Strategie SEO: dove stiamo andando?

Il posizionamento su Internet continua a essere il principale cavallo di battaglia degli imprenditori digitali. E il motivo è logico; c’è sempre più concorrenza nella rete ed è più difficile farsi conoscere. Per verificarlo basta dare uno sguardo al sito Live Stats, che riflette in diretta e dirige i movimenti che avvengono su internet: sono circa 1.700 milioni i siti e il numero aumenta di secondo in secondo.

Di fronte a tanta concorrenza, si impone posizione, o qual è lo stesso: fatti conoscere. Questo è ciò di cui si occupa il consulente SEO ed è la pietra angolare per costruire un business solido con una prospettiva futura. Dove sta andando la SEO oggi? Quali sono le strategie per posizionarsi e distinguersi dalla concorrenza?

La prima cosa, il cellulare

Tutti gli esperti SEO concordano su questa premessa: le strategie incentrate sui dispositivi mobili devono avere la priorità. Gli smartphone sono diventati uno strumento fondamentale nella vita di tutti i giorni, soprattutto durante la spesa. Pertanto, tutti i siti Web devono essere preparati secondo i criteri reattivoe questo implica adattare i testi allo schermo del cellulare e ottimizzare le immagini in modo che il download consuma pochi dati.

Un altro aspetto in cui si lavora sempre di più è il SEO per app. Posizionare un’app non è facile perché c’è una forte concorrenza. È necessario ottenere una presenza nei canali di download e lavorare su altri concetti, come parole chiave e costruendo collegamenti o link building.

SEO per WordPress

La piattaforma WordPress è ancora la numero 1 per la creazione di pagine web e incorpora già le proprie funzionalità (plugin) volte a guidare il cliente verso una SEO efficace. Ma sfruttare i plugin non è facileEcco perché una buona parte degli utenti finisce per rivolgersi a un consulente specializzato in WordPress SEO, in grado di rilevare errori e riformulare approcci.

Un elemento chiave che gli utenti di WordPress devono tenere a mente è questo il concetto di “parola chiave” sta cambiando. Google ora sta scommettendo frasi più lunghe e naturali e costringe a strutturare la SEO sulla base di queste premesse. Un altro aspetto importante è legato al contenuto. Il ricercatore premia la qualità e l’originalità e questo richiede un lavoro rigoroso. Gli utenti di WordPress che hanno scaricato il plugin Yoast SEO lo hanno un po ‘più facile in questo senso, perché include consigli su leggibilità, strutture e titoli.

Ricerche vocali e di immagini

Negli ultimi tempi le ricerche vocali stanno guadagnando importanza tramite dispositivo mobile. Infatti, la metà degli utenti già effettua le ricerche in questo modo, senza dover digitare o essere a conoscenza dello schermo. Questo cambiamento nelle abitudini si rifletterà nella SEO e lo stesso accade con le ricerche per immagine o ricerca visiva. Si tratta di approcci che i negozi e le aziende virtuali devono tenere in considerazione, soprattutto se vogliono competere con i colossi della distribuzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: