò che ha fatto il nome di Charles Fey nella storia per i suoi meriti.

Dai casinò fisici all’online

Il resto è storia: le slot sono qui per restare, ma si sono evolute poco fino all’arrivo di Internet, e da allora non hanno smesso di evolversi: dal riprodurre semplicemente solo quello che mostravano le classiche slot da casinò con i loro 3 rulli e 5 simboli, a virguerie autentiche come il famosissimo Starburst, creato da NetEnt, e Thunderstruck II, progettato da Microgaming, entrambi rinomati designer, e che hanno una versione in realtà virtuale. Dai classici segnali acustici emessi dalle slot classiche, alle colonne sonore autentiche che arrivano persino a catturare effetti speciali dai film, come quelli basati su franchise come Terminator, JurassicPark o Gladiator. La pandemia ha solo costretto gli sviluppatori ad acuire il proprio ingegno, dal momento che il 2020 non è stato un anno particolarmente buono per i casinò, ma è proprio la parte online a tirare il carro in tempi difficili. In assenza di poter mettere piede nelle case di scommesse fisiche, quelle online ci consentono una moltitudine di opzioni, e ci permettono persino di operare con Bitcoin e altre criptovalute. Ed è che stare a casa (cosa che consigliamo vivamente in questo momento) non deve essere noioso …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: