Volano bimassa: cosa succede se si rompe e perché costa così tanto ripararlo?

La potenza dei motori del veicolo genera uno scuotimento che sarebbe insopportabile se non avessero il volano bimassa, noto anche come volano; parte la cui funzione è quella di smorzare le vibrazioni del motore e impedirne il passaggio al cambio, ai differenziali e al posteriore della vettura.

Oggi i motori sono così potenti e così piccoli – 1.500 centimetri cubi, 1.600, 2.000 cc – con potenze che si aggirano intorno ai 150, 180 e 200 cavalli, il che significa che c’è molta energia che lavora in un piccolo spazio e produce un motore alto vibrazione.

Il modo per evitare che queste vibrazioni passino all’indietro è con una coppia di masse e contrappesi (parti interne solide), e una molla che agisce contro quelle masse, componenti del volano bimassa.

Cosa succede se il volano bimassa si rompe?

Poiché è un ammortizzatore, questa parte si consuma con l’uso, poiché tutte le vibrazioni vengono ricevute e neutralizzate, sopporta attriti e usura costanti, quindi ha una vita utile che, una volta esaurita, tutte le vibrazioni del motore andranno a essere trasferito al cambio, e il risultato è che con il tempo e le vibrazioni il cambio diventa fuori regolazione e può allentarsi.

Questi disallineamenti della cassa, a loro volta, comportano la necessità di smontarla, cambiare i cuscinetti ed effettuare una serie di riparazioni profonde e costose. Allo stesso modo, se le parti del volano bimassa sono allentate, è molto probabile che il funzionamento del motore ne risentirà, la cui riparazione potrebbe richiedere un investimento molto maggiore.

La questione del volano bimassa genera molte polemiche, a causa della mancanza di conoscenza che esiste su questo pezzo e della resistenza che alcuni proprietari di auto hanno nell’assumere la spesa per ripararlo o sostituirlo.

Bisogna però considerare che questa parte resiste ad attriti ed usura costanti, motivo per cui deve essere controllata frequentemente e mantenuta in buono stato, facendo gli opportuni investimenti per evitare danni ad altre parti del veicolo.

Perché costa così tanto riparare?

Il motivo principale per cui riparare un volano bimassa è costoso è perché sono necessarie molte ore di lavoro, perché per arrivare alla parte dove si trova il volano bimassa, il cambio del motore deve essere smontato, lavoro che può richiedere più di quattro ore continue.

Inoltre, al prezzo del volano bimassa, parte a cui è fissato, va aggiunto il costo della tenuta dell’albero motore.

Come sapere se il DMF non funziona?

Uno dei segnali che il veicolo dà quando il volano bimassa presenta un’anomalia è la serie di rumori metallici sia all’avviamento che durante la guida, soprattutto se è fermo e l’intenzione è di premere la frizione per riprendere la guida, oppure anche quando si spegne il motore.

Allo stesso modo, le vibrazioni nella leva del cambio, nella frizione o nel sedile stesso sono segni che il volano bimassa è danneggiato, e se queste vibrazioni sono accompagnate dai suoni metallici che sono stati citati, tutto è indicativo che deve rivedere come il più rapidamente possibile.

In generale, quando il volano bimassa è danneggiato, soprattutto a causa del lungo tempo in cui è stato in funzione, è necessario sostituire anche la frizione, in modo che tutto il sistema funzioni perfettamente e si eviti il ​​danneggiamento del nuovo volano.

I nuovi DMF sono stabili, non hanno gioco assiale, non generano urti al termine del movimento rotatorio e smorzano efficacemente le vibrazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: